Che materia stai cercando?

Istologia e embriologia umana - tessuto connettivo Appunti scolastici Premium

Appunti di Istologia e embriologia umana per l’esame del professor Tajana. Gli argomenti trattati sono i seguenti: il tessuto connettivo, la sostanza
fondamentale, il collagene, il GAGs, ovvero glicosamminoglicani, Core protein, una proteina centrale che forma l’asse su cui si legano i vari GAGs.

Esame di Istologia ed embriologia umana docente Prof. G. Tajana

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

elica, è detto La probabilità che si verifichi un cross linking cresce con

cross linking.

il passare del tempo, ma anche altri fattori, come periodi intensi di esposizione ai

raggi solari, favoriscono la formazione di legami covalenti crociati e quindi portano il

collagene ad invecchiare.

2.3 Cellule del tessuto connettivo

I sono le cellule fondamentali del tessuto connettivo propriamente detto;

fibroblasti

la loro funzione è quella di produrre le fibre e gli altri componenti della matrice

extracellulare, che costituisce l'elemento di gran lunga più abbondante del tessuto, e

dalla quale dipendono le funzioni di sostegno proprie del connettivo. I fibroblasti sono

generalmente di aspetto fusiforme, sebbene ne esistano varietà che presentano

morfologie anche molto diverse, come un aspetto stellato o tentacolare. Si trovano

generalmente dispersi nella matrice da loro stessi creata, ed in molti casi sono

disposti lungo le fibre.

Gli autori della disposizione ordinata nello spazio dei componenti della matrice

extracellulare appartengono al cosiddetto formato da:

team fibroblastico,

Fibroblasto, cellula che sintetizza i vari componenti della matrice;

• Fibrocita, cellula che monitora la situazione attuale della matrice;

• Fibroclasta, cellula che attiva le demolendo e rinnovando la

metalloproteasi,

• matrice;

Miofibroblasta, cellula che dispone e orienta nello spazio le varie componenti

• per ottimizzare al meglio le loro funzioni.

Il telaio formato dal team fibroblastico può andare incontro a delle progressive

trasformazioni, diventando in un primo momento cartilagine e poi tessuto osseo.

Cellule di funzione analoga sono presenti nei diversi sottotipi di tessuto connettivo,

anche se presentano in alcuni casi peculiarità funzionali. In particolare:

I condroblasti producono la matrice del tessuto cartilagineo;

• Gli osteoblasti producono la matrice del tessuto osseo, caratterizzata dal fatto

• di essere calcificata;

I cementoblasti e gli odontoblasti producono la matrice nei denti.

È bene sapere fin da ora che il sangue è un tessuto connettivo specializzato, dove

una certa componente cellulare è immersa in una particolare sostanza fondamentale,

liquida, detta plasma.

2.4 Patologie del connettivo

Le proteine immerse nella membrana plasmatica sono in continuo movimento. Tale

movimento è causato dall’interazione di queste proteine con il citoscheletro

sottostante la membrana, cioè la corteccia cellulare. Ma il citoscheletro è il

responsabile anche della perfetta organizzazione della matrice extracellulare. Infatti

le molecole appena formate di collagene vengono agganciate da particolari proteine

di membrana, dette che a loro volta sono agganciate al

glicoproteine strutturali,

citoscheletro. È tale interazione tra il citoscheletro e le glicoproteine strutturali a

permettere il corretto assemblaggio e allineamento delle nanofibrille di collagene.

Infatti cattive disposizioni delle fibre potrebbero causare dei seri danni, come avviene

nel dove la matrice della cornea non è disposta regolarmente e

cheratocono,

genera l’aspetto piramidale della superficie della cornea.

Il cheratocono è una malattia della cornea (distrofia corneale progressiva non

infiammatoria) che generalmente colpisce entrambi gli occhi (85% dei casi). Il

problema insorge quando la parte centrale della cornea inizia ad assottigliarsi e ad

incurvarsi progressivamente verso l'esterno. Si verifica quindi una curvatura

irregolare della cornea, che perde la sua forma sferica, divenendo conica. Ha una

maggiore frequenza nel sesso femminile e sembra in relazione a disfunzioni della

ghiandole endocrine (ipofisi, tiroide). Può esistere anche una predisposizione

ereditaria. La malattia compare dall'adolescenza. La curvatura irregolare creatasi

modifica il potere refrattivo della cornea, producendo distorsioni delle immagini ed

una visione confusa sia da vicino che da lontano. Il paziente lamenta comunque una

diminuzione della vista, soprattutto da lontano. La vista continua a regredire

irreversibilmente, e può essere scambiata con una miopia associata ad

astigmatismo. Dopo qualche anno compaiono i sintomi della presenza del

cheratocono: l'occhio diviene più brillante, gli oggetti che si riflettono sulla cornea

appaiono deformati. L'occhio visto di profilo, mostra la cornea sporgente, nettamente

a cono. Utilizzando il biomicroscopio, si nota una diminuzione notevole dello

spessore sulla sommità della cornea. Col tempo, la sommità del cono diventa opaca


PAGINE

6

PESO

4.37 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in Medicina e chirurgia
SSD:
Università: Salerno - Unisa
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher antonioromanelli86 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Istologia ed embriologia umana e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Salerno - Unisa o del prof Tajana Gianfranco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Istologia ed embriologia umana

Istologia e embriologia - tendine
Appunto
Istologia e embriologia - cartilagine e osso
Appunto
Istologia ed embriologia umana - esame istologico e citoanalisi
Appunto
Istologia e embriologia - epitelio
Appunto