Che materia stai cercando?

Informatica: principali componenti hardware; comunicazione e archiviazione digitale; prof. S. Pigliapoco Appunti scolastici Premium

Appunti di una delle lezioni del prof S. Pigliapoco, nelle quali sono spiegati i componenti hardware del computer basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. dell’università degli Studi di Macerata - Unimc, facoltà di lettere e filosofia. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Comunicazione e archiviazione digitale docente Prof. S. Pigliapoco

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Essendo elettronica, alla mancanza dell’elettricità perse il contenuto (memoria

volatile). La RAM è la memoria di lavoro, cioè i bit elaborati sono SEMPRE

memorizzati in essa. Essa è usata perché più veloce. L’ HD infatti non è in

grado in quanto meccanico, di eguagliare la velocità dell’impulso elettrico. La

RAM può essere vista come una matrice tridimensionale dove sono presenti 32

miliardi di transistor, concentrati in una Barra di 1x2 cm. Ma come è gestita?

Della gestione della RAM è il sistema operativo che deve sapere quali posizione

occupa ciascun un bit (o pixel per le foto). Questa memoria ovviamente è

riscrivibile. Nella RAM oltre a word o alla foto è presente anche il software

applicativo (tanti quante sono le finestre aperte). Altra parte occupata nella

memoria è il sistema operativo che, in realtà, è alla base. Nella RAM la prima

fase di lavoro è il BOOTSTRAP, cioè il caricamento del sistema operativo nella

RAM. Colui che esegue il BOOTSTRAP è il CPU sotto istruzione dell’OS. Entra in

campo la ROM.

ROM

In essa ci sono le istruzioni che permettono di eseguire il BOOTSTRAP. È a sola

lettura e permanente ed è essa che da le istruzioni di caricamento del sistema

applicativo all’avvio. Essa è immodificabile ed è fornita dal produttore. In essa

abbiamo anche le istruzioni per gestire le situazioni di criticità tramite il BIOS.

Esso è anche quello che ti permette di bloccare da autorità quello che sta

facendo il sistema operativo (o che ha in coda). Il BIOS dunque sono un insieme

di codici che permettono la gestione di INTRAP (stato di blocco).

TECNICA DEL PAGING

Avviene quando la RAM è piena e consiste nell’individuare ciò che in essa non è

usato da più tempo. I bit di questi processi/file vengono spostati nel disco. Il

sistema operativo non fa altro che leggere dalla RAM e scrivere sul disco. Se

però torniamo sulla maschera dai dati spostati, dopo lungo tempo, i bit saranno

riportati sulla random access memori creando una “virtualizzazione”.

Ovviamente questo processo ritarda il sistema.

H.D.

Il disco fisso è una memoria permanente riscrivibile. Oggi come oggi un disco

fisso (considerato quasi superato ormai) minimo ha 500gb di memoria. Anche

esso memorizza del bit, ma essendo elettro meccanico, o per dir meglio

magnetico, ciò avviene grazie ad un campo magnetico. Il disco fisso viene

messo a rotazione a velocità costante. Su di esso c’è una pellicola terrosa e su

di essa sono realizzate delle “tracce” in forma di cerchi concentrici. Inoltre il

disco è scomposto in settori (degli spicchi di disco). La memorizzazione avviene

sempre dall’inizio di un settore e in una determinata traccia. Se il file supera la

dimensione del settore, o si continua nel settore adiacente (se presenta

spazio), o si scrive su un altro settore di un’altra traccia. Ciò porta ad un file

che non ha una registrazione su settori contigui, tanto più che noi usiamo il

disco aumenta la frammentazione del file. Il tempo di lavoro del disco rigido è

più lento rispetto alla RAM soprattutto in caso di memoria piena in quanto la

testina di lettura/scrittura deve trovare buchi. Per ridurre questi buchi viene


PAGINE

3

PESO

29.13 KB

PUBBLICATO

8 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Discipline della mediazione linguistica
SSD:
Università: Macerata - Unimc
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher pasquale.santedicola di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Comunicazione e archiviazione digitale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Macerata - Unimc o del prof Pigliapoco Stefano.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!