Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

favorisce l’ espressione dei geni che codificano per le

(Nuclear Factor-kB) che

trascrizione NFkB

proteine necessarie alle funzioni effettrici dei macrofagi fusione tra i lisosomi e

, favorendo la

, cioè l’

fagosomi ricchi di enzimi litici ad azione battericida attivazione da parte dei linfociti T 1

H

trasforma i macrofagi in cellule effettrici dotate di potenti proprietà antibatteriche :

macrofagi attivati rilasciano vari enzimi che uccidono i microrganismi fagocitati enzimi

 i , come gli

proteolitici enzima ossidasi enzima ossido nitrico sintetasi inducibile

catepsina G elastasi , l’ e l’

ed radicale

radicali liberi dell’O e ossido nitrico

(iNOS) che favoriscono la produzione di , come il

2

superossido perossido d’idrogeno perossinitrito potente attività microbicida

, il e , dotati di .

L’ γ α

IFN- agisce in sinergia con TNF- nell’attivazione dei macrofagi , specialmente nella

produzione di ossido nitrico .

macrofagi attivati innescano un processo infiammatorio acuto locale produzione di

 i attraverso la

TNF IL-1 chemochine mediatori lipidici a breve emivita

citochine fattore di

, specie , e , e come il

attivazione piastrinico prostaglandine leucotrieni favoriscono il

(PAF), (PG) e (LT) che

reclutamento di neutrofili e macrofagi capaci di fagocitare e uccidere l’agente infettivo .

macrofagi attivati rimuovono le componenti tissutali danneggiate durante il processo

 i

infiammatorio facilitando la riparazione del tessuto dopo che l’infezione si è attenuata

, , infatti si ha

secrezione di fattori di crescita stimolano la proliferazione dei fibroblasti

la che (Platelet-Derived

sintesi di collagene formazione di

Transforming Growth Factor-β) e la

Growth Factor), la (TGF-β,

nuovi capillari o angiogenesi (Fibroblast Growth Factor).

macrofagi attivati fungono da cellule APC specializzate attivazione da

 in seguito all’

i , infatti

parte dei linfociti T 1 macrofagi subiscono una serie di cambiamenti

i che consentono di

H

amplificare la risposta immunitaria specifica cellulo-mediata catturare e processare l’Ag

, cioè oltre a

esprimono un n° maggiore di molecole MHC-II molecole costimolatorie

(proteasoma, catepsine), e

B7 esprimono il recettore CD40 recettore per TNF presentare

, e il , per cui sono capaci di

+

efficacemente l’Ag ad altri linfociti T naïve CD4 producono l’IL-12 stimola la differenziazione

, che

dei linfociti T CD4 naïve verso i linfociti T 1 più responsive a CD40L e TNF α.

e sono

H

attivazione macrofagica richiede un notevole dispendio di energia

Bisogna ricordare che l’ e quasi

tossica causando danni alle cellule e tessuti sani circostanti radicali liberi

sempre risulta , , perché i

prodotti dai macrofagi e neutrofili non sono capaci di discriminare i batteri dal tessuto sano .


PAGINE

3

PESO

483.61 KB

AUTORE

kalamaj

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Immunologia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (a ciclo unico - 6 anni)
SSD:
Università: Foggia - Unifg
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher kalamaj di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Immunologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Foggia - Unifg o del prof Conese Massimo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Immunologia

Immunologia - Inflammosoma
Appunto
Immunologia - trapianti e rigetto
Appunto
Immunologia – HIV
Appunto
Immunologia – attivazione dei linfociti T naive maturi
Appunto