Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

‒7

TNF ad elevate [ ] sieriche inibisce la contrattilità miocardica e < il tono muscolare

‒ il (> 10 M)

vascolare ipotensione arteriosa shock

con e .

TNF può agire sulla superficie endoteliale trombosi intravascolare

‒ il favorendo la comparsa di ,

TNF stimola la sintesi del fattore tissutale da parte delle cellule endoteliali

infatti il che è un

potente attivatore della coagulazione inibisce l’espressione della trombomodulina

e che è un

potente inibitore del processo di coagulazione accentuati dall’eventuale

. Questi fenomeni sono

attivazione dei neutrofili ostruzione dei capillari necrosi tumorale

con da cui deriva la . ‒

pz con sepsi gravi indotte da batteri Gram

Lo shock settico o endotossico spesso si verifica nei ,

collasso cardiocircolatorio CID gravi alterazioni metaboliche

caratterizzata da , e , ed è dovuto

azione dei LPS stimolano l’iperproduzione di TNF, IL-12, IFN- e IL-1

all’ γ

che .

valutazione della [ ] sierica di queste citochine TNF assume un valore

Per cui la , specie del ,

prognostico per gravi infezioni da batteri Gram punto di vista terapeutico non esistono

, ma dal

molecole anti-TNF capaci di apportare benefici significativi nei pz affetti da sepsi .

CD40L FasL CD27 CD30 fattore di

La famiglia dei TNF comprende anche le molecole , , , ,

crescita neuronale . espressi come proteine di membrana

Il (FasL) e il (CD40L) sono

ligando di Fas ligando di CD40

sui linfociti proteine transmembrana espresse sulle

dove legano i che sono

recettori Fas e CD40

cellule bersaglio .

CD40L è molto importante per le funzioni effettrici delle cellule T CD4 indotto sulle

Il : viene

cellule T 1 e T 2 invia segnali di attivazione alle cellule B e ai macrofagi attraverso il

e

H H

recettore CD40 .

cellule T 1 esprimono il ligando Fas lega al recettore Fas

Alcune (FasL) che si (CD95)

H

stimolando l’apoptosi delle cellule bersaglio .

FasL e Fas sono coinvolti nei meccanismi di omeostasi dei linfociti T rimozione dei

Il , cioè nella

mutazioni di FasL o Fas malattia linfoproliferativa associata ad

linfociti e, in caso di si ha una

una grave reazione autoimmune . espresso sulla superficie degli

Inoltre, abbiamo il recettore (Receptor Activator of NFkB)

RANK

osteoclasti, macrofagi e cellule dendritiche legandosi al RANK prodotto dai linfociti T

che

attivati stimola il processo di riassorbimento osseo da parte degli osteoclasti pz

, , come nei

affetti da AR

.

La famiglia dei TNF comprende anche e che svolgono un ruolo critico nella

BAFF APRIL

sopravvivenza e differenziazione dei linfociti B

.

macrofagi neutrofili cellule endoteliali

prodotta stimolati dai LPS e TNF

L’ viene da , dai , e

IL-1

cellule epiteliali cheratinociti

, come i . grado di omologia < al 30%

L’IL-1 viene distinta in IL-1α e IL-1β che, seppur dotate di un , sono

capaci di legarsi agli stessi recettori di membrana indurre le stesse attività biologiche

e di .

IL-1 viene secreta in forma biologicamente attiva IL-1 viene attivata mediante

L’ α , mentre l’ β

proteolisi catalizzata dall’enzima , (IL-1β-Converting Enzyme).

proteasi cisteinica caspasi-1 ICE

porzione extracellulare

L’IL-1 recettore per l’IL-1 di tipo 1

interagisce con la del (IL-1R) e si

trasduzione del segnale dominio TIR

ha la attraverso il (Toll-Like/IL-1 Receptor) a livello della

porzione intracitoplasmatica interagisce

che con la , le

proteina adattatrice MyD88 chinasi IRAK e

(IL-1 Receptor-Associated Kinase) e la , che favoriscono

IRAK4 proteina adattatrice TRAF-6

attivazione dei fattori di trascrizione NFkB AP-1 regolano l’espressione dei geni necessari

l’ e che

per attivare le funzioni della cellula bersaglio . regolando la risposta

IL-1 in genere agisce in sinergia al TNF

l’

Funzionale

Dal punto di vista −

infiammatoria locale contro batteri Gram e altri agenti patogeni stimolando l’espressione di

,

molecole di adesione sulle cellule endoteliali (selectine e ligandi per le integrine) favorendo

adesione dei leucociti

l’ , ma se l’IL-1 per via ematica giunge all’ipotalamo

viene secreta in eccesso,

comparsa di febbre stimola la sintesi delle proteine di fase acuta a livello epatico

dove causa la e .

citochine strutturalmente omologhe

Le (chemotassi + citochine) sono , costituite da

Chemochine

polipeptidi 2 ponti disolfuro intracatena tra i residui di cisteina

contenenti , che consentono di

4 sottofamiglie

fare una distinzione tra , cioè:

primi 2 residui di Cys sono adiacenti

 chemochine CC, in cui i .

primi 2 residui di Cys sono separati da un aminoacido

 chemochine CXC, in cui i .

1 solo residuo di Cys

 chemochine C, dotate di .

2 residui di Cys separati da 3 aminoacidi

 chemochine CX C, dotate di .

3 leucociti cellule

chemochine CC e CXC sono quelle più importanti prodotte

Le e sono dai ,

endoteliali cellule epiteliali fibroblasti stimolate dai microrganismi citochine

, e , o da linfociti T

infiammatorie TNF IL-1

, specie e . Inoltre, numerose chemochine sono prodotte dai

stimolati dall’Ag organi linfoidi senza l’intervento di stimoli

, altre sono prodotte negli

infiammatori favoriscono la ricircolazione fisiologica dei linfociti

, dove .

Recettori per le chemochine recettori di membrana accoppiati alle proteine G

I sono sito di legame specifico per la

costituiti da un che presenta il

dominio extracellulare N-terminale

chemochina 7 -eliche idrofobiche

α

, un costituito da derivanti dal

dominio transmembrana

ripiegamento della catena polipeptidica per 7 volte nel doppio strato fosfolipidico della

membrana cellulare interagisce

, e un che con la proteina G

dominio intracellulare C-terminale

localizzata sul versante interno citoplasmatico della membrana cellulare , costituita dalle

subunità subunità α è legata ad una GDP

α, β e γ. In condizioni di riposo, con recettore libero, la ,

dopo il legame recettore-chemochina proteina G viene attivata GTP

mentre la , si forma una e si

distacco del complesso -GTP parte biologicamente attiva

α

ha il che rappresenta la che

interagisce con gli enzimi effettori secondi messaggeri

che favoriscono la formazione dei

attivazione delle funzioni della cellula bersaglio

responsabili dell’ .

recettori per le chemochine

Tra i abbiamo:

10 recettori per le chemochine CC CCR1 a CCR10

‒ , da .

6 recettori per le chemochine CXC CXCR1 a CXCR6

‒ , da .

chemochine mediano e regolano l’immunità innata e l’immunità specifica

Le :

chemochine regolano la ricircolazione dei linfociti T e B naïve tra il sangue e gli organi linfoidi

 le

secondari reclutamento o homing dei linfociti e

infezione/infiammazione

e in caso di favoriscono il

cellule dendritiche nei linfonodi e milza linfociti attivati verso i tessuti periferici sede

, e dei

dell’infezione chemochine favoriscono l’espressione e l’attivazione delle integrine che

dove le

stabilizzano il legame dei leucociti all’endotelio extravasazione o dei leucociti

trasmigrazione

l’

e

attraverso la parete endoteliale verso la matrice extracellulare sede dell’infezione

, .

chemochine CXC promuovono l’angiogenesi fasi iniziali del processo di riparazione

 le nelle

delle ferite stimolando la produzione di fattori angiogenetici da parte dei fibroblasti e cellule

,

infiammatorie .

chemochine sono coinvolte nello sviluppo di vari organi non linfoidi

 le .

interazione tra i recettori TLR e i profili

L’ in seguito all’

macrofagi

viene prodotta sia dai

IL-12 principale mediatore delle risposte immunutarie innate nei

microbici (PAMP) rappresentando il

confronti dei microrganismi intracellulari cellule dendritiche mature

, sia dalle in seguito

interazione tra CD40L espresso sui linfociti T helper attivati recettore CD40 espresso

all’ e il

giocando un ruolo fondamentale nelle risposte immunitarie specifiche cellulo-mediate

sulle APC

,

contro i microrganismi intracellulari . attivazione della via di trasduzione del

si ha l’

legame tra IL-12 e il recettore IL-12R

In seguito al

segnale attivazione delle tirosin-chinasi

Jak-STAT con e (Kinasi Janus)

Jak Tyk2 Jak2

fosforilazione dei residui di tirosina della coda citoplasmatica del recettore

responsabili della .

residui di fosfotirosina fungono da sito di legame per il dominio SH2

Alcuni del fattore di

presente nel citoplasma (Signal Transducers and Activators of Transcription),

trascrizione STAT4

tirosin-chinasi Jak catalizza la fosforilazione dei residui di tirosina della STAT4

poi la che

fungono da sito di legame per il dominio SH2 di un altro fattore di trascrizione STAT ,


PAGINE

5

PESO

417.72 KB

AUTORE

kalamaj

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Immunologia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (a ciclo unico - 6 anni)
SSD:
Università: Foggia - Unifg
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher kalamaj di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Immunologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Foggia - Unifg o del prof Conese Massimo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Immunologia

Immunologia - Inflammosoma
Appunto
Immunologia - trapianti e rigetto
Appunto
Immunologia – HIV
Appunto
Immunologia – attivazione dei linfociti T naive maturi
Appunto