Che materia stai cercando?

Citologia - potenziale di membrana e il potenziale d'azione

Appunti di Citologia per l'esame della professoressa Zavan. Gli argomenti trattati sono i seguenti: potenziale di membrana, acquaporine, canali potassio, canali “leaky”, l’equazione di Nernst, come funzionano i canali potassio, Come funzionano i canali potassio.

Esame di Citologia docente Prof. V. Zavan

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Come fa a farlo? Utilizza pompe, trasportatori e canali.

Sulla superficie è presente anche un canale cloro. Il cloro è favorito a uscire perché la cellula con

sistema di antiporto scambia il cloro (lo porta all’interno) dalla parte della membrana opposta a

quella che dà sul lume con lo ione bicarbonato. Lo ione bicarbonato si origina tramite reazione di

anidride carbonica e acqua da parte dell’anidrasi carbonica. Questo porta indirettamente alla

formazione dell’acido carbonico (H2CO3) ma l’acido carbonico si dissocia rapidamente in ione

bicarbonato e H+. Lo ione bicarbonato viene dunque scambiato col cloro e lo ione idrogeno viene

pompato in antiporto col potassio verso il lume dello stomaco (è una pompa perché utilizza ATP

per pompare fuori lo ione idrogeno in antiporto con lo ione potassio che viene pompato contro

gradiente). Quindi in questa situazione lo ione potassio esce verso il lume naturalmente perché la

concentrazione di potassio all’interno della cellula tende ad aumentare a causa della pompa e

insieme con lo ione idrogeno che è stato pompato nel lume promuove l’attrazione dello ione cloro

all’esterno perché lo ione cloro aumenta all’interno della cellula grazie all’antiporto e inoltre la

carica netta di ione potassio e ione idrogeno attraggono lo ione cloro. Ione idrogeno e ione cloro

formano esattamente l’acido cloridrico.

Il potenziale d’azione

Un’altra applicazione del potenziale di membrana è il potenziale d’azione. Questa è

un’applicazione più diretta perché il potenziale d’azione è il sistema con cui i neuroni trasmettono

un’informazione lungo la loro lunghezza.

Si tratta di un cambiamento temporalmente e spazialmente localizzato del potenziale di

membrana.

Questo è un neurone, costituito da

un soma (o corpo cellulare) che

possiede anche tutta una serie di

diramazioni, dette dendriti, e da un

assone, che è una diramazione

particolare poiché ha tutta una serie

di caratteristiche che permettono la

diffusione dello stimolo

che arriva al neurone sino alle sinapsi che

permettono la trasmissione dello stimolo alle cellule

che devono riceverlo (post sinaptiche). Questo

stimolo viaggia come un’onda elettrica,: la

stimolazione viaggia grazie a una modificazione

dell’ambiente elettrico della cellula, per la precisione

una modificazione localizzata del potenziale di

membrana.

Originariamente il potenziale d’azione è stato

misurato sugli assoni dei neuroni delle seppie. Ciò

perché vanno utilizzati degli elettrodi e i neuroni

devono possedere assoni abbastanza grandi e

lunghi: al tempo la tecnologia non era abbastanza

avanzata da usare elettrodi abbastanza piccoli da poter essere utilizzati sugli assoni dei neuroni

umani.

Inoltre gli assoni umani sono ricoperti da altre cellule, le cellule di Schwann, che formano una

guaina mielinica che è un isolante. I neuroni di seppia, al contrario, proprio in virtù della grandezza

e della lunghezza dei neuroni non hanno bisogno di questa guaina.

Il potenziale di membrana di queste cellule è di circa -60mV. Quando arriva lo stimolo si ha una

rapida depolarizzazione (il potenziale di membrana, originariamente negativo, in un millisecondo

diventa leggermente positivo). Da questa posizione poi si ha una ripolarizzazione della

membrana, sino addirittura a una iperpolarizzazione della stessa (il potenziale di membrana

diventa più negativo del potenziale originale). Lentamente poi si torna al potenziale originario.

Poiché il fenomeno è localizzato in un punto, misurando il potenziale in un altro punto non si

osserva nessuna variazione di potenziale. Successivamente però si osserva una variazione nella

zona più vicina a quella dove si è osservata la depolarizzazione inizialmente.

Praticamente un potenziale d’azione in un punto della membrana scatena una depolarizzazione in

una zona adiacente e dunque un nuovo potenziale d’azione in un secondo punto. Una sorta di

onda che si trasmette lungo tutto l’assone. Si torna dunque ad avere un potenziale di membrana

normale nella zona precedentemente caratterizzata da una variazione di potenziale, mentre la

parte più lontana sta depolarizzandosi.

Il cambiamento di potenziale è dovuto ai movimenti del sodio e del potassio e dal loro gradiente

di concentrazione. La concentrazione del sodio è maggiore all’esterno piuttosto che all’interno

mentre la concentrazione del potassio è maggiore all’interno. Ciò che si muove per primo è il sodio

che è responsabile della depolarizzazione: l’interno della cellula è

negativo, una volta avvenuto lo stimolo e raggiunto il potenziale soglia, si

aprono i canali del sodio che segue il proprio gradiente elettrochimico ed

entra nella cellula, invertendo il potenziale di membrana.

Questi canali poi vanno a chiudersi bloccando il flusso di sodio e a

questo punto entrano in gioco i canali di potassio a controllo di voltaggio

che si aprono nella fase calante della depolarizzazione. Aumenta

dunque in questa fase la permeabilità al potassio che esce fuori

seguendo il proprio gradiente elettrochimico (non solo chimico ma anche

elettrico poiché la cellula è ora depolarizzata e quindi è più negativo

fuori). L’uscita del potassio ripristina l’equilibrio elettrico. Il ritorno alle

condizioni normali è dovuto sia alla chiusura dei canali del sodio sia all’apertura dei canali del

potassio. Ora entra in gioco la Pompa Na+/K+ a ripristinare le concentrazioni degli ioni e il

potenziale di membrana. Canale del sodio.

Presenta un filtro di

selettività che fa

passare solo gli ioni

sodio.

La chiusura è nel lato

interno. Normalmente il canale è chiuso: possiede delle

alfa eliche che sono sensibili al voltaggio. Questi domini possiedono diversi amminoacidi carichi

positivamente che sono attratti verso il lato negativo della membrana: sono posizionati verso il lato

interno della membrana plasmatica. Questo mantiene i canali in una conformazione chiusa.

L’apertura è scatenata dalla depolarizzazione della membrana che avviene nella prossimità del

canale e che produce quindi lo spostamento delle alfa eliche. La depolarizzazione consiste

nell’inversione del potenziale di membrana e le alfa eliche si spostano dunque verso l’esterno.

Questo porta all’apertura del “cancello” e al momentaneo passaggio degli ioni sodio attraverso il

filtro di selettività. Questo ha una durata di circa un millisecondo, poi un altro dominio di questo

canale si sposta (modificazione allosterica) e va a bloccare il canale di passaggio del sodio.

La depolarizzazione della membrana porta alla rapida apertura dei canali del sodio voltaggio

dipendenti e alla loro altrettanta rapida chiusura (si auto inattivano) producendo un picco di entrata

del sodio nella cellula.

Lentamente, dallo stato di inattivazione, quando la membrana torna allo stato di polarizzazione

normale il canale torna allo stato di chiusura. Esiste un intervallo di tempo necessario perché i

canali di sodio voltaggio-dipendenti vengano ripristinati in una condizione in cui possono essere

attivati. Il passaggio va da chiuso ad aperto a inattivato. I canali una volta aperti vengono

inattivati e per un certo periodo di tempo non possono

essere più riaperti (periodo refrattario).

Questo schema rappresenta quello che succede

una volta che un impulso elettrico (di valore almeno

pari al valore di soglia) giunge all’assone. La

membrana si depolarizza rapidamente a causa dei

canali sodio voltaggio dipendenti che si aprono. Ciò

provoca l’apertura a catena di tutti i canali sodio

voltaggio dipendenti adiacenti. Man mano i canali

vanno ad essere inattivati e lentamente il potenziale

torna al potenziale di riposo. Alla fine la maggior

parte dei canali tornano allo stato di chiusura.

La caduta rapida del potenziale d’azione e il ritorno

ad una situazione addirittura più polarizzata della

membrana è dovuta ai canali del potassio.

Canali del potassio.

Anche i canali del potassio funzionano tramite un ciclo di

chiusura-apertura-inattivazione. Sono anch’essi voltaggio

dipendenti e si aprono quando la membrana viene

depolarizzata.

Assomigliano molto ai canali “leaky” in quanto possiedono

un filtro di selettività e una cavità centrale ma possiedono anche dei

domini (quattro) che possono inserirsi nel canale e portare all’inattivazione del canale potassio. Si

aprono con la membrana depolarizzata e lentamente

si

inattivano.

Sia l’apertura che l’inattivazione dei canali del

potassio è più lenta dei canali del sodio. Il flusso

del potassio non forma dunque un picco così

ripido come quello del sodio.

Il sodio entra velocemente permettendo la

depolarizzazione iniziale e quando poi questi

canali son tutti inattivati i canali del potassio sono ancora nello stato di apertura permettendo la

ripolarizzazione. L’inattivazione dei canali del potassio è lenta e ciò permette appunto una iniziale

iperpolarizzazione della membrana. L’iperpolarizzazione della membrana contribuisce a

promuovere uno stato di inattivazione, a rendere più difficile la formazione di un potenziale

d’azione subito dopo quello iniziale. Ciò perché la depolarizzazione necessaria sarebbe maggiore,

bisogna vincere un gap maggiore (non molto maggiore ma sufficiente a garantire l’impossibilità

della formazione di un potenziale d’azione subito dopo).

Il segnale viene trasmesso come frequenza dei picchi del potenziale d’azione.

Non è un segnale di intensità in quanto non è possibile depolarizzare la membrana più di tanto.

Ciò che conta è dunque quante volte il segnale

viene ripetuto. C’è un limite massimo di

ripetizioni e l’intervallo tra un potenziale d’azione

all’altro è di circa 2-3 millisecondi: in dipendenza

della frequenza del potenziale d’azione si

determina una maggiore o minore intensità della

segnalazione nervosa (con conseguenza

nell’emissione di neurotrasmettitori).

In questo grafico viene mostrato

l’andamento dell’onda del potenziale

d’azione.

Subito prima del potenziale d’azione la

membrana è entrata nel periodo

refrattario. Dopo circa 2 millisecondi

questa depolarizzazione ha portato

all’apertura dei canali sodio nella zona

subito vicina che entra in

depolarizzazione mentre la zona

precedente è tornata nello stato

refrattario. La parte che ha depolarizzato

porta alla depolarizzazione dei canali

sodio più vicini che portano a un

potenziale d’azione. Man mano anche la

parte inizialmente depolarizzata,

passando per il periodo refrattario,

grazie alle pompe sodio- potassio torna

a condizioni di riposo e quindi pronta a

un nuovo potenziale d’azione.

I Canali per l’acqua: le Acquaporine

La membrana delle cellule umane, essendo formata da fosfolipidi non lascia passare una molecola

polare come l’acqua. Anche i canali per il potassio e il sodio sono poco permeabili per l’H O,

2

tuttavia è verificabile, soprattutto nei globuli rossi, un cambiamento di volume per le differenti

condizioni di pressione osmotica dovute alla diversa concentrazione ionica nell’ambiente

extracellulare.


PAGINE

9

PESO

5.44 MB

AUTORE

peppotta

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Citologia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia 1 (ordinamento U.E. - 6 anni)
SSD:
Università: Padova - Unipd
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher peppotta di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Citologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Padova - Unipd o del prof Zavan Valeria.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Citologia

Citologia - motori proteici dei microtubuli
Appunto
Citologia - microfilamenti e i filamenti intermedi
Appunto
Citologia - microscopia
Appunto
Citologia - chimica della cellula
Appunto