Che materia stai cercando?

Il coma - completo Appunti scolastici Premium

Appunti di Neurologia del prof. Pinto sul coma: terminologia, Coscienza e Veglia, lesioni, Wakefulness, Awareness, stadiazione del coma, fattori concomitanti, Stato vegetativo (SV), Metabolismo cerebrale nei disturbi di coscienza, Stato di Coscienza Minimale.

Esame di Neurologia docente Prof. F. Pinto

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Sistema scalare: classifica correttamente in classi omogenei di

gravità utilizzabili anche ai fini prognostici

COMA

Il paziente giace ad occhi chiusi come dormiente ma

“ non è risvegliabile”

Esiste una perdita completa della vigilanza e della

coscienza h

≥1

GCS 8 (E M 4; V≤2)

≤ ≤2; ≤

Sede anatomica del danno: disfunzione (strutturale o

funzionale) corticale bilaterale o dell’ARAS.

E’ tipicamente uno stato transitorio

STADIAZIONE DEL COMA

• Stato confusionale / soporoso

• Coma di lieve profondità

• Coma di media profondità

• Coma profondo

• Coma irreversibile / morte cerebrale

C O M A

> fattori concomitanti

• ipotermia

• ipotermia farmaci depressori il SNC

• alterazioni endocrino-metabol.

• . ipotensione pregressa

COSCIENZA

a

u

m

e

n

t

o

d

e

l STATO CONFUSIONALE

l

a STATO DI COSCIENZA

v MINIMO RESIDUALE

g

i

l

a

n

z

a STATO VEGETATIVO

COMA STATO VEGETATIVO

PERSISTENTE

MORTE CEREBRALE

Stato vegetativo (SV)

Preservazione dei meccanismi di arousal associati a

completa assenza della consapevolezza di sè e

dell’ambiente esterno

Sede anatomica del danno: lesione bilaterale corticale

cerebrale con risparmio delle strutture

troncoencefaliche

Alcuni studi mostrano una riduzione del metabolismo

cerebrale del 40-50% mentre per altri risulterebbe

nella norma

Metabolismo cerebrale nei disturbi di

coscienza

Stato di Coscienza Minimale

Minimally Conscious State

• Coma

Sede di danno: lesione degli emisferi cerebrali con

possibile maggior risparmio delle connessioni cortico-

sottocorticali e cortico-talamiche

Mutismo acinetico

Stato di veglia con limitata evidenza oggettiva di

consapevolezza. I pz sembrano non in grado di muoversi o

parlare ed hanno periodici cicli di arousal come indicati

dall’apertura degli occhi.

Sede del danno: lesioni bilaterali mediali del lobo frontale

(giro del cingolo) che portano a grave deficit nella

motivazione e inabilità a programmare ed iniziare un’azione

(deficit funzioni esecutive)

Diagnosi differenziale:

MCS non ho risposta motoria allo stimolo tattile, doloroso

o verbale

SV assenza di spasticità e alterazione dei ROT con relativo

risparmio quindi delle vie cortico-spinali

Stato confusionale

Sinonimo di stato confusionale acuto e di encefalopatia

acuta.

Si caratterizza per un deficit acuto di attenzione con

alterazione della coscienza e pensiero disorganizzato.

Ha un decorso fluttuante. Possono associarsi disturbi

percettivi, alterazioni del ciclo sonno-veglia; deficit di

memoria, aumento o riduzione dell’attività motoria.

Può precedere il coma o segnarne l’uscita.

Sede di danno: lesione focale frontale o parietale dx,

cause tossiche, metaboliche, endocrine.

Diagnosi differenziale: demenza, crisi epilettiche non

convulsive, stato post-critico

Locked-In Syndrome

Letteralmente “chiuso dentro”

Quadro di quadriplegia ed anartria con preservazione

della veglia e della coscienza

Non è un disturbo di coscienza ma va posto in

diagnosi differenziale

E’ causato da una lesione (ischemica, emorragica,

traumatica) nella regione ventrale del ponte con

risparmio del 3 ° n. cranico e dei movimenti oculari

di verticalità e ammiccamento. Non coinvolge il

sistema ARAS localizzato più dorsalmente nel ponte.

(N.B: esistono forme totali con perdita anche dei

movimenti oculari!)

Diagnosi differenziale: GBS, botulismo, CRIMYNE,

utilizzo di bloccanti neuromuscolari con inadeguata

sedazione

Eziologia dei disturbi di coscienza

• Lesioni primitive di ambedue gli emisferi

• Lesioni emisferiche con dislocamento della

linea mediana

Lesioni del Tronco Encefalico

Eziologia dei disturbi di coscienza

Lesioni primitive di ambedue gli emisferi

• • Traumi cranio-encefalici

contusioni e danno assonale diffuso

• Ischemie

embolie, ecceso di coagulazione,vasculiti

• emorragie

subaracnoidee e intraventricolari

Eziologia dei disturbi di coscienza

• Trombosi dei seni cavernosi

• Encefalopatia ipossi.ischemica

• Meningiti ed encefaliti

• Crisi convulsive generalizzate

• Stato di male epilettico

• Encefalopatia ipertensiva

• Encfalomielite acuta disseminata

• Idrocefalo acuto

Eziologia dei disturbi di coscienza

•Lesioni di un solo emisfero

•Traumi

•Ematomi sub ed epidurali

•Estesi ictus emisferici

•Emmorragie intraparenchimali

•Ascessi

•Edema cerebrale / ipertensione endocranica

•Lesioni del Tronco Encefalico

•Trauma

•Emorragia

•Mielinolisi pontina centrale

•Cono di pressione

Esame obiettivo del pz in coma

livello di coscienza segni di meningismo

posizione spontanea del corpo fondo oculare

esame motorio esame della cute

esame di n. cranici

pattern respiratori

Le cause strutturali danno segni di lato e deterioramento

rostrocaudale con disfunzioni del tronco

La presenza di movimenti involontari (crisi epilettiche, mioclono,

asterixis) suggerisce invece un’eziologia metabolica

Posizione spontanea del corpo e dello

sguardo

Nel paziente emiplegico la deviazione degli occhi

les. emisferica

verso il lato sano

verso il lato plegico les. pontina

Movimenti erratici suggeriscono una les. diencefalica

Nistagmo retrattorio, convergente, monoculare, bobbing

les. mesencefalo-pontina

Esame motorio

Esplorazione dei riflessi del tronco

Pupille

Pattern Respiratori

Ernie Cerebrali

1: sottofalciale Cingolo

2: transtentoriale 1 4

2 Verme

cerebellare

3: tonsillare Uncus 3 Tonsille

4: transtentoriale cerebellari

ascendente Ernie Cerebrali

DIAGNOSI

Clinica

TC/MRI

Esame chimico-fisico e sierologico del liquor

EEG (ruolo diagnostico- prognotico- supporto

terapeutico)

. RAPPORTO FRA LESIONE DELLE STRUTTURE DEL SN

C O M A

E ALTERAZIONI DELLE ATTIVITA’ BIOELETTRICHE

Lesione Clinica EEG

Corteccia >> Stato Confusionale > > Perdita del Ritmo Alfa

(tutta )

Neocorteccia >> Sindrome Apallica >> Alterazioni Variabili

nel Tempo

Tronco encefalo >> COMA > Rallentamento

(diencefalo) dei Ritmi

Tronco encefalo > Morte Cerebrale > Silenzio Elettrico

( tutto )

Lieve alterazione della vigilanza

Ritmi rapidi beta da farmaci, lieve rallentamento dei ritmi di fondo

Coma post traumatico, profondità medio - lieve

prevalenza di onde theta, ed in minor misura delta uniformemente

distribuiti

Coma da stato di male epilettico

Rallentamento dei ritmi di fondo ed attività epilettica sull’ emisfero

sinistro

Coma da farmaci depressori il SNC

COMA DA ENCEFALITE

Coma da lesione del tronco encefalico

Evoluzione di grave coma post anossico

Abbondante attività parossistica

Evoluzione di grave coma post anossico

Parossismi e ritmi rapidi frammisti a periodi di silenzio elettrico

Evoluzione di grave coma post anossico

Abbondante attività parossistica su un fondo depresso

Evoluzione di grave coma post anossico

Grave depressione delle attività elettriche, isolati parossismi


PAGINE

89

PESO

3.47 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Neurologia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (a ciclo unico - durata 6 anni)
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher valeria0186 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Neurologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Pinto Francesco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Neurologia

Demenze frontotemporali
Appunto
Traumi cranici
Appunto
Vie motorie
Appunto
Tronco encefalico
Appunto