Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

PASSEROMNER MINUTA AVIS

impoverimento lessicale

VESPERTILIONESCALVAS SORICES

Pipistrello (diretto discendente di vespertiliones: assimilazione della V iniziale alla consonante

successiva).

In francese chauves sourire, in spagnolo murcielago

APER SALVATICUS PORCUS

sparisce in tutta la romània, prevale il termine porcus.

GRANDOPLUVIA MIXTA CON PETRIS (CUMCON)

impoverimento lessicale

CUM – CON: u breve diventa o chiusa e la M finale (monosillabo quindi non cade, la M

desonorizza in N, provesso inverso alla lenizione)

CALAMUS

impoverimento lessicale

RERUM, in latino RES/REI CAUSARUM

monottongazione (chiusura) del dittongo AU (aurum, auricula etc) COSA

IN SCELERE (scellerato)

NEFAS (quello che non può essere detto)

CRIMINE

Impoverimento lessicale in una diversificazione semantica forte

GALLIAFRANTIA

ITALIALONGOBARDIA

In Gallia ci sono i Franchi, in Italia ci sono i Longobardi.

SEMPLIFICAZIONI CHE RIGUARDANO TUTTA LA ROMàNIA

VIMFORTIA (da fortis)

OMNESCUNCTI (tutti)

SANIOREPLUS SANO Sostituzione del comparativo organico con il comparativo sintattico-

perifrastico

CANERECANTARE

Nelle glosse vengono preferite le forme verbali intensive a quelle base

GLOSSE DI REICHENAU

Abbazia di Reichenau, sec. VIII

Il termine glossa deriva dal greco e significa ‘lingua, linguaggio, locuzione, parola straniera o

inusuale’. In latino ha assunto il significato di ‘parola difficile che richiede una spiegazione più

estesa’. Glossa voleva, quindi, dire ‘spiegazione’, che spiega o traduce una parola o

un’espressione che per il lettore di quel posto poteva essere incomprensibile. Nei testi cristiani, tra

il IV e il V secolo, si scriveva in latino corretto, ma già allontanato dal latino classico. Era

necessario inserire un sistema di glosse che rendesse del tutto comprensibile il testo al lettore. In

qualche caso, poi, tutte le glosse venivano raccolte e messe in ordine a parte come per un

vocabolario (che è anche detto glossario). I glossatori erano giuristi dell’Università di Bologna che

nel Medioevo glossavano, ovvero commentavano, i testi giuridici presso la Facoltà di

Giurisprudenza.

Ci sono vari testi di glosse e alcuni sono utili per comprendere lo sviluppo del latino nel tempo.

L’opera più importante sono le Glosse di Reichenau. Reichenau è un’abbazia benedettina fondata

nel 724. Non fu il luogo dove venne compilato il glossario, ma è l’abbazia di Reichenau che lo

conserva.

Le glosse di Reichenau sono una serie di voci latine della Bibbia di san Girolamo . Al fianco delle

parole latine vengono messe delle parole, sempre in latino, ma non in quello classico, in quello

corrente, quindi più comprensibili per quel tempo.

Il glossario è in due parti: la prima, è una serie di note che seguono il testo; la seconda, il riepilogo

della prima parte. La prima parte comprende più di 3000 glosse e inizia dalla Genesi («Genesis

dictu eo exordium generationis»). Dopo la Genesi, i libri del Vecchio Testamento fino ai Maccabei,

per poi passare al Nuovo Testamento, e poi torna ai Maccabei del Vecchio Testamento.

Questa irregolarità fa pensare che si tratti di un antigrafo, ossia di un manoscritto che è copia

diretta di un altro manoscritto o codice, di un originale la cui successione delle pagine era stata

messa in disordine.

La datazione che si dà a questo glossario è l’ottavo secolo.

Interessante è la collocazione di questo glossario. Questa opera dove è stata composta? E per chi

è stata pensata? L’esame delle parole scelte da glossare tendono a far pensare che sia stato

composto nella

Francia settentrionale. Il glossatore doveva avere degli strumenti, quindi l’Ethimologiae di Isidoro di

Siviglia.

Le glosse più interessanti di questo glossario indicano una tendenza verso il francese e quindi ciò

avvalora l’ipotesi che sia stato composto nella Francia del nord.

ager > campus > champ

umo > terra > terre (umile, vicino alla terra)

arenam > sabulo > sable

amne > fluvio > fleuve

litus (lido) > ripa

coturnices > quacoles (quaglia)

QUÀCOLES : la vocale postonica tende a cadere dando QUACLES. CL si trasforma in GL dando

in

italiano quaglia, in francese quaille.

Ci sono dei termini validi sono in area francese:

oves > berbices > brebis (pecore; pecus, -oris era il bestiame in generale, poi riferito solo alle

pecore).

uvas > racemos > raisin (uva; non era necessaria la glossa per l’italiano o lo spagnolo, ma per il

francese

sì)

caseum > formaticum > fromage (cacio; la parola italiana “formaggio” è un francesismo).

FORMÁTICUM : quattro sillabe, la postonica cade dando FORMA-C (UM); vi è poi l’inversione di

OR

in RO e la trasformazione di C a G, dando come risultato FROMAGE.

Il formaticum era la forma per confezionare il cacio.

Gallia > Frantia (dovuto alla dominazione dei Franchi)

Italia > Longobardia (dove avevano regnato i Longobardi, finché nell’800 non sono stati eliminati

da

Carlo Magno).

Vi sono poi nel glossario molti termini militari, legati alle armi, e molti prestiti dal francone: castro

viene

glossato con la parola da cui è derivato auberge.

saniore > plus sano


ACQUISTATO

16 volte

PAGINE

6

PESO

68.00 KB

AUTORE

sensep

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere
SSD:
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher sensep di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filologia romanza e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Tor Vergata - Uniroma2 o del prof Marinetti Sabina.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Filologia romanza

Sequenza di Sant'Eulalia - contesto storico, analisi metrica, analisi linguistica
Appunto
Giuramenti di Strasburgo - contesto storico e analisi linguistica
Appunto
Boecis - contesto storico e analisi linguistica
Appunto
Placiti Campani - contesto storico e analisi linguistica
Appunto