Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

1. GLOBALIZZAZIONE

Per fenomeno globale, in geografia, s’intendono quelle relazioni orizzontali che si

estendono su tutta la superficie terrestre.

Molti ritengono che il fenomeno della globalizzazione sia nato dopo la caduta dei

regimi socialisti.

Essa non è omogenea, è assente in quei Paesi, dove non è possibile una crescita

tecnologica, come nei casi dei Paesi terzomondisti.

E’ fondamentale per la geopolitica, è guidata da chi riesce ad orientare e prendere le

1

decisioni. E’ un fenomeno sistemico collegato all’espansione capitalistica e al

processo di integrazione nel mercato unico mondiale delle economie nazionali.

La globalizzazione riguarda i settori:

• Economico-finanziari e commerciali

• Politici

• Ambientali

• Scientifici e tecnologici

• Culturali

1.1 Fasi della globalizzazione

Le rivoluzioni industriali portarono a grandi cambiamenti e questi portarono a un

processo di globalizzazione. La rivoluzione del 1760 portò un cambiamento nel

processo di produzione, quella del 1870 portò un cambiamento nell’informazione e

nelle comunicazioni.

La globalizzazione è divisa in tre fasi:

I fase  1800-1913

II fase  1945-1980

III fase  XXI secolo

La fase più recente della globalizzazione ha fatto si che le relazioni economiche tra i

vari Stati fossero più forti e interdipendenti tra loro.

1.2 Classificazione del sistema del Modo

Le zone economicamente forti sono chiamate “a Nord del Mondo” perché situate

perlopiù nell’emisfero settentrionale, le zone deboli sono dette “a Sud del Mondo”, in

quanto localizzate nella parte meridionale dell’emisfero.

Primo mondo: Paesi industrializzati e liberali. Economie capitaliste (USA, Europa

occidentale, Giappone)

Secondo mondo: Paesi ad economia pianificata (URSS, Europa orientale)

Terzo mondo: Paesi in via di sviluppo

Quarto mondo: Popoli indigeni (Etiopia, Ciad, Zaire, ecc..)

? La globalizzazione ha inciso sull’aumento della povertà di alcuni Paesi?

Questo fenomeno ha pro e contro: alcuni sostengono che quanto più si globalizza il

mondo tanto più si impoveriscono alcuni Paesi, in particolare, cresce il potere delle

multinazionali a discapito dei Paesi poveri.

L’incisione sull’aumento della povertà si può calcolare tramite l’HDI (indice di sviluppo

umano), calcolato annualmente dall’ONU sulla base di tre variabili:

1) Speranza di vita alla nascita;

2) Alfabetizzazione;

2

3) PIL pro capite

1 Fenomeno sistemico. Interviene nelle dinamiche socio-economiche degli Stati, determinando

cambiamenti continui.

Come si vede dalla cartina, il mondo è diviso in tre parti:

Mappa sull’HDI (Human Development Index), Report 2011

1) In tutto il mondo occidentalizzato (America del nord, Oceania, Europa ed estremo

sud dell’America) ha un alto indice di sviluppo.

2) America del sud, Asia, Africa del nord e dell’estremo sud, hanno un medio indice di

sviluppo

3) L’Africa centrale ha un bassissimo livello di sviluppo.

1.3 Scenari futuri

Secondo un rapporto americano è come se il mondo occidentale si stesse spostando

verso est. In un futuro, la leadership sarà combattuta tra gli USA, la Cina e l’India (due

economie emergenti)

Se le economie dovessero mantenere la velocità di crescita attuale, ci saranno molte

probabilità che il pronostico sopra citato si avveri.

I settori economici di punta saranno:

• 3

Brasile: settore agroalimentare ed esplorazione di energia offshore

• Russia: energie e metalli

• India: servizi IT, farmaceutica, parti d’auto.

• Cina: acciaio, elettrodomestici, apparecchiature per le telecomunicazioni.

1.3.1 Fattori scatenanti

1) L’aumento sostenuto del prezzo del petrolio e delle materie prime hanno generato

profitti inattesi per la Russia.

2) Il costo del lavoro relativamente basso, combinato a mirate politiche governative,

ha determinato la dislocazione produttiva nei Paesi asiatici (NIC-Newly

Industrialized Countries)

3) Le economie meno sviluppate hanno rivelato una maggiore reazione alla crisi

globale, anche perché non direttamente coinvolte nelle grandi speculazioni

finanziarie.

2PIL. Risultato di tutti i beni e i servizi finali prodotti in un dato Paese, in un certo periodo, il PIL

pro capite viene calcolato dividendo il PIL nazionale per il numero di abitanti.

3 Offshore. Letteralmente vuol dire “nel mare”, si utilizza per indicare piattaforme per

l’estrazione di petrolio.


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

5

PESO

132.78 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Geopolitica
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze del turismo culturale
SSD:
Università: Sassari - Uniss
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Charliemme di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Geopolitica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Sassari - Uniss o del prof Camerada Maria Veronica.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Geopolitica

Geopolitica - Globalizzazione
Appunto
Riassunto esame Geografia economico-politica, prof. Mariotti, libro consigliato Geografia dell economia mondiale
Appunto
Geopolitica - Globalizzazione
Appunto
Geografia economico - politica - Modello di W. Christaller
Appunto