Che materia stai cercando?

Fondamenti di psicologia generale – Cognitivismo Appunti scolastici Premium

Appunti di Fondamenti di psicologia generaleCognitivismo. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Nuovo approccio alla percezione, Contributi “informatici”, Linguistica generativo-trasformazionale, Tracking, Sperling e la memoria a brevissimo termine,... Vedi di più

Esame di Fondamenti di psicologia generale docente Prof. E. Prestifilippo

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Cognitivismo: variegato movimento sorto in vari paesi tra la fine degli anni ’50 e la prima metà degli anni ’70.In

genere per C. s’intende un approccio psicologico che ha come obiettivo principale la descrizione del funzionamento

della mente umana (meccanismi, strutture e processi mentali).Fu Neissner (1928-…; nato in Germania ma attivo negli

USA) ad assegnare il nome al movimento col suo libro <<Cognition and reality>> (1976)

New look on perception: (=Nuovo approccio alla percezione) Movimento fondato da Bruner (1915-…; USA),

secondo il quale l’attività intellettuale, attraverso le sue categorie, dirige il processo percettivo e formula ipotesi

sull’identità degli oggetti percepiti. Compito della p. è studiare tali meccanismi al fine di agevolare l’apprendimento

umano.

Contributi “informatici”: Nel libro <<Plans and structure of behavior>> scritto da Miller, Pribram e Galanter nel

parlare del “problem solving”, si afferma che il comportamento umano, nella risoluzione di problemi, si comporta

come un elaboratore (approccio HIP-human information processing) = elabora le informazioni secondo l’unità

TOTE.In pratica, l’atto finale (test) è il risultato di

 Una verifica delle condizioni ambientali (test)

 Operazioni intermedie (operate)

 Nuove verifiche (test)

Nel caso in cui queste ultime risultassero insoddisfacenti si verificano processi di feedback.

Linguistica generativo-trasformazionale: padre della l.g.t. è Chomsky (1928-…; USA).E’ così detta perché mira ad

individuare le regole attraverso cui le frasi sono generate, e attraverso cui sullo stesso nucleo di significato vengono

operate delle trasformazioni (p.e. da attive a passive, ecc.)

Tracking: il comportamento t. fu studiato da Craick (1914-1945, nato in Scozia ma attivo in Inghilterra).In pratica si

tratta di un compito in cui vi è un bersaglio mobile che si sposta sullo schermo, e al soggetto è chiesto di tenere

allineato un segnale con il bersaglio.Durante i suoi esperimenti notò che le persone non erano in grado di operare più di

una correzione ogni mezzo secondo.Dà qui la teoria del S.N. come di un meccanismo decisore di tipo computazionale

con evidenti limiti di tempo.

Miller e i “7 pezzi”: Oltre Crack anche Miller (Psicologo americano attivo nella seconda metà del ‘900) notò un limite

del S.N.. Secondo i suoi esperimenti le informazioni che si possono elaborare alla volta hanno un limite di 7 “pezzi”,

più o meno due, a seconda del compito eseguito.

Sperling e la memoria a brevissimo termine: Sperling (psicologo americano attivo nella seconda metà del ‘900)

individuò oltre la memoria a breve e a lungo termine (primaria e secondaria a detta di Brown) anche una memoria a

brevissimo termine che funziona in maniera analoga alle prime due.

Mentalismo: Il m. afferma che i processi psichici sono organizzati in modelli mentali che guidano il comportamento

attraverso una rappresentazione interna del mondo esterno.

Teoria ecologica: Teoria elaborata da Gibson (1904-1979; USA).Gibson critica i laboratori e propone, per lo studio

della percezione, metodi più “naturali”. In contrasto con le teorie correnti concepisce la percezione come un processo

attivo (“percezione diretta”) d’interazione tra l’organismo e l’ambiente scevro d’implicazioni di tipo computazionali.

Importanti le affordances, in altre parole le proprietà specifiche dell’ambiente di cui pone l’accento il loro valore

evolutivo.

Costruttivismo: Secondo il c., i processi psichici operano attivamente sull’ambiente filtrando l’informazione esterna e

reagiscono ad essa in funzione dei propri schemi di conoscenza e d’azione.

***********************************************************************************************

***********************************

Scienza cognitiva: Filiazione del Cognitivismo. Nasce nel 1977 grazie all’omonima rivista fondata da Shank, Collins e

Charniak. Concetto cardine della s.c. è il connessionismo grazie al quale furono chiare le differenze di tipo logiche tra

S.N. (lento ma con elementi massivamente interconnessi in parallelo) e l’elaboratore (veloce ma seriale). In conformità

a tali precisazioni la modellistica si orientò –sia nella progettazione dei cosiddetti calcolatori di 5° generazione, sia

nell’interpretazione del S.N.-verso il connessionismo, in altre parole nell’elaborazione di modelli di funzionamento a

parallelismo massivo.

***********************************************************************************************

***********************************

Piaget (1896-1980; Svizzera):

Embriologia dell’intelligenza: Nell’ambito della ricerca evolutiva le ricerche di P. si basano sul presupposto che la

differenza tra il pensiero del bambino e quello dell’adulto sia di tipo qualitativa e non quantitativa.

Assimilazione: consiste nel processo d’incorporazione delle percezioni del mondo esterno che sono adattate a schemi

mentali preesistenti.Grazie la sua alternazione ciclica con l’accomodamento, l’assimilazione assicura l’adattamento

progressivo dell’individuo all’ambiente e, quindi, il raggiungimento di un equilibrio.

Accomodamento: A differenza dell’assimilazione, nell’accomodamento si attua un aggiustamento degli schemi

mentali rispetto all’ambiente esterno assimilato.

L’a. si verificherebbe, quindi, quando l’ambiente resiste ad una completa assimilazione. Grazie la sua alternazione

ciclica con l’assimilazione, l’a. assicura l’adattamento progressivo dell’individuo all’ambiente e, quindi, il

raggiungimento di un equilibrio.

Stadio senso-motorio: (0-2 anni ca.) In tale periodo il bambino sviluppa man mano la capacità di interagire con

l’ambiente.Passa dall’uso esclusivo dei riflessi (p.e. piangere) alle prime coordinazioni visuo-motorie.Inoltre comincia

ad apprendere il concetto di permanenza, ovvero l’esistenza degli oggetti, ecc. anche quando questi sono al di fuori del

proprio campo percettivo.

Stadio pre-concettuale: (2-4 anni ca.) In tale periodo il bambino sviluppa ulteriormente le rappresentazioni interne

degli oggetti esterni. Importante è il gioco simbolico in cui l’oggetto perde il suo significato reale e acquista quel

prodotto dalla mente del bambino. (p.e. gioca con una sedia come se fosse un cavallo)

Stadio del pensiero intuitivo: (4-7 anni ca.) In tale periodo il bambino sviluppa le operazioni mentali di

classificazione e seriazione degli oggetti.Aumenta, inoltre la socializzazione e la partecipazione nella vita quotidiana

(non dimentichiamo che inizia le materne).

Stadio delle operazioni concrete: (7-11 anni ca.) In tale periodo il bambino sa compiere operazioni mentali sugli

oggetti utilizzando i concetti di numero, peso, ecc. sempre però riferendosi ad oggetti o persone concrete.Fondamentale

l’acquisizione in questo stadio del principio di conservazione (=la capacità di riconoscere che la quantità è conservata

indipendentemente dalla forma assunta).

Stadio delle operazioni formali: (11-14 anni) In tale periodo il pre-adolescente acquisisce la capacità del

ragionamento astratto di tipo ipotetico-deduttivo.

Permanenza: la capacità di concepire l’esistenza degli oggetti, ecc. anche quando questi sono al di fuori del proprio

campo percettivo.

Conservazione: la capacità di riconoscere che la quantità è conservata indipendentemente dalla forma assunta.

Costruttivismo: Teoria di P. secondo la quale le strutture dell’intelligenza sono il risultato di una costruzione che

procede per gradi.Inoltre non è possibile passare ad un grado successivo se non si è prima completato il grado

precedente.

Metodo clinico: metodo che consiste in un colloquio con l’interlocutore atto a falsificare o verificare alcune ipotesi di

base.

Egocentrismo: l’incapacità, da parte del bambino, di capire che il proprio punto di vista è solo uno dei tanti possibili.Il

pensiero egocentrico caratterizza in maniera più intensa i bambini più piccoli e si manifesta nel linguaggio attraverso

un uso assai frequente del termine “io”.

Epistemologia genetica: l’e.g., fondata negli anni ’50 da P., consiste nello studio della formazione delle categorie

scientifiche attraverso l’analisi dell’evoluzione delle strutture del pensiero dall’infanzia all’età evolutiva.

***********************************************************************************************

***********************************

Psicologia della Gestalt: Scuola psicologica tedesca nata nel 1912 e tramontata, almeno nella sua forma originale, nel

1935 a causa delle persecuzione naziste nei confronti dei fondatori=Wertheimer (1880-1943), Kohler (1887-1967) e

Koffka (1886-1941), tutti e tre d’origini ebraiche.Tra i diretti precursori ricordiamo Von Ehrenfels il quale affermo,

anche se non precisamente in questi termini, un concetto cardine per la G.: il tutto è più, e diverso, della somma delle

parti.In pratica si afferma una concezione olistica della p.

Movimento stroboscopio: Nel 1912, anno di nascita della “p. della forma”, Wertheimer pubblicò un articolo su tale

argomento.In pratica si tratta di un movimento apparente, noto come fenomeno , simile a quello di uno stroboscopio o a

delle luci che nelle insegne sembrano inseguirsi.Da ciò ricavò il principio generale secondo cui nel fenomeno c’è

qualcosa di più rispetto a quanto avviene sul versante degli stimoli, ossia nel mondo fisico.

Processo “top-down”: processo “dal sopra al sotto”, in altre parole un particolare tipo di procedimento metodologico

che anziché studiare la percezione partendo dai singoli dati sensoriali (come fanno i sostenitori delle “teorie del

mosaico”) fa il contrario.

Teoria di campo: Secondo tale teoria gestaltista ciò che noi percepiamo non è la somma di tante piccole attività

sensoriali, quanto piuttosto un sistema dinamico (una sorta di campo fisico) nel quale tutti gli elementi sensoriali, ad un

certo punto, iniziano ad interagire tra loro al fine di raggiungere un equilibrio.

Principi d’organizzazione percettiva: Wertheimer elencò e studiò alcuni principi d’organizzazione delle forme

percettive, tra cui ricordiamo la “somiglianza”, la “vicinanza”, la “chiusura”, la “buona continuazione” e il “destino

comune”.

Isomorfismo: (dal greco= “Uguale forma”) secondo la Gestalt tra quello che noi percepiamo e ciò che, nel frattempo,

avviene nel sistema nervoso, vi è un i., vale a dire un’identità di tipo strutturale. In pratica nel nostro cervello si forma

una specie di “mappa simbolica” raffigurante la nostra percezione in quel momento.

Insight: Kohler (1887-1967), attraverso i suoi studi sulle scimmie antropoidi, scoprì il concetto di i.(=intuizione),

secondo il quale l’apprendimento è un meccanismo intuitivo che porta a scoprire, in modo apparentemente spontaneo,

le relazioni tra i vari stimoli nel campo percettivo.


PAGINE

5

PESO

48.75 KB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Fondamenti di psicologia generaleCognitivismo. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Nuovo approccio alla percezione, Contributi “informatici”, Linguistica generativo-trasformazionale, Tracking, Sperling e la memoria a brevissimo termine, ecc.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in teorie della comunicazione e dei linguaggi
SSD:
Università: Messina - Unime
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Fondamenti di psicologia generale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Messina - Unime o del prof Prestifilippo Eraclide.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Fondamenti di psicologia generale

Fondamenti di psicologia generale – Memoria
Appunto
Fondamenti di psicologia generale – Cognizione e Cognitivismo
Appunto
Fondamenti di psicologia generale – Fondatori psicologia
Appunto
Fondamenti di psicologia generale – Comportamentismo
Appunto