Che materia stai cercando?

Etruscologia e antichità italiche - Arte italica: i piceni Appunti scolastici Premium

Appunti di Etruscologia e antichità italiche per l’esame del professor La Regina. Gli argomenti trattati sono i seguenti: l'arte Ialica – I Piceni: Storia ed Archeologia di età Orientalizzante; l'arte picena di età orientalizzante, la storia di una popolazione di origini Sabelliche.

Esame di Etruscologia e antichità italiche dal corso del docente Prof. A. La Regina

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Nell'ideologia funeraria inizia a spiccare l'ideologia che si basa sulla centralità della donna, attestata

da ricchi corredi con gioielli, e l'assimilazione tra uomo-guerriero, con corredi di armi,

probabilmente anche ad indicare la pratica del mercenariato.

L'area Picena non è comunque insensibile alla pratica greca di stampo oligarchico nobiliare del

simposio, attestata dai ritrovamenti di vasellame e ceramiche da banchetto.

Coincide con la sconfitta degli Etruschi dai Greci di Cuma la massima fioritura di Numana, oramai

libera di commerciare con l'aerea tirrenica.

I corredi funerari rinvenuti mostrano grande opulenza, ricchi di vasi attici e oggetti d'importazione,

molto probabilmente diffusasi nell'area picena proprio attraverso l'empio di Numana, Cupra

Marittima e Pesaro.

Il IV secolo è tempo di cambiamenti, infatti secondo Tito Livio giungono i Galli Senoni, ultima

delle polazioni galliche a giungere nella penisola: questa penetrazione si riflette anche nei corredi

funerari piceni di IV secolo dove si intravedono influenze galliche, infatti in alcune zone si crea una

vera e prorpia situazione sincretica tra galli e popolazioni indigene, dando vita a villaggi misti lungo

l'appennino.

Questa la situazione politico-insediativa all'alba della conquista romana.

Proprio alla fine del IV secolo con la terza guerra sannitica Roma ed i piceni sottoscrivino un

alleanza anti-gallica che probabilmente aiutò non poco per la vittoria. Tuttavia l'alleanza viene

meno quando nel 268 a.c i piceni insorgono alla decisione romana di creare una colonia presso

Rimini. L'Area picena fu annessa, dunque, con deportazione della popolazione nel salernitano,

dando ai rimanenti la cittadinanza romana.

Decisivo elemento di romanizzazione fu la creazione della via Flaminia nel 220.

Durante la guerra sociale Ascoli insorse, cadendo nell 89.

L'area picena in età triumvirale augustea venne usata come Ager per i veterani.

L'Arte Picena di Età Orientalizzante:

Per prima cosa dovremmo dare una definizione di “Arte Italica”, per poterne parlare coerentemente:

secondo gli studiosi è definibile “Arte Italica” l'insieme di manifestazioni artistiche dei popoli

italici, in un periodo compreso dal IX secolo fino all'unificazione sotto il dominio romano. E'

importante, in oltre, escludere l'Arte Etrusca dall'elenco delle manifestazioni italiche o ,eglio

ancora, dire che l'Arte etrusca rappresenta un particolare sviluppo artistico tra le popolazioni

italiche. E' noto infatti che l'Etruria sia stata largamente influenzata a livello di cultura materiale,

dalla fitta rete di commerci con il mondo Greco, per tanto pur non potendo escluderla dall'Arte

strettamente italica le differenze formali, qualitative e quantitative a livello di produzione ci

impongono di considerare l'area dell'Etruria come un bacino artistico a se stante.

Le manifestazioni di arte italica si distinguono fortemente da quelle etrusche, mostrandosi come più

rozze, meno ricche e più modeste, mostrando nell'etruria una fortissima impronta aristocratica poco

presente nelle altre culture italiche, che pur raggiungono ottimi livelli di complessità sociale.

Non è comunque da tralasciare il fatto che è appunto grazie ai contatti frequenti tra Greci ed

Etruschi che la stessa produzione artistica italica è stata influenzata dal dilagante fenomeno

Orientalizzante, tra VII e VI secolo, dovuto alla colonizzazione Greca dell'Asia Minore che porterà

come conseguenza un nuovo repertorio figurativo vivido nell'immaginario collettivo, costellato da

creature mostruose e grottesche, siano esse naturali che mitiche.

Eppure in questo merito non si può far cenno alla tendenza artistica di rifiuto delle forme

naturalistiche: è infatti vero che l'arte italica sia fortemente legata ad un repertorio figurativo

geometrico che, a differenza di etruschi e greci, non sembrano riuscire a lasciarsi totalmente alle

spalle; le rappresentazioni di uomini, creature ed animali resteranno sempre lontane dal reale, molto

stilizzate, mostrando un intramontabile passione per le rappresentazioni geometriche. Notiamo

questa tendenza, ad esempio, in un Kardiophylax da Alfedena,(corazza copri-cuore in bronzo, VI

sec) rappresentante una figura mostruosa ben poco definibile, dalle ingenue forme, simile ad un

quadrupede dal capo di volatile. Certo è che non mancasse la capacità di incisione sul bronzo, bensì

fosse una vera e propria decisione stilistica.


PAGINE

3

PESO

46.93 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze archeologiche
SSD:
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher francescofederico.migliaccio di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Etruscologia e antichità italiche e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof La Regina Adriano.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Etruscologia e antichità italiche

Etruscologia e antichità italiche - popoli dell'Italia antica: il latium vetus ed i sabini
Appunto
Riassunto esame Archeologia greca, prof. Lippolis, libro consigliato Archeologia greca
Appunto
Appunti Archeologia Medievale
Appunto
Riassunto esame Archeologia e storia dell'arte del Vicino Oriente antico, prof. Pinnock, libro consigliato Archivi reali di Ebla, Matthiae
Appunto