Che materia stai cercando?

Epatiti virali

Appunti di Microbiologia e virologia medica sulle epabasati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Ferrante dell’università degli Studi di Milano - Unimi, facoltà di medicina e chirurgia, Corso di laurea in biotecnologie mediche. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Microbiologia e virologia medica docente Prof. P. Ferrante

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

VIRUS DELLE EPATITI VIRALI ite

Le parole mediche che finiscono con = qualcosa che è infiammatorio. Quindi l’epatite è una infiammazione del fegato

che può essere dovuta a tante cause es. ci sono dei farmaci antinfiammatori non steroidei che possono causare danni al

fegato. Danno al fegato: ASP e ALP sono le transaminasi che se sono alte allora c’è un problema al fegato. Quindi l’epatite

è una patologia del fegato caratterizzata essenzialmente d due elementi:

Infiammazione: afflusso nel fegato di elevata quantità di cellule infiammatorie (leucociti) richiamate da un agente

§ nocivo

Necrosi degli epatociti. Riversamento nel sangue di varie sostanze contenute nelle cellule epatiche ed in

§ particolare di transaminasi: sono enzimi che stanno negli epatociti quindi più epatociti vengono lisati più saranno

elevati i livelli di transaminasi (diagnosi).

Epatite acuta Epatite cronica:

Ci sono diversi tipi di epatite: che guarisce in meno di 6 mesi ed è la più comune. infezione

epatite persistente epatite

cronica. Questa si chiama in due modi: (fegato sopporta l’infezione senza avere danni) e

cirrosi

aggressiva (danno epatico progressivo). I pazienti che hanno danno epatico progressivo può sviluppare la che è

una patologia molto grave che riducendo fino a 0 le capacità epatiche del fegato può portare alla morte del paziente

perché si ha la sostituzione delle cellule epatiche con fibrina quindi abbiamo una fibrosi (quindi man mano che si sviluppa

la cirrosi diminuiscono le cellule epatiche funzionali e aumentano le aree non funzionali. Cicatrizzazione di ampie zione

del fegato). Sintomi iniziali di forma severa di cirrosi epatica sono debolezza, dimagrimento, ittero, gonfiore delle estremità

inferiori (ritenzione idrica), sanguinamento gastro-intestinale. La cirrosi a differenza dell’epatite cronica è un processo

irreversibile e può essere causa si morte sia per la progressiva riduzione delle capacità funzionali del fegato sia in quanto

favorisce l’insorgenza dell’epatocarcinoma. Altra patologia molto grave che si osserva nelle epatiti virali è

l’epatocarcinoma: tumore maligno primitivo del fegato associato ai virus che provocano le epatiti, soprattutto epatiti

croniche. In questo caso le cellule sono cellule tumorali e quindi crescono molto bene e hanno afinalismo e non

funzionano come le cellule di partenza.

Le epatiti hanno tutte sintomi comuni che possono essere più o meno marcati. Ci sono soggetti che hanno infezione da

epatiti e non hanno sintomi o hanno sintomi lievi. Sintomi:

Debolezza

§ Mal di testa

§ Febbre

§ Crampi addominali

§ Inappetenza

§ Diarrea

§ Urine scure: nelle urine ci sarà urobilinogeno che è un metabolita che dà le urine scure

§ Ittero: colorazione gialla della pelle e delle sclere dell’occhio

§

Virus delle epatiti: nel giro di 40 anni i virus scoperti via via hanno avuto nomi diversi con lettere dell’alfabeto.

epatite epidemica:

Inizialmente si aveva l’idea che si avesse una negli anni 50 d’estate all’improvviso tante persone

hanno avuto ittero e quindi c’è stata una epidemia di ittero. All’epoca non si avevano gli strumenti diagnostici, ci si basava

Epatite A.

sulla clinica e l’analisi epidemiologica e si è scoperto così Quindi Epatite A si dice che è epidemica perché si

epatite sierica

presenta con epidemie. Invece che è Epatite B e D: si accorsero che c’era epatite che colpiva

contemporaneamente decine di persone ed era abbastanza benigna ma si accorsero che c’era anche un’altra epatite

che era rara, colpiva persone selezionate ed era grave. Molte di queste epatiti insorgevano in persone che avevano

ricevuto iniezioni, somministrazioni per via intramuscolari ecc. Quindi si capì che era qualcosa che veniva dal sangue e

quindi la chiamarono sierica. Le punture si facevano con siringhe di vetro e ago di ferro e veniva riusate dopo bollitura e

quindi il virus veniva trasmesso.

Una serie di tanti altri virus possono provocare epatiti come Herpes Virus, Enterovirus, Rosolia... ma solo occasionalmente

senza un rilievo. Quindi quando arriva qualcuno con ittero ci si concentra sui virus delle epatiti maggiori che sono i virus

delle epatiti.

Virus dell’Epatite A (HAV)

Incubazione da 15-20 giorni fino a 2 mesi. Si ha un inizio acuto e poi ittero solo nel 10% dei soggetti. Non esiste la

condizione di infezione cronica per cui tutti quelli che si infettano eliminano il virus e gli rimane l’immunità contro il virus.

È un Picornaviridae. Trasmissione enterica per via oro-fecale quindi viene eliminato attraverso le feci e quindi è possibile

che le feci di una persona che ha avuto l’epatite o non abbia l’epatite ma è infetto per diversi mesi contengano il virus.

Se viviamo in una condizione in cui è possibile che ci sia un danno alle fognature o non ci siano, acquedotto potrebbe

essere contaminato e quindi bevendo acqua ci si infetta. Oggi in Italia i casi di epatite A sono casi che di solito si osservano

nei mesi di settembre/ottobre perché periodo di incubazione di 15-20 giorni: ci si infetta per contaminazione degli alimenti

e quelli autoctoni maggiormente contaminati sono i molluschi che se sono stati coltivati in una zona di mare dove c’è

stata una contaminazione ambientale fecale diventeranno un serbatoio pieno di virus. Perché i molluschi? Perché filtrano

l’acqua in quanto mangiano plancton quindi accumulano virus al loro interno. Per questo non è raccomandabile allevare

mitili vicino alle grandi città di mare. L’80% delle vongole e cozze vengono dalla zona di Chioggia dove sono attrezzati

per il problema. Il problema è che se uno è asintomatico eventualmente può contaminare cibo e acqua. Viene definita

epatite infettiva o epidemica. Esiste un solo sierotipo: una volta fatti gli anticorpi siamo protetti. Non provoca infezioni

croniche e l’infezione dà immunità permanente. Patogenesi:

1. Entrata attraverso la bocca


PAGINE

4

PESO

2.65 MB

PUBBLICATO

5 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in biotecnologie mediche
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher francescaputti di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Microbiologia e virologia medica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Ferrante Pasquale.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in biotecnologie mediche

Biologia molecolare, prof. Landsberger
Appunto
Biochimica
Appunto
Biologia Molecolare
Appunto
Biologia generale e cellulare
Appunto