Che materia stai cercando?

Domande Psicologia dell’educazione per l’handicap

Possibili domande per l'esame di Psicologia dell'educazione per l'handicap basate su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Cottini dell’università degli Studi Carlo Bo - Uniurb, facoltà di Scienze della formazione. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Psicologia dell'educazione per l'handicap docente Prof. L. Cottini

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

DOMANDE ESAME

1) Triade sintomi dell’autismo:

L’autismo è un disturbo pervasivo dello sviluppo caratterizzato dalla compromissione

qualitativa ad origine precoce dell’interazione sociale della comunicazione e del reparto

comportamentale. Il DSM-IV descrive l’autismo facendo riferimento alla triade di sintomi

riguardanti: compromissione qualitativa dell’interazione sociale, compromissione qualitativa

della comunicazione sociale e modalità di comportamento, interessi e attività ristretti,

ripetitivi e stereotipati.

2) Illustrare deficit comunicativi del bambino con autismo:

Fra i sintomi principali che identificano la sindrome autistica si rileva un sviluppo

comunicativo e sociale gravemente deficitario. Il primo importante aspetto in cui i bambini

con autismo mostrano difficoltà riguarda l’interazione triadica e la attenzione condivisa.

Rispetto a soggetti a sviluppo tipico, emerge una diversità nell’acquisizione del linguaggio

caratterizzata dal ritardo nell’inizio del suo utilizzo e da una riduzione innata del desiderio di

comunicare in maniera intenzionale. Sul piano fonetico riescono ad acquisire la padronanza

dei suoni ma in maniera rallentata e con un intonazione meccanica e stana. La struttura

sintattica rimane ancorata alla ripetizione continua delle stesse strutture grammaticali. Anche

la comprensione del linguaggio è solitamente compromessa. L’area maggiormente

compromessa è la funzione pragmatica del linguaggio. Le forme di intenzionalità

comunicativa non si ritrovano nel bambino autistico, il quale fin dai primi giorni di vita è

impossibilitato a stabilire qualsiasi tipo di relazione prima con la madre e poi con gli altri

adulti di riferimento. Un elemento particolarmente evidente nel linguaggio è la permanenza

di espressioni ecolaliche sia immediate che differite. Nella verbalità mancano elementi si

creatività ed originalità.

3) Descrivere le caratteristiche dell’autismo ad alto livello di funzionalità:

Le caratteristiche principali di Asperger sono una grave e perdurante compromissione

dell’interazione sociale e lo sviluppo di modalità di comportamento, interessi e attività

ristretti e ripetitivi. Contrariamente al disturbo autistico non ci sono ritardi significativi del

linguaggio e nello sviluppo cognitivo, nello sviluppo di attività di auto accudimento adeguate

all’età nel comportamento adattivo e nelle curiosità riguardo l’ambiente.

4) Punti di forza e debolezza del bambino autistico a livello percettivo\attentivo:

La realtà percettiva dei soggetti con autismo ha un funzionamento del tutto differente da

quello degli altri individui. Tali soggetti comprendono ed interpretano al realtà con iper o

iposensibilità e compromissioni nell’interpretare i sensi. Gli autistici tendono a considerare

cose percettivamente importanti cose che normalmente non lo sono. Ha comunque notevoli

punti di forza fra i quali l’elaborazione di informazioni visio-spaziali, la localizzazione di

figure nascoste, la costruzione di puzzle.

5) Punti di forza e debolezza del bambino autistico a livello motorio:

Gli atteggiamenti del soggetto con autismo sono contraddistinti da molte stereotipie diverse

da soggetto a soggetto. Si suddividono in autolesive e non. Vi sono anche dei ritualismo del

comportamento che inducono il soggetto a replicare una lunga successione di azioni senza

alcun apparente scopo adattivo.

6) Punti di forza e debolezza del bambino autistico a livello mnestico:

Le capacità mnestiche sono pressoché intatte, seppure si rilevano modi di elaborare e

organizzare le informazioni del tutto singolari. La memoria ecoica è ben sviluppata. Tali

soggetti presentano una migliore abilità nel ricordare in presenza di un materiale

significativo. Hanno carenze nelle abilità di associazione, evidenziazione, Clustering, parola

chiave. Hanno notevole abilità nell’uso della memoria automatica.

7) Classificazioni internazionali dell’autismo:

Al momento le classificazioni internazionali a cui si fa riferimento sono quelle del DSM-IV,

nell’ICD-10 e nell’ICDH-2 formulate dall’organizzazione mondiale della sanità. Sei il DSM-

IV e ICD 10 non affrontano la questione eziologica del disturbo autistico ma offrono

unicamente griglie di osservazione che esperti e professionisti possono utilizzare per la

delineazione della sindrome.

8) Ecolalia:

È una disfunzione del linguaggio che si manifesta nella ripetizione di parole o frasi sentite

pronunciare da altre persone. Esiste un’ecolalia immediata o differita.

9) Ci può essere l’inversione pronominale?

Si. Per inversione pronominale s’intende l’incapacità del soggetto ad utilizzare i pronomi

personali nella conversazione. Non utilizzano il pronome io, sostituendolo con tu\voi. Il

mancato utilizzo di questo pronome è per lo più dovuto alla carente comprensione dei ruoli

nella conversazione fino a quando non gli viene insegnato.

10) Isole di abilità:

Kanner mise in evidenza le isole di abilità cioè competenze di buon livello inserite in un

contesto connotato da deficit generalizzati. Riguardavano soprattutto l’ambito della abilità

visuospaziali, la capacità di memoria automatica, una buona predisposizione per la musica il

disegno o la matematica.

11) Deficit della teoria della mente:

Negli ultimi anni si è assistito alla nascita e sviluppo di un nuovo approccio nell’ambito degli

sudi cognitivi: la teoria della mente. Esso si è proposto come finalità primaria di analizzare le

capacità della mente umana di attribuire stati mentali quali desideri, credenze, pensieri e

intenzioni e di prevedere e spiegare il comportamento sulla base di tali inferenze. Wimmer e

Perner (1983) proposero, per verificare la capacità di attribuire stati mentali, una prova

denominata Prova di Sally e Anne che consisteva in un compito di falsa credenza. I bambini

sotto i 4 anni falliscono in questo compito, ma dai 4 anni viene solitamente risolto

brillantemente. Molti bambini autistici invece non riescono a risolvere il compito

indipendentemente dall’età. Evidenziare un processo di sviluppo della teoria della mente nel

bambino, porta alla necessità di ricercarne le varie tappe evolutive. Vanno analizzati perciò

quei particolari comportamenti che possono essere considerati precursori della teoria della

mente. A questo proposito Baron e Cohen descrivono 4 meccanismi che potrebbero stare alla

base della capacità umana di leggere la mente: 1) rivelatore dell’intenzionalità o ID

(dotazione innata che il bambino possiede per leggere nel comportamento gli stati mentali);

2) rivelatore della direzione degli occhi o EDD (funziona con la vista e ha 3 compiti: rilevare

la presenza di occhi o stimoli simili, calcolare verso quale bersaglio gli occhi sono diretti,

capire che se gli occhi di un organismo sono diretti verso una cosa allora quell’organismo sta

guardando quella cosa); 3) meccanismo dell’attenzione condivisa o SAM (costruire

rappresentazioni triadiche fra un agente, il se e un oggetto); 4) teoria della mente vera e

propria (quello che permette di inferire dal comportamento gli stati mentali e di prevedere il

comportamento sulla base di quanto una persona sa o desidera. L’ipotesi di base per quanto

riguarda i bambini con autismo è che non si sviluppi in modo normale la capacità di

concepire che le altre persone conoscono, vogliono, sentono e credono qualcosa e che questo

deficit meta-rappresentativo dia luogo a vere e proprie anomalie comunicative e di

comportamento sociale. Alcuni ricerche hanno però messo in evidenza dai dubbi circa il

potere esplicativo dell’ipotesi sul deficit di teoria della mente. Happé e Frith ammettono che

ci sono vari bambini che superano le prove delle false credenze e comunque presentano il

caratteristico quadro dell’autismo. Inoltre i deficit nello sviluppo sociale sono evidenti nei

bambini con autismo a un’età inferiore rispetto a quella in cui emergono i precursori della

teoria della mente. Un’altra critica mossa è quella sul compito delle false credenze, perché

sarebbero necessarie per svolgerlo anche abilità non sociali come quella di fare attenzione

alle istruzioni, comprendere bene il linguaggio e gestire informazioni multiple in memoria.

Le persone con autismo hanno si una difficoltà ad attribuire stati mentali agli altri ma non è

chiaro se questa carenza sia la causa di tutte le loro difficoltà.

12) Deficit Primario nella relazione interpersonale:

Hobson propone l’ipotesi che il deficit sociale nell’autismo possa essere dovuto al fallimento

del meccanismo della relazione interpersonale. La capacità degli esseri umani di

comprendere e intuire gli stati emozionali delle persone sembrerebbe strettamente collegata a

un meccanismo innato che permette e favorisce i contatti relazionali con le persone.

Nell’autismo i soggetti risulterebbero deprivati di ciò che permette loro di acquisire il sapere

sulle altre persone e di comprenderne gli stati mentali. Il fatto che il bambino autistico sia

così in difficoltà nel comprendere gli stati mentali sarebbe la conseguenza dell’incapacità di

comprendere e rispondere alle emozioni degli altri. Attraverso alcuni studi descrive deficit

nella decifrazione originaria degli stimoli sociali, nel riconoscimento delle espressioni

mimiche e degli aspetti prosodici e affettivi della comunicazione, oltre ad anomalie nelle

esperienza del piacere e del dolore. Questi deficit contribuirebbero poi all’inadeguato

apprendimento del linguaggio, alle difficoltà nei processi di simbolizzazione e nel

riconoscimento degli stati mentali degli altri. Hobson è convinto che queste difficoltà

costituiscono la causa stessa dell’autismo e che siano in grado di spiegare tutte le

caratteristiche cliniche, compresa la carenza di una teoria della mente.

13) Il deficit delle funzioni esecutive

Un’altra ipotesi riguardo al deficit primario dell’autismo sarebbe un disturbo a livello delle

funzioni esecutive. Shallice ipotizza due modi di controllo delle funzioni esecutive: uno

automatico e uno volontario. I deficit delle funzioni di controllo si riscontrano in individui

danni ai lobi frontali. Ozonoff afferma che alcuni aspetti dell’autismo ricordano i deficit

delle funzioni esecutive che seguono a un danno frontali. Sembrano esistere quindi una serie

di analogie a livello comportamentale fra deficit prefrontali e autismo. Questa ipotesi è stata

testata in varie sperimentazioni (WCST, Torre di Hanoi). Ci sarebbero però dei limiti non

trascurabili che devono ancora essere chiariti.

14) Il deficit di coerenza centrale

Il sistema cognitivo di ogni individuo possiede una naturale propensione a formare una

coerenza interna. La coerenza centrale è da intendersi come la capacità di sintetizzare in un

tutto coerente o di sistematizzare in un complesso di conoscenze le molteplici esperienze

parcellari che investono l’apparato sensoriale. Questo modello cerca di spiegare alcune

caratteristiche dell’autismo: la tendenza a dirigere l’attenzione sulle singole parti invece che

su un oggetto nel suo complesso; la grande sensibilità per i più impercettibili cambiamenti

nell’ambiente di vita; gli interessi circoscritti ecc. in sintesi questo modello è quello che più

di altri si presta per una spiegazione del comportamento della persona con autismo nel

contesto concreto di vita, al di fuori del laboratorio sperimentale, con i deficit clamorosi e le

sorprendenti abilità settoriali. Anche questo modello sembra però soffrire di una definizione

non sufficientemente chiara dei meccanismi responsabili dei fenomeni presi in

considerazione.

15) Il deficit di simulazione mentale

Per spiegare il motivo per cui i bambini con autismo difettano nella capacità di interpretare

gli stati mentali degli altri è stata proposta recentemente la teoria della simulazione mentale

basata sul funzionamento dei neuroni a specchio. Si è scoperto che non è l’osservazione delle

varie sequenze di un movimento finalizzato ad attivare il sistema mirror, ma la coscienza del

valore finalistico del gesto. Nei bambini con autismo è stato messo in evidenza come il

sistema dei neuroni a specchio sia ipofunzionale. E’ stata dimostrata la carenza in soggetti

autistici ad alto funzionamento dell’attivazione del sistema mirror durante l’osservazione di

altri soggetti nell’atto di compiere un movimento. Uno studio simile dimostra che non solo i

soggetti autistici hanno scarsissima attività dei neuroni specchio ma anche che tale deficit è

direttamente proporzionale al grado di compromissione sociale.

16) La mente enattiva

L’approccio inattivo implica due concetti: da un alto che la percezione consiste in una zione

a sua volta guidata dalla percezione e dall’altra che le strutture cognitive emergono dagli

schemi sensomotori ricorrente che consentono all’azione di essere guidata percettivamente.

Uno studio di held e hein avvalora la concezione enattiva secondo la quale gli oggetti non

vengono visti tramite l’estrazione di caratteristiche del sistema visivo, ma piuttosto

attraverso la guida visiva dell’azione. Uno degli aspetti che ci colpisce quando interagiamo

con autistici ad alto livello di funzionalità è al grande discrepanza che dimostrano tra le

prestazioni di compiti espliciti di ragionamento sociale e il fallimento nelle interazioni

sociali concrete, quando si dovrebbero applicare quelle competenze di ragionamento sociale

che sembrano presenti. Le persone con autismo presenterebbero come difficoltà di base

quella di essere incapaci di cogliere gli aspetti salienti di una situazione sociale. Si

tratterebbe di un disturbo innato che impedisce loro di fare esperienze adeguate in incontri

sociali e quindi i accumularne il senso nella propria mente.

17) Che cos’è e come può essere valutata la zona di sviluppo prossimale?

L’istanza fra il livello attuale dello sviluppo del bambino, così come determinato dal problem

solving autonomo, e il livello di sviluppo potenziale, così come determinato attraverso il

problem solving sotto la guida di un adulto o con i propri pari più capaci.

18) Strategie di valutazione:

PEPR, PEP3, Check List, TEACCH

La definizione del profilo funzionale attraverso la scala PEP3

La scala PEP3 rappresenta l’ultima revisione dello strumento elaborato all’interno della

Divisione TEACCH del nord caroline per la definizione del profilo funzionale degli allievi

con autismo. La visione precedente si chiamava PEP-R. la valutazione funzionale effettuata

con il PEP-R s’indirizza a sette aree evolutive: imitazione, percezione, attività fini-motorie,

attività grosso-motorie, integrazione oculo-manuale, prestazioni cognitive, prestazioni

cognitive di tipo verbale. È prevista inoltre una scala di comportamento con la quale si

possono identificare i comportamenti inusuali caratteristici dell’autismo: relazioni e

affettività, gioco e interessi nei confronti dei materiali, modalità sensoriali, linguaggio. Nel

momento in cui il bambino viene osservato attraverso le griglie del PEP-R si riescono ad

individuare le prestazioni che è in grado di manifestare e quelle non padroneggiate, fra questi

due livelli è collocata un’area critica di apprendimento, che è importante delineare per la

pianificazione delle linee di intervento educativo personalizzato. La scala PEP3 cerca di

migliorare la precedente sia da un punto di vista psicometrico che da quello applicativo. La

valutazione funzionale viene effettuata attraverso: motricità globale, motricità fine,

imitazione visuomotoria, cognitivo verbale\preverbale, aspetto linguistico suddiviso in

linguaggio percettivo e linguaggio espressivo. I subtest della scala comportamentale del

PEP3 sono: espressione emotiva, reciprocità sociale, comportamenti motori caratteristici,

comportamenti verbali caratteristici. È stato inserito inoltre un questionario per i genitori. Il

PEP3 introduce anche un ulteriore miglioramento attraverso la messa a disposizione di dati


PAGINE

12

PESO

37.44 KB

AUTORE

frolla15

PUBBLICATO

3 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienza della formazione primaria (laurea a ciclo unico - 4 anni)
SSD:
Università: Carlo Bo - Uniurb
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher frolla15 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia dell'educazione per l'handicap e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Carlo Bo - Uniurb o del prof Cottini Lucio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia dell'educazione per l'handicap

Riassunto esame Psicologia dell'educazione, prof. Cottini, libro consigliato L'autismo a scuola
Appunto
Appunti completi per sostenere l'esame del primo anno di psicologia dell'educazione per l'handicap
Appunto
Riassunto esame Pedagogia dei saperi, prof. Martini, libro consigliato Pedagogia dei saperi
Appunto
Riassunto esame Docimologia, prof. D'Ugo, libro consigliato Manuale di metodologia della ricerca educativa, Trinchero
Appunto