Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

EFFETTI DELLA MORA

DEL CREDITORE

Art. 1207 c.c.

• Non estingue l’obbligazione

• Il debitore non deve più gli interessi frutti della

cosa

• Il debitore può pretendere il risarcimento dei

danni

• È a carico del creditore l’impossibilità della

prestazione sopravvenuta per causa non

imputabile al debitore

INADEMPIMENTO

Art. 1218 c.c.

L’inesatta o mancata esecuzione della

prestazione dovuta

Inesatta

: la prestazione non ha i requisiti di esattezza

quantitativa e qualitativa, puntualità di tempo e luogo.

Mancata

: la prestazione non è stata eseguita del tutto o

è difforme da quella dovuta o è stata ritardata.

INADEMPIMENTO

Responsabilità contrattuale

Risarcimento

del danno

(art. 1218 e 1223 c.c.)

Per inadempimento o per ritardo

danno emergente e lucro cessante

Solo se conseguenza immediata e diretta

INADEMPIMENTO

Imputabilità

Attribuibilità al soggetto agente

dell’azione da lui compiuta

1. Capacità di intendere e di volere

presupposti 2. Volontarietà dell’atto

3. Nesso di causalità (dipendenza del fatto

dall’atto)

INADEMPIMENTO

Tipi

Assoluto: obbligo di risarcimento

1.

Inadempimento Relativo: ritardo ingiustificato. Permane

imputabile l’obbligo originario e va risarcito il

ritardo

2. Impossibilità della prestazione

Inadempimento

non imputabile Non imputabilità del fatto del debitore

Non si ha obbligo di risarcire

L’obbligazione si estingue

INADEMPIMENTO

Mora del debitore

(art. 1219 c.c.)

Ingiustificato ritardo dell’adempimento

• Esigibilità del credito

• Imputabilità del ritardo al

presupposti debitore

• Costituzione in mora

INADEMPIMENTO

Mora ex re

Il debitore è in mora senza

intervento del creditore

1. Obbligazioni da eseguirsi presso il creditore e

il termine è scaduto

2. Debito da atto illecito

3. Dichiarazione del debitore di non voler

adempiere

INADEMPIMENTO

Mora ex persona

Il debitore è in mora con

l’intervento formale

del creditore

1. Quando il debito è pagabile presso il debitore

2. Se manca un termine

INADEMPIMENTO

Effetti della mora

• Risarcimento del danno

• Aggravamento del rischio

(perpetuatio obligationis)

INADEMPIMENTO

Purgazione della mora

Rimozione degli effetti della mora

ed eliminazione dello stato

di ritardo illegittimo

INADEMPIMENTO

Risarcimento del danno

Il debitore inadempiente deve

risarcire il danno se non prova che

l’inadempimento non è a lui imputabile

Pregiudizio patrimoniale subito dal creditore

DANNO come conseguenza diretta dell’inadempimento

Danno Diminuzione del patrimonio cagionata

emergente dall’inadempimento

Mancato guadagno che il creditore avrebbe

Lucro realizzato in caso di adempimento

cessante

INADEMPIMENTO

Rimedi

• Risarcimento del danno

Se non prova che l’inadempimento o il ritardo

è stato determinato da impossibilità della

prestazione derivante da causa non a lui

imputabile (v. 1256 e 1464)

• Esecuzione in forma specifica

Sempre che la prestazione sia ancora possibile

ed il creditore vi abbia interesse

MODI DI ESTINZIONE DIVERSI

DALL’ADEMPIMENTO

Modi satisfattori

Quando due persone sono obbligate l’una

Compensazione verso l’altra, i due debiti si estinguono

(art. 1241 c.c.) per le quantità corrispondenti

Quando le qualità di creditore e di debitore

Confusione si riuniscono nella stessa persona,

(art. 1253 c.c.) l’obbligazione si estingue, e i terzi che

hanno prestato garanzia per il creditore

sono liberati

MODI DI ESTINZIONE DIVERSI

DALL’ADEMPIMENTO

Modi non satisfattori

L’obbligazione si estingue quando le parti

Novazione sostituiscono all’obbligazione originaria

(art. 1230 c.c.) una nuova obbligazione con oggetto o

titolo diverso

La volontà di estinguere l’obbligazione

precedente deve risultare in modo non

equivoco

La dichiarazione del creditore di

Remissione rimettere il debito estingue l’obbligazione

(art. 1236 c.c.) quando è comunicata al debitore salvo che

questi dichiari in un congruo termine di non

volerne profittare

MODI DI ESTINZIONE DIVERSI

DALL’ADEMPIMENTO

Modi non satisfattori

Non imputabile al debitore

Impossibilità •

Oggettiva

sopravvenuta •

Sopravvenuta

(art. 1256 c.c.) •

Definitiva

MODIFICAZIONI

SOGGETTIVE

Cessione del credito

(art. 1260 c.c.)

Contratto con il quale il creditore

trasferisce ad un altro soggetto

il proprio diritto di credito

Crediti strettamente personali (es.:

Crediti alimenti)

incedibili Crediti il cui trasferimento è vietato dalla

legge

MODIFICAZIONI

SOGGETTIVE

Delegazione attiva

Il creditore assegna al debitore un

nuovo creditore e l’oggetto

dell’obbligazione resta immutato

Figura non disciplinata dalla legge

MODIFICAZIONI

SOGGETTIVE

Delegazione passiva

Negozio con cui il debitore

assegna al creditore un

nuovo debitore

Di pagamento (solvendi)

tipi •

Di debito (promittendi)

Debitore

(delegante) r. di valu

ta Creditore

r. di (delegatario)

provvista

Terzo

(delegato) MODIFICAZIONI

SOGGETTIVE

Espromissione

(art. 1272 c.c.)

Il contratto mediante il quale

un terzo (espromittente)

si obbliga a pagare al

creditore (espromissario)

quanto dovuto dal

debitore (espromesso)

senza incarico di quest'ultimo

MODIFICAZIONI

SOGGETTIVE

Accollo

(art. 1273 c.c.)

Il contratto mediante il quale

un terzo (accollante)

si accorda con il

debitore (accollato)

per assumere un debito di quest’ultimo nei confronti di

un

creditore (accolatario)

ESTINZIONE DELLE

OBBLIGAZIONI

Prestazione in luogo dell’adempimento

(art. 1197 c.c.)

Se il creditore lo consente, il debitore può

liberarsi eseguendo una prestazione diversa

da quella dovuta.

L’obbligazione si estingue quando la

diversa prestazione è eseguita.

RESPONSABILITÀ

PATRIMONIALE

Art. 2740 c.c.

Il debitore risponde dell’adempimento

delle obbligazioni con tutti i

suoi beni presenti e futuri

Tutti i beni del debitore costituiscono la

garanzia patrimoniale dei creditori

Non sono ammesse limitazioni della responsabilità

(fuori dei casi stabiliti dalla legge)

RESPONSABILITÀ

PATRIMONIALE

Deroghe alla responsabilità

patrimoniale

Insiemi di beni possono essere sottratti alla

garanzia generale

Patrimonio separato: Patrimonio autonomo:

eredità accettata con complesso di beni destinato ad

beneficio d’inventario, uno scopo e che non rispondono

solo quei beni rispondono dei debiti del titolare

dei debiti dell’eredità

RESPONSABILITÀ

PATRIMONIALE

Par condicio creditorum

(art. 2741 c.c.)

Tutti i creditori hanno uguale diritto di

essere soddisfatti sui beni del debitore

Indipendentemente dal momento e dalla causa del

credito tutti i creditori si soddisfano paritariamente

sulla vendita forzata dei beni

Salve le cause legittime di prelazione

RESPONSABILITÀ

PATRIMONIALE

Tipologie di creditori

Concorrono paritariamente sul patrimonio

del debitore ma subordinatamente ai

chirografari creditori garantiti

Hanno una causa di preferenza nella

garantiti soddisfazione del credito

Cause legittime di prelazione:

privilegio, pegno e ipoteca

RESPONSABILITÀ

PATRIMONIALE

Mezzi di conservazione della

garanzia patrimoniale

Azione surrogatoria (art. 2900 c.c.)

Azione revocatoria (art. 2901 c.c.)

Sequestro conservativo (2905 c.c. e 671 c.p.c)

RESPONSABILITÀ

PATRIMONIALE

Azione surrogatoria (art. 2900 c.c.)

Potere di surrogarsi al debitore

nell’esercizio dei diritti che

gli spettano verso i terzi

presupposti

• Inerzia del debitore

• Pregiudizio del creditore

• Diritti di credito o potestativi, di contenuto

patrimoniale trascurati del debitore

RESPONSABILITÀ

PATRIMONIALE

Azione revocatoria (art. 2901 c.c.)

Il creditore può chiedere che siano dichiarati

inefficaci nei suoi confronti gli atti di

disposizione del patrimonio con cui il

debitore rechi pregiudizio alle sue ragioni

presupposti

• Atto di disposizione del patrimonio in senso

peggiorativo

• Pregiudizio per il creditore (eventus damni)

• Conoscenza del pregiudizio arrecato (scientia damni)

RESPONSABILITÀ

PATRIMONIALE

Sequestro conservativo

(2905 c.c. e 671 c.p.c)

Provvedimento preventivo e cautelare emesso

dal giudice su istanza del creditore che ha

fondato timore di perdere la garanzia

del proprio credito

Per effetto del sequestro sorge un vincolo di

indisponibilità:

• inefficacia verso il creditore sequestrante degli atti di

disposizione dei beni sequestrati

CAUSE LEGITTIME DI

PRELAZIONE

Privilegi

(art. 2745 s.s. c.c.)

Causa di prelazione riconosciuta in ragione del tipo di

credito

Es. credito alimentare, crediti di lavoro, crediti tributari.

Privilegio

generale: su tutti

i mobili debitore Ordine di preferenza

tra i diversi privilegi

Privilegio speciale: solo su alcuni beni


PAGINE

67

PESO

237.03 KB

AUTORE

luca d.

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2008-2009

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher luca d. di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Privato e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Scienze giuridiche Prof.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto privato

Riassunto esame Diritto Privato, docente Di Porto, libro consigliato Manuale di Diritto Privato, Alpa, integrato con il Torrente-Schlesinger
Appunto
Diritto privato - la disciplina del testamento
Appunto
Diritto privato - domande e risposte
Esercitazione
Riassunto esame Diritto Privato, prof. Masi, libro consigliato Manuale di Diritto Privato, Alpa
Appunto