Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

La struttura del reato

Da un punto di vista giuridico il reato è un fatto giuridico volontario illecito, al quale

l'ordinamento ricollega una sanzione penale.

Nel corso degli anni sono state date varie definizioni di reato, alcuni pongono

l'accento sul lato morale, considerando il carattere sociale che riveste l'azione di

reato (definizione sostanziale), altri, invece, pongono l'accento sulle leggi,

considerando reato tutto ciò che il legislatore ha considerato tale (definizione

formale).

Entrambe le correnti di pensiero, però, sono criticabili, perché fanno leva su un solo

aspetto del reato, escludendone l'altro. Per dare, quindi, una definizione il più

possibile completa di reato si devono considerare tutti i suoi aspetti. Partendo da

questo presupposto, possiamo descrivere il reato in modo sostanziale-formale,

descrivendolo come un fatto umano che:

1)è previsto dalla legge in modo tassativo e irretroattivo

2)è attribuibile ad un soggetto dia causalmente sia psicologicamente

3)offende un bene giuridico costituzionalmente significativo

4)è sanzionato con una pena proporzionata al fatto e alla personalità dell'agente, con

5)una pena mirata alla rieducazione della pena.

Possiamo dire che ciò che distingue il reato dall'illecito civile ed amministrativo è la

diversa natura della sanzione.

Distinzione dei reati in delitti e contravvenzioni

I reati si distinguono in delitti e contravvenzioni, così come è menzionato nell'art. 39

c.p. “i reati si distinguono in delitti e contravvenzioni, secondo la diversa specie delle

pene per essi rispettivamente stabilite da questo codice”.

L'art. 17 c.p. Stabilisce che “le pene principali stabilite per i delitti sono l'ergastolo, la

reclusione e la multa; le pene principali stabilite per le contravvenzioni sono l'arresto

e l'ammenda”.

L'art. 17 stabilisce, inoltre, che tra le pene per i delitti vi è anche la morte, ma la Corte

costituzionale, con sentenza 28 aprile 1994, n. 168, ha dichiarato l’illegittimità

costituzionale del presente articolo nella parte in cui non esclude l’applicazione della

pena dell’ergastolo al minore imputabile.

L'oggetto giuridico del reato

Si definisce oggetto del reato il bene che viene tutelato dalle norme del codice penale;

ad esempio, nel caso dell'omicidio il bene giuridico tutelato è la “vita”, nel caso del

furto è il “patrimonio”.

L'oggetto tutelato non va confuso con l'oggetto materiale dell'azione, per esempio nel

furto di un portafogli l'oggetto materiale dell'azione è il portafogli, invece l'oggetto

giuridico è il patrimonio.


PAGINE

3

PESO

64.74 KB

AUTORE

suke

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze giuridiche
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher suke di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Penale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Coppi Franco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto penale

Riassunto esame Diritto Penale, prof. Fiorella, libro consigliato Delitti contro l'ordine pubblico, Antolisei
Appunto
Diritto penale - il giusto processo
Appunto
Diritto penale II - i reati contro l'ordine pubblico
Appunto
Riassunto esame Diritto Penale, prof. indefinito, libro consigliato Manuale di Diritto Penale, Marinucci, Dolcini
Appunto