Che materia stai cercando?

Riassunto esame Storia del Diritto Medievale e Moderno, prof. Treggiari, libro consigliato Storia del Diritto in Europa, Padoa Schioppa

Riassunto per l'esame di Storia del Diritto Medievale e Moderno, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Storia del Diritto in Europa, Padoa Schioppa, con distinzione dei vari periodi storici, tenendo conto della sua evoluzione nel tempo e delle diverse attività normative che si sono susseguite negli anni, riferimento alle strutture pubbliche... Vedi di più

Esame di Storia del Diritto Medievale e Moderno docente Prof. F. Treggiari

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

STORIA DEL DIRITTO MEDIEVALE E MODERNO

Parte prima. Dall'età tardo-antica all'alto medioevo (secoli V-XI)

1.Il diritto tardo-antico

1.Le strutture pubbliche

Tra l'età di Costantino e l'età di Giustiniano il territorio dell'impero era suddiviso in 114

province, suddivise tra Oriente e Occidente . La bipartizione divenne irreversibile con la

caduta dell'Impero d'Occidente nel 476. La successione al trono prevedeva due imperatori

(Augusti) e due successori designati (Cesari), in un rapporto di reciproca diffidenza.

Tre distinte gerarchi si affiancavano sul territorio: la gerarchia militare faceva perno sui duces

e sui magistri militum oltre che su milizie mobili, la gerarchia civile era ripartita in ben cinque

livelli, che comprendevano i defensores della città, i governatori delle province, i vicari a capo

delle diocesi, i quattro prefetti del pretorio i Italia, Gallia, Costantinopoli e Illirico; una terza

gerarchia di funzionari esercitava le competene tributarie e finaniarie dell'Impero. Al di sopra

delle tre gerarchie vi era l'imperatore, ormai titolare di tutti i poteri; la burocrazia imperiale non

era esente da vizi e abusi, tuttavia è innegabile l'alto livello professionale.

2.Legislazione postclassica

Il tardo Impero concentrò ogni compito di produzione normativa nelle mani dell'imperatore,

che agiva attraverso uffici a alti funzionari. Il Questore del sacro palazzo (questioni legali) e il

Maestro degli uffici (capo della Cancelleria) elaboravano le costituzioni (edicta) poi approvate

dall'mperatore. La funzione giudiiaria era esecitata dall'imperatore per mezzo dei suoi giudici

centrali. Vi erano i casi sottoposti a lui in ultima istanza, i ricorsi diretti dei sudditi, le richieste

di funzionari-giudici locali. La corte imperiale risolveva i casi emettendo a nome

dell'imperatore un rescritto o un coDnsulto. I rescripti potevano essere utilizzati anche per

casi simili e vennero col tempo acquistando un ruolo di natura normativa, che divenne

ufficiale quando una sezione di essi entro nella compilazione giustinianea. I mores e i

responsa (pareri) dei giuristi, i senatoconsulta e le altre fonti vennero relegati sullo sfondo. Le

fonti del diritto vennero ridotte a due catecorie: gli iura, che includevano le fonti tradizionali del

diritto civile e onorario, e le leges, cioè le costituzioni imperiali. Vi fu poi l'influenza del

cristianesimo e del diritto greco.

3.Da Teodosio II a Giustiniano

Dal IV al VI secolo vi fu l'esigenza di raccogliere in testi organici il corpus delle costituzioni. I

primi furono i Codici Gregoriano ed Ermogeniano, che raccoglievano i rescritti da Diocleziono,

segue il Codice teodosiano, promulgato da Teodosio nell'anno 438, che raccolse in 16 libri

tutte le costituzioni generali dall'età di Costantino sino a quell'anno in ordine cronologico e

che venne esteso in entrambe le parti dell'impero, esercitando un'influenza profonda e

duratura durante l'alto medioevo in Occidente.

In seguito dal 529 al 534 Giustiniano diede vita alle quattro opere che nel loro insieme

formarono quello che in seguito venne denominato Corpus iuris civilis. Il codice riunì in 12 libri

migliaia di rescritti e di costituzioni imperiali dal secolo I sino a Giustiniano stesso. Il Digesto,


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

2

PESO

12.20 KB

AUTORE

Moses

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto per l'esame di Storia del Diritto Medievale e Moderno, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Storia del Diritto in Europa, Padoa Schioppa, con distinzione dei vari periodi storici, tenendo conto della sua evoluzione nel tempo e delle diverse attività normative che si sono susseguite negli anni, riferimento alle strutture pubbliche create fin dall'epoca romana.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
Università: Perugia - Unipg
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Moses di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia del Diritto Medievale e Moderno e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Perugia - Unipg o del prof Treggiari Ferdinando.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia del diritto medievale e moderno

Codice commercio 1882
Dispensa
Codice Civile 1865
Dispensa
Code Napoleon
Dispensa
Codici preunitari
Dispensa