Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Matrimonio concordatario

Sent. n. 421 del 1993 (Casavola; Mirabelli): Riserva esclusiva di giurisdizione matrimoniale ecclesiastica

Nell'Accordo del 18 febbraio 1984, con cui lo Stato italiano e la Chiesa cattolica hanno convenuto modifiche al Concordato

lateranense del 1929, la riserva di giurisdizione a favore dei tribunali ecclesiastici per le cause di nullità dei matrimoni canonici

trascritti, seppur non prevista in modo espresso, è assunta - coerentemente con il principio di laicità dello Stato - quale logico

corollario del sistema matrimoniale recepito dall'Accordo, nel quale sono riconosciuti effetti civili, mediante trascrizione, ai

matrimoni contratti per libera volontà delle parti secondo le norme del diritto canonico, e da tale ordinamento disciplinati nel

loro momento genetico. Perciò, la giurisdizione ecclesiastica "esclusiva" - lungi dall'essere venuta meno - va ricondotta all'art.

8 dell'Accordo e al punto 4 del contestuale Protocollo addizionale, i quali regolano interamente la materia matrimoniale nei

connessi aspetti sostanziale e processuale, attribuendo peraltro più penetranti poteri al giudice italiano in sede di delibazione

delle sentenze ecclesiastiche di nullità.

LA CORTE COSTITUZIONALE

composta dai signori:

Presidente: prof. Francesco Paolo CASAVOLA;

Giudici: prof. Gabriele PESCATORE, avv. Ugo SPAGNOLI, prof. Antonio BALDASSARRE, prof. Vincenzo CAIANIELLO, avv. Mauro

FERRI, prof. Luigi MENGONI, prof. Enzo CHELI, dott. Renato GRANATA, prof. Giuliano VASSALLI, prof. Francesco GUIZZI, prof.

Cesare MIRABELLI, prof. Fernando SANTOSUOSSO, avv. Massimo VARI,

ha pronunciato la seguente

Sentenza

nel giudizio di legittimità costituzionale dell'art. 1 della legge 27 maggio 1929, n. 810 (Esecuzione del Trattato, dei quattro

allegati annessi e del Concordato, sottoscritti in Roma, fra la Santa Sede e l'Italia, l'11 febbraio 1929), promosso con

ordinanza emessa il 13 marzo 1992 dalla Corte d'appello di Torino nei procedimenti civili riuniti vertenti tra Giuseppe Quercia

ed Olimpia Barberio, iscritta al n. 700 del registro ordinanze 1992 e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica n. 46,

prima serie speciale, dell'anno 1992.

Visto l'atto di intervento del Presidente del Consiglio dei ministri;

udito nell'udienza pubblica del 2 novembre 1993 il Giudice relatore Cesare Mirabelli;

udito l'Avvocato dello Stato Plinio Sacchetto per il Presidente del Consiglio dei ministri.

(...)

Considerato in diritto

1. - La Corte d'appello di Torino, dubitando della legittimità costituzionale della riserva di giurisdizione ai tribunali ecclesiastici

in ordine alla nullità del matrimonio concordatario, la cui fonte normativa il giudice rimettente individua nell'art. 1 della legge

27 maggio 1929, n. 810, nella parte in cui dà esecuzione all'art. 34, quarto comma, del Concordato tra l'Italia e la Santa Sede

dell'11 febbraio 1929, ha sollevato questione di legittimità costituzionale di questa disposizione in riferimento all'art. 7, primo

comma, della Costituzione.

2. - L'Avvocatura generale dello Stato, per il Presidente del Consiglio dei ministri intervenuto nel giudizio dinanzi a questa

Corte, dopo avere affermato che la riserva di giurisdizione ecclesiastica permane in base all'interpretazione sistematica dell'art.

8 dell'Accordo di revisione del Concordato e concluso nel merito per la infondatezza della questione, ha proposto due eccezioni

di inammissibilità in quanto:

a) la questione di legittimità costituzionale sarebbe formulata in modo perplesso ed ondivago, sì da non consentirne la

identificazione;

b) il giudice rimettente avrebbe denunciato la legge n. 810 del 1929 in relazione all'art. 34 del Concordato, anziché la legge n.

121 del 1985 in relazione all'art. 8 dell'Accordo del 1984 che apporta modificazioni al Concordato, disposizioni queste ultime

che disciplinano ora la materia ed in base alle quali la riserva, ad avviso dell'Avvocatura, permane.

3. - Preliminarmente devono essere esaminate le eccezioni di inammissibilità, seguendo l'ordine logico loro proprio.

La prima eccezione, pregiudiziale rispetto ad ogni altra perché attinente alla stessa individuabilità dell'oggetto del giudizio, non

è fondata.

La Corte d'appello di Torino, esaminando la disciplina concordataria della giurisdizione ecclesiastica in materia matrimoniale,

espone l'interpretazione dell'art. 8 dell'Accordo in forza della quale il giudice di primo grado aveva escluso la propria

giurisdizione e, mostrando di non condividerla, si fa carico di una diversa lettura ermeneutica che trae argomento da altri


PAGINE

2

PESO

44.47 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2007-2008

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher melody_gio di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto ecclesiastico e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Niccolò Cusano - Unicusano o del prof Cozzolino Mariassunta.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto ecclesiastico

Diritto ecclesiastico - Decreto 10 febbraio 2000, n.361
Appunto
Diritto ecclesiastico - i Tribunali ecclesiastici
Appunto
Diritto ecclesiastico - Appunti
Appunto
Diritto ecclesiastico - Sentenza n. 195 del 1993
Appunto