Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Giurisdizionalismo:

Fin dall’epoca dell’impero romano, si era diffusa la prassi di una forte unione del potere politico col potere

religioso: quest’unione non venne meno neppure con il riconoscimento del cristianesimo come religione

ufficiale a seguito dell’editto di Nicomedia e di Milano emessi nel 313 d.C. da Licinio e da Costantino. A

seguito di questi editti gli imperatori romani divennero cristiani, e pontefici massimi della nuova religione,

seguendo l’antica tradizione romana. Adesso era l’imperatore il capo supremo della Chiesa, era lui che ne

convocava i Concili, che ne rendeva esecutivi i decreti e i dogmi di fede. Questo sistema di unione dei

rapporti fra stato e religione, proprio per l’identificazione che si era venuta a creare nella figura

dell’imperatore delle due funzioni di capo dello Stato e di Capo della Chiesa è stato definito con il termine di

cesaropapismo, che indica proprio questa unione del potere civile con quello ecclesiastico, del potere

temporale con quello spirituale. Però, una volta caduto l’impero romano d’occidente, anche il cesaropapismo

cessò nell’Europa occidentale, ma persistette a Bisanzio fino al suo crollo.

L’esempio più illustre di commistione fra potere supremo civile e suprema potestà religiosa, cioè l’esempio

più illustre di cesaropapismo è rappresentato dal Corpus Iuris Civilis, il quale nel Codex di Giustiniano

riporta le norme imperiali che sancivano il dogma della Trinità come legge che tutti i cristiani dovevano

abbracciare.

Il cesaropapismo era cessato nell’occidente perché era venuta meno un’autorità politica centrale che potesse

arrogarsi un potere supremo su tutta la Chiesa; ma nel frattempo era venuta crescendo l’autorità del vescovo

di Roma, che rivendicò anche una potestà di ordine temporale; però eccettuando questo fatto a dire il vero

una volta caduto l’impero romano d’occidente si era fatta strada una dottrina di separazione fra potere

temporale e spirituale, che veniva costantemente affermata anche dalla letteratura patristica occidentale ( S.

Ambrogio, S. Agostino, S. Gelasio, et…), per cui fino al primo medioevo era coscienza comune che i due

poteri fossero distinti e le controversie riguardavano semmai la delimitazione di essi. Le lotte tra Papato e

Impero cessarono con l’indebolirsi del potere temporale del papa e il frantumarsi del sogno di ricostruire un

nuovo impero romano – cristiano. Nel frattempo, mentre il Re si impegnava per unificare ogni potere sotto la

sua persona, vi furono numerosi eventi che si manifestarono come contrasto fra potestà civile e quella

ecclesiastica, come il grande scisma d’occidente, le eresie in molti Paesi europei, la riforma protestante e le

successive guerre di religione, le quali furono concluse dalla pace di Augusta, che riconobbe solo ai principi

la libertà di aderire o non alla religione riformata e attribuì loro il ius reformandi, cioè il potere di imporre la

religione da essi professata a quei sudditi che non avessero preferito emigrare in altro paese; solo un secolo

dopo, a seguito della pace di Westfalia ( 1648 ), alla fine della guerra dei Trent’anni, si ebbe riguardo per le

minoranze religiose, attribuendo diritti a cattolici, luterani e calvinisti. In questo grande periodo di

cambiamenti, la Chiesa cattolica o riformata era subordinata allo stato, al potere civile che era impersonato


PAGINE

2

PESO

51.26 KB

AUTORE

flaviael

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti per l'esame di Diritto ecclesiastico del professor Lo Castro sul giurisdizionalismo. Fin dall'epoca dell'Impero romano, si era diffusa la prassi di una forte unione del potere politico con il potere religioso: quest'unione non venne meno neppure con il riconoscimento del cristianesimo come religione ufficiale a seguito dell'editto di Nicomedia.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze giuridiche
SSD:
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher flaviael di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Ecclesiastico e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Lo Castro Gaetano.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto ecclesiastico

Diritto ecclesiastico - mezzi per il sostentamento del clero
Appunto
Diritto ecclesiastico - Enti delle confessioni religiose
Appunto
Diritto ecclesiastico - personalità giuridica degli enti confessionali
Appunto
Diritto ecclesiastico - la scienza giuridica
Appunto