Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Bisogna avere chiare le prestazioni concrete che gli alunni saranno capaci di fare al

termine dell’intervento.

L’obiettivo non si identifica con il tema o l’argomento della lezione. Bisogna

operazionalizzarlo cioè abbinargli uno strumento di valutazione.

Suggerimenti:

Distinguere finalità educative di ordine più generale o processi cognitivi di alto

1. livello da obiettivi in senso stretto.

Per leggere e valutare gli obiettivi didattici ci si può avvalere di un tassonomia di

2. tre tipi di obiettivi cognitivi:

Conoscenza di superficie (termini, concetti, nozioni)

- Conoscenza approfondita (relazioni, interpretazioni)

- Conoscenza generativa (schemi e modelli concettuali trasferibili)

- RELAZIONE TRA OBIETTIVO ED EFFICACIA DIDATTICA

L’intervento didattico sarà più efficace se l’insegnante:

- Definisce nella propria mente l’obiettivo

- Operazionalizza l’obiettivo

- Rende chiaro l’obiettivo agli alunni

- Rende visibili gli avanzamenti agli alunni tramite feedback progressivi

Predisporre la presentazione andando oltre la modalità orale

Bisogna attrezzarsi per una declinazione variata dei contenuti e delle forme

espressive da sollecitare per venire incontro alle diversità (come i bes).

La prima possibilità è quella dei supporti visivi (LIM oppure quelli più economici:

cartelloni, schizzi alla lavagna, proiettori tascabili)

Immaginare preventivamente i possibili punti critici

Bisogna esercitare una forte presenza nella classe e concludere la lezione

richiamandone il senso. AUTOCONTROLLO DELL’INSEGNANTE

L’insegnante deve porsi alcuni quesiti chiave:

- Ciò che si verifica alla classe sfugge al suo controllo?

- Si fa prendere dall’ansia? Alza la voce? Fornisce troppe informazioni?

- Rischia di perdere il focus principale? Controlla il tempo?

- Trasmette un atteggiamento di equità?

Avvio

Predisporre l’ambiente e mostrarsi capaci di “entrare in situazione”

È importante anche la modalità fisica con cui si entra in classe. Bisogna stabilire un

rapporto comunicativo con gli alunni, perlustrare l’aula, aprire le finestre e porsi al

centro dell’aula.

Se ci si comporta con tranquillità si comunica agli alunni che si ha il controllo della

classe.

È importante controllare prossemica e gestualità oltre che il piano verbale.

Focalizzare su di sé l’attenzione

L’avvio di una lezione richiede non più di 3-4 minuti. Nel caso in cui ci sia una

situazione caotica non si deve dare l’impressione di compiacere gli alunni solo per farli

calmare (es. assegnare un gioco).

Quel tipo di attrazione inoltre è solo un falso interessamento e peggiora

l’apprendimento.

In caso di mancanza di motivazione vi sono due modi sbagliati di affrontarla:

Dare la colpa agli alunni che non hanno voglia

- Inseguire le inclinazioni e i desideri degli allievi

-

Il termine motivazione è però generico, si può parlare di “intenzioni di apprendimento”

degli alunni.

Bisogna evitare il sovraccarico cognitivo. L’attenzione richiede selezione e

evidenziazione degli stimoli da mettere al centro dell’attività mentale dell’allievo.

Il problem solving è utilissimo per suscitare curiosità. (esempio del bicchiere d’acqua

rovesciato su un foglio: crea conflitto socio cognitivo cioè contraddice le aspettative).

Attivare le preconoscenze e rendere chiaro l’obiettivo

Le preconoscenze hanno un ES = 0,67. Piaget ha dimostrato come un allievo a

qualsiasi livello di expertise possiede già idee e concetti che vengono via via riviste e

ristrutturate durante la crescita cognitiva.

Ausubel propone gli anticipatori (advance organizers) cioè un tipo di scaffold

preliminare che offre un’idea preliminare di quelli che saranno i punti da affrontare.

POTENZIARE LE INTENZIONI DI APPRENDIMENTO DEGLI ALLIEVI

- Far capire l’obiettivo da raggiungere

- Far comprendere come possono agire per conseguirlo

- Far riscontrare una diretta corrispondenza tra comportamenti e risultati

- Ottenere risultati tangibili

- Sapere che l’errore è accolto positivamente

- Sapere di poter chiedere aiuto in caso di difficoltà

- Sperimentare emozioni positive nell’apprendere

Svolgimento – aspetto comunicativo

Presentare le informazioni in più codici comunicativi e adattare la

comunicazione linguistica

L’esposizione “a conferenza” ha un carattere scarsamente didattico.

L’inclusione impone la necessità di realizzare un’istruzione che riesca a essere efficace

per tutti come enfatizzato dall’orientamento che si chiama Universal Design for

Learning.

L’attenzione va dunque spostata sulla comunicazione corporea

(cinesica/prospettica/mimica: volto e sguardo, sopracciglia e movimenti della fronte) e

su quella paralinguistica (tono, ritmo, pause della voce).

*è preferibile non mettere in primo piano la personalizzazione ma cercare inizialmente

ciò che è comune nelle diversità.

La comprensione di un testo può essere facilitata tramite varie operazioni:

Scomporre il testo in frasi brevi

- Trattare preliminarmente alcuni termini o passi difficili

- Sollecitare le preconoscenze su quanto il testo dirà

- Anticipare il senso del testo con una breve sintesi

-

Avvalersi della facilitazione della comunicazione visiva

La comunicazione orale supportata da immagini è una delle modalità più versatili. Le

immagini possono essere classificate per:

Grado di staticità (statica o dinamica)

- Grado di realismo (realismo, realismo adattato o simbolizzazione cioè con un

- codice del tutto convenzionale)

Secondo Clark e Lyons l’immagine può svolgere diverse funzioni:

Supportare l’attenzione

- Attivare o costruire preconoscenze

- Minimizzare il carico cognitivo

- Aiutare a costruire modelli mentali e favorire una comprensione più profonda

- Aiutare il trasferimento dell’apprendimento

- Supportare la motivazione

-

La combinazione più efficace è quella immagine statica e parola. Tra di esse deve

esserci pertinenza o complementarità integrativa.

La comunicazione visiva può essere usata anche al di fuori dell’apprendimento come

per le regole di classe.

Implicazioni emotive: lo humor può aiutare a ridurre lo stress ma bisogna fare

attenzione agli usi inappropriati. No al sarcasmo.

Passione ed entusiasmo sono termini spesso avvolti da generico sentimentalismo.

Esse devono appartenere all’insegnante in cui la valenza emozionale e quella

cognitiva si coniugano strettamente. Esse sono veicolate dal piacere che l’insegnante

manifesta nell’afferrare e maneggiare i concetti.

Evitare il sovraccarico cognitivo e dare massima evidenza alle conoscenze

importanti

Molti ritengono erroneamente che aggiungere multimedialità accresca l’aprendimento

ma questo è stato sconfessato dalle evidenze (CLT)

Bisogna cercare sempre l’essenzialità, la chiarezza e la concisione dei messaggi

veicolati.

È fondamentale diminuire (annullare) il carico cognitivo estraneo, aumentare quello

rilevante e regolare quello intrinseco.

Svolgimento – aspetto cognitivo e strategico

Immaginare i cambiamenti che subentrano nella mente degli alunni

(processi cognitivi)

Quando gli schemi esistenti sono inadeguati devono essere ristrutturati. Un

apprendimento puramente mnemonico non modifica gli schemi sottostanti.

Ausubel distingue:

Apprendimento meccanico

- Apprendimento significativo

-

Novak suggerisce l’impiego di mappe concettuali: possono costituire un valido

sostegno sia per l’insegnante (per definire meglio il suo obiettivo) sia per l’alunno (per

prendere consapevolezza del proprio arricchimento cognitivo progressivo).

La criticità sta nel fatto che spesso gli insegnanti utilizzano le mappe a un livello

cognitivo basso.

Mantenere un carattere aperto e sfidante e mantenere la curiosità

Gli studenti trovano soddisfazione nella sfida. Un compito sfidante non deve essere

banale ma l’obiettivo deve essere comprensibile nella sua natura. Il contesto inoltre

deve essere alleggerito dall’ansia dell’errore e supportato dal docente.

C’è un legame stretto tra feedback e sfida: essa implica un maggior impegno nel

feedback da parte del docente.

Quiz, CLOZE e rompicapo suscitano curiosità come in generale il gioco basato su

incongruità, informazioni inusuali etc.: la sconferma di un’aspettativa provoca un

sobbalzo cognitivo. (Loewenstein)

La lezione euristica sollecita continuamente a pensare, a elaborare inferenze. Si deve

anche saper accogliere risposte impreviste dalle quali ripartire per orientare

l’apprendimento.

PRESENTAZIONE ALGORITMICA VS PRESENTAZIONE EURISTICA

1. Algoritmica: l’informazione viene presentata già strutturata. Si presuppone che il

bambino comprenda i nessi concettuali impliciti.

2. Euristica: l’insegnante presenta l’informazione in modo dialogico e problematico.

La domanda va riformulata se ci sono difficoltà nel rispondere. La conclusione

viene ricavata dai bambini.

Adattare e destrutturare un contenuto in gradi di complessità variata e

applicarlo in contesti vari

Per la CLT il carico cognitivo intrinseco è la quantità di impegno cognitivo imposto di

per sé da un determinato compito. Quando è troppo alto va regolato attraverso la

scomposizione e la messa in sequenza del compito in fasi (chunking e sequencing) e il

ritmo dell’apprendimento autoregolato dallo studente (pacing).

Dai problem solving più semplici si può procedere verso quelli più complessi

attraverso brevi percorsi di padroneggia mento guidato.

Hattie sottolinea l’importanza di una corretta assegnazione di significato ai termini (ES

= 0,7)

Un buon insegnamento dovrebbe produrre sia un interesse per la materia sia abilità

tecniche idonee a padroneggiarla.

Ritornare sui problemi riesaminandoli a livelli di complessità diversa, in contesti

diversi e da punti di vista differenti è un aspetto necessario.

Svolgimento – aspetto gestionale e interattivo

Comunicare e mantenere regole chiare e condivise

I comportamenti di disturbo in classe possono assumere varie forme: non rispettare il

turno, lasciare il banco in disordine, parlare ad alta voce, alzarsi e spostarsi, entrare e

uscire senza permesso etc.

La ricerca ha spostato l’accento a una visione che fa perno sulla gestione complessiva

della classe (classroom management) che implica un buon school management cioè

l’esistenza di un chiaro sistema di norme e contingenze di rinforzo condivise a livello

dell’intera scuola.

Le cause del comportamento indisciplinato possono essere di due tipologie:

Condizionamenti ricevuti da modelli culturali diversi

- Problemi personali (fisici o psicologici)

- Bisogni e impulsi fisici (fame, sonno etc.)

Bisogni psicologici (sicurezza; autostima e autorealizzazione; apprezzamento

esterno; appartenenza)

È importante insegnare ai bambini con costanza e fermezza le regole di

comportamento, esercitandole con routine fino a che non vengono assimilate.

È bene esprimere le regole in positivo e non in negativo. Gli allievi devono essere

coinvolti nella loro definizione. La loro efficacia ha senso in un contesto in cui si

riconosce in primis l’autorevolezza del docente:

In quanto adulto

- In quanto figura burocratica

- In quanto persona esperta

- In quanto autorità carismatica

-

Una volta definite e accettate delle norme, i richiami devono essere fatti in rapporto

ad esse con coerenza e imparzialità.

ACQUISIRE LE REGOLE ATTRAVERSO IL GIOCO: ALCUNI SUGGERIMENTI

Per l’autocontrollo nei primi giorni: spostare il banco senza fare rumore

Per l’accoglienza: cercare su Google Maps il paese di provenienza

Per la gestione del rumore: il “volumometro” da costruire in classe con i bambini.

Far percepire un controllo costante su tutto

La classe è una realtà psicologica multidimensionale le cui dinamiche possono

sfuggire all’insegnante.

Nuthall ha individuato tre livelli di queste dinamiche (circa il 70% sfugge agli occhi del

docente):

Esterno, pubblico che l’insegnante vede e può gestire

- Semiprivato, delle relazioni tra gli alunni

- Interamente privato, che si svolge all’interno della mente dell’allievo

-

Un bravo insegnante deve avere un atteggiamento

withiness cioè “essere dentro”

- overlapping cioè gestire più eventi contemporaneamente

- smoothness cioè rimanere nella traccia della lezione evidenziando i pericoli di

- una digressione

Applicare strategie dissuasive verso comportamenti di disturbo

(mantenendo il rispetto della persona)

Vi sono due prospettive non incompatibili:

comportamentale: rinforzo positivo e non rinforzare involontariamente i

- comportamenti scorretti; ridurre l’interesse sul comportamento scorretto. Es.

Positive Behavior Support.

umanistico-relazionale: (Rogers e Gordon) lavorare per costruire un buon clima

- di classe basato su un’atmosfera invitante, serena e comprensiva. Ascolto ed

empatia sono essenziali. Le tre tecniche fondamentali sono: 1. Ascolto attivo 2.

Messaggio-Io 3. Risoluzione dei conflitti con il problem solving


ACQUISTATO

7 volte

PAGINE

15

PESO

77.86 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della formazione primaria
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher giulia.bini.96 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Didattica generale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Calvani Antonio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Didattica generale

Riassunto esame Didattica generale, prof. Giuliano Franceschini, libro consigliato "Insegnanti consapevoli. Saperi e competenze per insegnanti di scuola dell'infanzia e di scuola primaria", Franceschini Giuliano
Appunto
Riassunto esame Didattica generale, prof. Giuliano Franceschini, libro consigliato "Il curricolo nella scuola dell'infanzia. Prospettive di ricerca e modelli operativi", di Franceschini Giuliano, Borin Paolo
Appunto
Riassunto esame Didattica generale, prof. Calvani, libro consigliato Dopo Dewey: Il processo di apprendimento nelle due culture, Bruner
Appunto
Riassunto esame Didattica Generale, prof. Franceschini, libro consigliato Progettare per unità di competenze nella scuola primaria
Appunto