Che materia stai cercando?

Musica - la definizione di handicap

Appunti di Musica sulla definizione di handicap. Gli argomenti che vengono trattati sono i seguenti: gli handicap possono essere di tre tipi: motori (derivanti da mutilazioni, distrofia muscolare, paralisi), sensoriali (ad esempio cecità e sordità), intellettivi (derivanti da disturbi o malattie mentali, ad esempio l'autismo o la sindrome... Vedi di più

Esame di Musica docente Prof. P. Scienze letterarie

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Nell’ambito scolastico vengono svolti due o tre incontri con il gruppo di

l’integrazione

lavoro multi disciplinare operante nella scuola per valutare

scolastica e il processo di maturazione globale degli alunni in situazione di

handicap.

Aspetti familiari

 Situazione familiare: il suo nucleo familiare è composto da tre

persone, la minore in esame, il papà e la mamma. Entrambi sono in

possesso di un grado di istruzione medio- alto.

 Le persone di riferimento sono: l’insegnante di sostegno, la

logopedista e la psicomotricista.

 La situazione socio- economica è benestante, infatti tutte le terapie a

cui la bambina è sottoposta sono a pagamento.

Segue un piano educativo individuale con obiettivi, abilità e metodologie

differenziate per ogni area di apprendimento.

Utilizza almeno dieci quaderni, dove in ogni quaderno vengono stabilite le

attività per il conseguimento di abilità specifiche.

Abilità cognitive e metacognitive

 L’attenzione: è piuttosto labile, ha bisogno di continue sollecitazioni.

 Memoria: è limitata, ha una discreta discriminazione, la

generalizzazione è carente, non sa risolvere i problemi.

 Ha una buona programmazione di azione e la sua consapevolezza è

allo stato iniziale.

 Autoregolazione: è parzialmente autonoma.

Comunicazione e linguaggio

 Ha volontà di comunicare ma gli manca la capacità,

 L’aspetto fonologico del linguaggio verbale è buono.

Abilità interpersonali/sociali

 Non sa avviare un rapporto ma ha la capacità di mantenerlo in classe.

 discreto rispetto dell’altro, ma se è sola reagisce violentemente

Ha un

attirando a se l’attenzione.

Autonomia personale

 Ha un ottimo controllo degli sfinteri, ma è incapace di

autoalimentarsi, vestirsi, svestirsi, e lavarsi.

Motricità e percezione

 Presenta un impaccio motorio, non ha strutturato una buona motricità

finomotoria (non segue il rigo),

 Le abilità percettivo motorie sono molto deficitarie.

 Le attività grossomotorie sono limitate, ed è l’unica disciplina che

segue con la classe. Gli obbiettivi sono: potenziare lo schema del

corpo e saperli riconoscerli e nominarli.

L’osservazione guidata è stata divisa in quattro incontri da tre ore per ogni

incontro. Il primo incontro si è svolto con la presentazione di Francesca, ho

rivolto alcune domande riguardanti la sua situazione di handicap, poi

l’insegnante di sostegno con soddisfazione mi ha concesso di visionare

tutto ciò che Francesca sa fare in tutte le discipline ed è stato stabilito per

lei una programmazione individuale per tutte le aree disciplinari.

Il programma di lingua italiana prevede di:

- Sviluppare le capacità di comprendere e usare un linguaggio orale per

comunicare e per organizzare il pensiero ( orale).

- Acquisire minime capacità strumentali nella lettura e nella scrittura.

alcune lettere dell’alfabeto che

Sono state realizzate richiamano

intermediario concreto oggetti e segni ad esempio:M= montagna, P=

pancione, S= serpente, successivamente si passa al riconoscimento uditivo

del fonema, il riconoscimento della lettera avviene su due disegni uditivo-

fonema e visivo- grafema.

Tutto il lavoro è stato ripetuto molte volte in maniera molto approfondita e

consolidata la difficoltà di Francesca è che quando ha memorizzato uno

schema non riesce a passare ad uno schema diverso. Sa scrivere le sillabe

sotto dettatura ma non rispetta lo spazio grafico del rigo. Comincia a

scrivere le parole aiutandosi vedendo il modello.

Il programma di Storia- Geografia- Studi Sociali prevede di:

- Sviluppare le abilità senso percettive, relazioni temporali

- Riconoscere la contemporaneità degli avvenimenti,

Geografia: Sviluppare le abilità, i rapporti spaziali

Studi Sociali: Raggiungere un adeguato grado di autonomia personale

finalizzato all’acquisizione di affinità sociali.

Visionando il quaderno di Geografia ho potuto osservare che gli obiettivi

programmati erano parzialmente raggiunti. Francesca non sa verbalizzare

una frase per una sua difficoltà strutturale in conseguenza al suo deficit.

Nel secondo incontro le discipline da svolgere erano :Aritmetica, Scienze e

Educazione Motoria.

Il programma di Aritmetica prevede di:

- Acquisire il concetto di numero.

Favorire l’acquisizione delle capacità logiche.

-

- Localizzare oggetti nello spazio prendendo come riferimento se stessa,

oggetti e altre persone.

Il programma di Educazione Motoria ha come obiettivo quello di:

- Sviluppare abilità psico- motorie

- Consolidare la percezione, la conoscenza dello schema corporeo

Visionando il quaderno di Aritmetica gli obiettivi sono: Saper contare fino

a dieci elementi, Saper contare associando la numerazione orale allo

spostamento concreto degli oggetti man mano che li numera.

L’insegnante predispone sul banco una serie di figure/oggetti e Francesca

mentre conta li deve spostare facendo corrispondere al numero pronunciato

gli oggetti.

Le attività relative alla numerazione sono state eseguite con la guida

dell’insegnante. Francesca non sa coordinare la parola gesto, cioè non

sposta gli elementi man mano che numera.

Successivamente si passa al quaderno di Educazione Motoria.

Francesca ogni giovedì partecipa all’attività di Educazione Motoria ed è

l’unica disciplina che può svolgere con la classe ma riesce limitatamente a

rispettare le consegne ripetute tante volte.

L’insegnante aprendo il quaderno presenta alla bambina due immagini

raffiguranti due bambini. Dopo averle colorate la seconda immagine è stata

divisa in quattro parti e Francesca doveva ricomporre la figura umana

guardando il modello. La ricomposizione è avvenuta con la guida

dell’insegnante e la consegna è stata ripetuta anche a casa.

Nel terzo incontro le discipline da svolgere erano:

all’Immagine

Ed. che ha come obiettivo quello di :

- Sviluppare le abilità senso- percettive visive

- Acquisire maggiore competenza grafico- pittorica.

Sul suo quaderno vengono proposte tutte le attività che riguardano la

percezione tattile (duro- morbido, ruvido-liscio, pesante- leggero, bagnato-

asciutto).

Francesca percepisce sensazioni caldo-freddo, asciutto- bagnato, aspro-

amaro, dolce- salato e odori in genere.

La lezione continua svolgendo la disciplina di Logica che ha per obiettivo

quello di riconoscere figure uguali o diverse. Francesca possiede capacità

di classificazione in riferimento agli oggetti di uso quotidiano. Con la guida

dell’insegnante riconosce in una classificazione di animali, persone o cose

gli elementi estranei. Ha effettuato in corrispondenza uno a uno gli

elementi e sa colorare parzialmente rispettando i margini. Le attività sono

state presentate su schede che richiedevano la capacità di collegare un

oggetto a ciascun bambino disegnato o solo con collegamento Il pensiero

logico è carente.

Nel quarto incontro le discipline da svolgere erano Educazione al Suono i

cui obiettivi da raggiungere sono:

Riconoscere i suoni che si producono con il corpo.

Riprodurre suoni con il corpo.

Riprodurre per imitazione ritmi binari.

Francesca sa eseguire parzialmente ritmi binari, alla proposta di eseguire un

ritmo ternario la bambina ha avuto difficoltà ad eseguirlo perché la sua

disabiltà non gli consente di eseguire queste abilità.

È stato approvato un progetto di attività aggiuntiva pomeridiano.

Il titolo è “La casa di cioccolata”, non è stata fatta richiesta di consulenti

esperti esterni ed è rivolto alle classi a partire dalla prima alla quinta

insieme alle referenti insegnanti di sostegno di ruolo.

A ciascuno sono state assegnate due ore e trenta ogni mercoledì per un

totale di quaranta ore corrispondenti a sedici incontri.

MOTIVAZIONE

Il progetto presenta una dimensione affettiva per l’argomento trattato;

affronta fondamentali concetti spazio-temporali, stimola operazioni mentali

come l’osservazione, la riflessione, la classificazione, il confronto.

FINALITA’

Sapersi orientare e collocare nello spazio vissuto e rappresentato.

Favorire le competenze grafico- pittoriche e la creatività espressiva.

Incrementare il proprio grado di partecipazione alla vita scolastica e

rispettare le regole del vivere insieme.

METODOLOGIE

Il progetto sviluppa l’interesse e il coinvolgimento degli alunni, si partirà

fiaba “Hansel e Gretel” per potervi introdurre la casa così

dalla lettura della

come la vivono i bambini nell’immaginazione, nei giochi e nei desideri

successivamente si passerà nella casa della realtà sia personale che

allargata nel mondo degli altri nello spazio e nel tempo.

Il progetto è anche manipolativo e costruttivo.

Qui si conclude la fase di osservazione guidata. Tutto è stato svolto nella

serena, Francesca nell’ultimo

maniera più tranquilla e incontro, forse

percependo che quella sarebbe stata l’ultima volta che eravamo insieme,

aveva sempre la testa appoggiata al mio braccio e guadandomi mi

continuamente, anch’io le rivolgevo le stesse manifestazioni

accarezzava

d’affetto. Per me è stata un’esperienza intensa e molto forte perché

seguendo questo corso in tutte le sue fasi ritengo che la fase di osservazione

un “bambino diverso

guidata faccia toccare con mano la realtà di ciò che è

da noi”.


PAGINE

15

PESO

261.62 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Musica sulla definizione di handicap. Gli argomenti che vengono trattati sono i seguenti: gli handicap possono essere di tre tipi: motori (derivanti da mutilazioni, distrofia muscolare, paralisi), sensoriali (ad esempio cecità e sordità), intellettivi (derivanti da disturbi o malattie mentali, ad esempio l'autismo o la sindrome di Down).


DETTAGLI
Esame: Musica
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in musicologia
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher franc3sco92 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Musica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Scienze letterarie Prof.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Musica

Riassunto esame Musica, prof. indefinito, libro consigliato L'Orecchio Intelligente, Baroni
Appunto
Musica - la pratica ritmica
Appunto
Musica - fare musica e giocare
Appunto
Musica - fare musica e giocare
Appunto