Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Elena Lauretti matr. 265764

Tema: I Danni Punitivi

La sentenza della III sezione civile della Corte di Cassazione del 19 Gennaio

2007 n. 1183 ha riaperto il dibattito in dottrina sulla risarcibilità o meno dei

cosiddetti danni punitivi nel nostro Paese.

Prima di soffermarsi sulla sentenza e sulle conclusioni alle quali è pervenuta

la Corte, è necessaria una breve premessa che chiarisca cosa si intenda per

danni punitivi e quale sia l’origine di questo istituto.

I danni punitivi nascono nel sistema nordamericano dei torts e consistono

nel riconoscimento da parte dei giudici (spesso non professionali, le

cosiddette giurie) di una somma di denaro notevolmente maggiore rispetto

all’entità del danno subito dal soggetto richiedente quando la condotta del

soggetto danneggiante è considerata particolarmente deplorevole e

pericolosa. Appare quindi chiaro come la figura in esame abbia una

funzione più deterrente che compensativa e le relative sentenze abbiano

perciò carattere esemplare nei confronti del danneggiante e dei consociati.

C’è da ricordare però che negli ultimi anni a causa del proliferare delle

sentenze che riconoscevano il risarcimento dei danni punitivi e soprattutto

dell’esagerato ammontare che spesso tali somme raggiungevano, la Corte

Suprema americana ha posto dei paletti per la quantificazione di esse:

− la non contrarietà ai principi costituzionali e in particolare al

concetto di “giusto processo” (XIV emendamento);

− il riferimento all’ammontare del danno effettivamente subito dalla

vittima, all’antigiuridicità della condotta del danneggiante e a

eventuali altre sanzioni civilistiche comminate per comportamenti

analoghi;

− il rispetto dei principi di ragionevolezza e proporzionalità.

Essendosi ora chiarite la funzione e l’origine dell’istituto si può tornare

all’esame della sentenza alla quale si è fatto cenno in principio.

La Corte di Cassazione italiana con detta pronuncia ha avallato la decisione

della Corte d’Appello di Venezia che aveva rifiutato la delibazione di una


PAGINE

4

PESO

44.63 KB

AUTORE

Atreyu

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

L'appunto fa riferimento alle lezioni di Diritto Comune, tenute dal Prof. Emanuele Conte nell'anno accademico 2010.
Il documento riporta un approfondimento relativo ai cosiddetti danni punitivi. Se ne spiegano le caratteristiche, le origini, la possibile compatibilità con l'ordinamento giuridico italiano, si analizza la sentenza n. 1183 del 2007 della Corte di Cassazione.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Atreyu di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Comune e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Roma Tre - Uniroma3 o del prof Conte Emanuele.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto comune

Decretum di Graziano
Appunto
Capitolari carolingi
Appunto
Gewere
Appunto
Savigny - Approfondimento
Appunto