Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

2

primitive cioè quelle legate a meccanismi fisiopatologici o acuti dai meccanismi che hanno l’arresto perchè è

la fine di una patologia prolungata.

Quali sono i fattori favorenti ? abbiamo visto l’ischemia miocardica è in grado di creare aritmie perché si viene

a creare acidosi , perdita della integrità cellulare, caduta del potenziale di membrana, turbe della conduzione e

della refrattarietà e quindi meccanismi di rientro che creano l’ischemia ventricolare.

La riperfusione : nuovo ruolo negativo dell’ossigeno , si è visto che per verificare se c’è stata la riperfusione

dopo la trombolisi è la comparsa di aritmia : cioè l’arrivo del flusso di sangue crea aritmia ma noi siamo lì e

possiamo intervenire.

Poi abbiamo i fattori nervosi e neuroumorali: la stimolazione simpatica, l’alterazione del tono parasimpatico,

sono in grado di indurre aritmie .naturalmente se uno parla in pubblico ha un incremento delle catecolamine

che inducono aritmie, se un sg ha riduzione del tono parasimpatico che blocca il simpatico può essere una

delle cause di aritmie.

La morte nel sonno avviene nelle prime ore del mattino , nel momento in cui si ha un aumento del tono

simpatico, la mattina alle 5-5,30 del mattino il sg va incontro ad un aumento del tono simpatico e quindi la

morte improvvisa si verifica .

Le lesioni coronariche instabili sono in grado di determinare ischemia e morte improvvisa

Anche l’ipertrofia è in grado di creare aritmia perché c’è fibrosi, c’è riduzione della riserva coronarica e a causa

dell’incremento della superficie delle cellule e a causa della fibrosi ci possono turbe della conduzione

dell’impulso a livello cellulare con formazione di blocchi e quindi possibilità di rientro dell’impulso.

La dilatazione ventricolare è una delle cause cardiache, il cosiddetto streching, lo stiramento delle fibre che

può essere in grado di creare extrasistoli e quindi fenomeni di aritmie (fibrillazioni ventricolari).

La flogosi acuta è in grado di creare aritmia, perché la comparsa di infiltrati incrementa la fibrosi come causa

di instabilità elettrica. Non per nulla negli atleti la causa + frequente di morte improvvisa è la miocardite . molti

atleti hanno avuto la febbre , fanno il cortisone e gli antibiotici , vanno in campo , e quello accanto alla febbre

hanno infezione del miocardio per cui durante l’attività fisica hanno poi aritmie e muoiono in campo.

Le vie accessorie : la possibilità della fibrillazione atriale con una via rapida e soprattutto il QT lungo che è

una malattia congenita in cui vi è la dispersione della refrattarietà con possibilità di insorgenza di aritmie.

Quali sono i pz a + alto rischio?

Abbiamo i pz con cardiopatie

Pz con aritmie severe

Pz con bassa frazione di eiezione

Pz con blocco di branca

nel gruppo di quelli che hanno le cardiopatie vi sono quelli + a rischio.

Pz con prolasso della mitrale sono quelli che hanno aritmie ventricolari + severe ed una severa insufficienza

valvolare. Naturalmente + è lungo il QT + è probabile che questi possano presentare aritmie ventricolari

Poi ci sono i pz gravemente ipertesi con severa ipertrofia e con l’aritmia. L’ipertensione arteriosa è ad + alto

rischio di morte improvvisa.

Nei coronaropatici quelli a + rischio sono quelli che hanno aritmie ventricolari, coppie , bigeminismo ,

tachicardia ventricolare non sostenuta, tachicardia ventricolare regolarmente e bassa frazione di eiezione al di

sotto del 40%.e i pz in cui si può indurre tachicardia ventricolare o fibrillazione ventricolare. Normalmente nei

coronaropatici quelli + a rischio sono quelli che hanno stenosi coronariche multiple sulla a. interventricolare

anteriore o nei cardani coronarici soprattutto , quei pz in cui non si può intervenire , quelli che non possono

fare angioplastica quei pz che non possono fare l’intervento perché è così diffusa la patologia che neanche un

intervento di by-pass può risolvere il problema. Quelli che hanno alterata funzione ventricolare sinistra, ci

sono dei rapporti tra alterazione ventricolare sinistra ed aritmie nel senso che quelli che hanno fatto

alterazione di aritmie, alterazione + aritmia, lo stiramento per aritmie. Le aritmie di per sé sono un fattore di

rischio e l’associazione non è la somma matematica ma è la somma esponenziale. Le extrasistoli ventricolari,

tachicardia ventricolari e bassa frazione di eiezione è il mix + esplosivo.

Le turbe della ripolarizzazione possono portare alla comparsa di aritmie.

Quali sono le informazioni ottenute dai resuscitati che hanno avuto l’arresto e poi abbiamo salvato.


PAGINE

3

PESO

73.49 KB

AUTORE

kalamaj

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Cardiologia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (a ciclo unico - 6 anni)
SSD:
Università: Foggia - Unifg
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher kalamaj di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Cardiologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Foggia - Unifg o del prof Di Biase Matteo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Cardiologia

Cardiologia - Test
Esercitazione
Malattie dell'apparato cardiovascolare - aritmie
Appunto
Cardiologia - scompenso cardiaco
Appunto
Cardiologia - cardiopatia ischemica
Appunto