Che materia stai cercando?

Architettura araba:Appunti di Storia dell'architettura

Appunti di Storia dell'architettura per l’esame del professor Serraglio. Gli argomenti trattati sono i seguenti: l'architettura araba, l’architettura islamica è un misto di cultura araba, bizantina e persiana, le campate ( spazio tra 2 file di colonne parallele al muro sacro).

Esame di Storia dell'architettura docente Prof. R. Serraglio

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

campate ( spazio tra 2 file di colonne parallele al muro sacro) quindi per

ottenere la grandezza della moschea si tiene conto di questi 2 elementi. La

sala viene divisa a metà con la navata centrale con pianta a croce o

basilicale, l’incrocio tra le due navate centrali forma un quadrato dove c’è la

cupola della nicchia, tipica delle prime moschee, in corrispondenza abbiamo

la cupola bahù con la sua sala che precede la sala delle preghiere. Ad ogni

navata corrisponde una porta diversa, tutto ciò perché c’è un vero e proprio

calcolo architettonico volto a dirigersi verso il muro sacro. Il cortile è una sala

d’incontro dove riposarsi, infatti troviamo una parte a cilo aperto e una parte

d’ombra con i porticati; all’interno del cortile (sahn) abbiamo molti corsi

d’acqua, l’acqua era fondamentale per gli arabi perché essendo una zona

desertica il primo compito del sovrano era fornire acqua ai cittadini. Inoltre

all’interno del cortile troviamo le fontane per lavarsi, infatti per gli arabi il rito

della abdizione( lavarsi) era molto importate e questo è uno dei motivi per il

quale ai cristiani non è permesso entrare nella zona di preghiera, proprio

perché non sono capaci di lavarsi secondo il rito islamico. Possedevano

anche delle fontane per bere. Uno degli elementi più importanti della

moschea è il Minareto, avvolte ne troviamo più di uno, esso ha un duplice

compito: prima di tutto nel periodo di conquista araba serviva come rifugio

militare, poi è molto importante perché permette all’himem di chiamare i fedeli

alla preghiera attraverso un suono particolare. Le prime moschee

possedevano molte colonne bizantine o romane.

Una delle moschee delle origini architettoniche si trova in Siria (Giordania

attuale) ne territorio bizantino dove gli arabi hanno fatto la loro prim

concquista, gli arabi con capitale Damasco costruirono la moschea di Al-aqsa

a Gerusalemme. La grande moschea di Damasco ( capitale della Siria fino al

8 D.c), è stata bruciata e bombardata recentemente dai ribelli, questa

moschea alle origini era una chiesa perché apparteneva al territorio Bizantino

e serviva per il culto Cristiano, infatti veniva utilizzata la Domenica come

chiesa e il venerdì come Moschea; questa moschea è molto importante

anche perché conserva la testa di San Giovanni Battista ( sita nella sala della

preghiera, unica al mondo dove è permesso l’ingresso ai cristiani). L’ingresso

di questa moschea presenta una decorazione di carattere bizantino a

mosaico che richiama molto il paradiso islamico raffigurante alberi, acqua e

fauna in generale; queste decorazioni le troviamo anche nel cortile. La

grande moschea di Al – mutawakkil a Samarra in iraq, presenta una

particolarità: infatti nella nicchia c’è una stanza per la preparazione alla

preghiera dell’himem e una stanza del pulpito che in alcune moschee è

mobile, infatti essa entra ed esce attraverso dei binari per creare spazio per i

fedeli. Il minareto di Simarra presente in questa moschea è particolare perché

è a spirale, fu ordinato appositamente dal califfo ed è staccato dal corpo

principale della moschea, infatti si trova all’esterno. La moschea di ibn tulun a

Fustat ( dopo: il Cairo) in Egitto, possiede un minareto a spirale costruito sulle

orme del minar di Samarra. La grande moschea di Kairuan in Tunisia, fondata

nel 630 nel 7 sec, costruita in seguito alla conquista araba è una delle più

importanti moschee per gli arabi dell’Africa del Nord, essa ricopre un ruolo

religioso e militare , il cortile è circondato da portici, la navata centrale si trova

tra la cupola della nicchia e la cupola di . Il muro si trova a sud e al centro

di questo si trova la nicchia con lo spazio riservato al sovrano, in questa

moschea abbiamo una particolarità: troviamo 2 ingressi laterali che

affacciano direttamente sulla sala delle preghiere riservate ai sovrani. Di

solito tutti gli ingressi alla moschea sono dal cortile in quanto prima di

accedere alla sala delle preghiere bisogna lavarsi e compiere i rituali islamici.

L’elemento decorativo del minareto è tipico dell’architettura del IX secolo,

sono molto semplici, il primo livello presenta merli semicircolari tipici

dell’architettura militare (ruolo militare) con nicchie a fondo piatto semplice, a

fondo concavo e conci. L’ingresso della sala avviene attraverso 17 porte

quindi abbiamo 17 navate, le porte d’ingresso sono tutte in legno e sono state

rifatte in epoca ottomana. La nicchia è una delle più importanti in legno

dipinto a fondo scuro con intarsi dorati, in questa nicchia troviamo dei pannelli

in marmo traforato molto particolari; questi faceva da divisorio tra la nuova

nicchia costruita dal califfo nel 9 sec e la vecchia nicchia costruita da un

generale ( considerato uomo santo dal popolo) nel 600, essa si può

osservare appunto da questi pannelli traforati. Bisogna dire che tutta la sala

delle preghiera è rivestita da tappeti, infatti nella moschea nn sono concesse

le scarpe. Uno dei pulpiti più antichi del mondo arabo è tutto in legno

(esistono anche in gesso o marmo) esso risale al 9 sec e conserva iscrizioni

di carattere cufico ( 11 sec). A destra del pulpito abbiamo lo spazio riservato

al principe, esso è delimitato con paletti di legno, i maestri hanno decorato la

volta con pannelli retroriflettenti in ceramica provenienti dall’Iraq su

commissione del califfo per sottolineare l’importanza della sua moschea.

Grande moschea di Cordoba in Spagna fu costruita a partire dall’VIII sec fino

al X, all’interno abbiamo molti archi intrecciati.

Per quanto riguarda l’architettura militare parliamo del Grande Ribat a

Manastir( grande concentrazione di castelli) in tunisia; per rinforzare la costa

costruirono dei castelli chiamati Ribat (da= Monaci Guerrieri che hanno

dedicato la loro Vita a proteggere il paese) dedicati appunto a loro. Tra un

Ribat ed un altro tramite torri cilindriche si possono scambiare segnali

luminosi, in particolare questo Ribat in Tunisia è uno dei più grandi ed

importanti. Questo è molto particolare in quanto ha uno spazio riservato

anche alle donne, cosa particolare in quanto nella cultura araba non si riserva

molto spazio alle donne, qui abbiamo molti monaci donne. Esso è di forma

quadrata con angoli semicircolari, abbiamo una torre cilindrica ed è formato

da 2 piani. Di fronte questo ribat troviamo il ribat di sidi dhwib, il ribat al-

sayyda. Tra l’8 e il 9 sec la costruzione dei ribat serve per difendere le coste e

conquistare i territori ( la Sicilia viene coquistata per prima). Nell’XI sec viene

costruito un ulteriore ribat perché abbiamo avuto il contrattacco da parte dei

normanni della Sicilia.


PAGINE

5

PESO

21.73 KB

AUTORE

hams1k7

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Design e Comunicazione
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher hams1k7 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia dell'architettura e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Seconda Università di Napoli SUN - Unina2 o del prof Serraglio Riccardo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia dell'architettura

Architettura paleocristiana:Appunti di Storia dell'architettura
Appunto