Che materia stai cercando?

Archeologia e storia dell'arte islamica - Appunti

Appunti di Archeologia e storia dell'arte islamica per l’esame del professor Del Grosso. Gli argomenti trattati sono i seguenti: il potere dei Bizantini, la moda: il damasco, il caffé e gli accessori, la religione e l'iconoclastia, i tappeti nella pittura.

Esame di Archeologia e storia dell'arte islamica docente Prof. A. Del Grosso

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Archeologia e storia dell’arte islamica

Percezioni e fraintendimenti

Il potere

I Bizantini conquistarono la Sicilia dopo la caduta dell’Impero Romano e

restarono al potere fino all’827, quando arrivarono i musulmani.

Dall’ XI secolo i Normanni spodestarono le istituzioni arabe della Sicilia.

Con l’arrivo dei Vichinghi i funzionari restarono quelli dei Normanni; Palermo rimane

capitale ed ha una corte nella quale si parlano e scrivono arabo, latino e greco.

I documenti diplomatici redatti dalla cancelleria erano scritti in queste tre lingue.

Ruggero II si fece nominare re dal Papa e si convertirono al cristianesimo nel

1130. Pochi anni dopo, nel 1133, si fece fare un mantello che oggi si trova a Vienna, di

tessuto rosso pregiato e con molte decorazioni in oro.

In Sicilia si riuniscono tutte le manifatture artigianali nel palazzo che si chiama in

arabo Tirez, in greco Ergasterian e in latino Nobiles Officinae.

Gli arabi sono dei fanatici della scrittura, la parola ha molto valore per loro.

Tutti i sovrani normanni si vestono con questo mantello. C’è una scritta sull’orlo. La

base è di raso di seta tinto in cocciniglia (pregiato!), è ricamata e arricchita con filo

d’oro, borchie oro e perle.

stella

Il motivo della è ricorrente nell’arte islamica. Sul mantello c’è un motivo

con una tigre che è sopra un cammello; simbolicamente significa il normanno che ha

sottomesso l’arabo.

La testa della tigre sta davanti, ha un impatto visivo su chi la guarda, è un chiaro

simbolo di potere.

Ci sono dei modelli con simmetria speculare.

L’aquila è un segno di durata dell’Impero (viene da Bisanzio).

I modelli circolavano scritti o col tessuto.

L’animale mitico nel cerchio lo troviamo in Spagna. Questo sistema viene dall’arte

sasanide (Persia).

Anche nelle officine islamiche si recupera quello che c’era nella cultura precedente.

Il vincitore si appropria dei motivi del vinto.

Le scritte cufiche sono quelle che ornano le vesti nei dipinti (ad es. Giotto), ma

spesso sono solo delle imitazioni. Era un aspetto esotico ben applicato sulla figura di

Maria (per la storia). Anche nel dipinto si decora l’orlo con la scritta.

La moda: il damasco

A Firenze e in Toscana veniva utilizzato il damasco decorato e questo si ritrova

anche nei dipinti, ad es. nelle figure di Masaccio e Masolino nella cappella Brancacci.

La parte liscia e fonda, l’opaco fa il disegno. I disegni usati erano tralci di foglie grandi.

La parte verticale del tessuto si chiama ordito, la trama è il filo verticale che passa fra

l’ordito.


PAGINE

3

PESO

40.32 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze turistiche
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher pimpa1990 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Archeologia e storia dell'arte islamica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Del Grosso Andrea.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!