Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

STORIA DELLA SCIENZA 7 marzo 2016

Rapporto tra scienza naturale ed artificiale: i dibattiti contemporanei mostrano un contrasto tra le

due, da una parte vi è la scienza che ne modifica il corso, della natura. La natura è un qualcosa di

intatto, sul quale l’uomo interviene. Questa compenetrazione tra scienza e natura da dove viene?

Come nel mondo contemporaneo sussiste una grande ambività?

Alfred North Whitehead parla della concezione della natura come un qualcosa che proviene da una

concezione istintiva, assimilata(la natura) . Ordinata secondo una visione che noi portiamo dentro di

noi già assimilata e intuitiva.

Scrive con Russel. Non è solo uno scienziato ma anche filosofo. Quando si tratta di definire la

natura siamo dinanzi ad una nebbia piuttosto fitta.

Origine definizione della natura: presocratica greca solo in essa si sviluppa il concetto di natura, non

molto chiaro come concetto, ma l’unico dove la troviamo. Cercano di studiare il fondamento della

natura, preoccupazione: studiare il mondo naturale, circostante, liberandosi di tutte quelle immagini

mitologiche che dominano la spiegazione dei fenomeni: fenomeni del fulmine per esempio,

considerato prima come fenomeno scaturito da Giove, da Zeus. (vedi odissea). Tutti i fenomeni

naturali, prima di loro, vengono ricondotti alle divinità. => loro si occupano, i presocratici , di

spiegare invece i fenomeni, razionalmente. Un fenomeno accade poiché al suo interno vi sono delle

cause. AL SUO INTERNO. Per esercitare questa ragione introducono questo concetto: Physis ,

poiché indagano le cause della natura, termine relativamente ambiguo, unisce la totalità delle cose

che esistono, nascono, muoiono. Vi è idea di movimento all’interno della stessa natura. Capacità di

passare da uno stato all’altro. Offre la percezione, la natura, di cambiamento, tutto ciò che accade .

Il movimento (parmenide: illusorio, mentre in altri presocratici no.

Concetto ed origini di natura diviene centrale. Concetto laico, che si libera della metafisica e della

religione, del mito. Khorè: la filosofia della natura greca le permette diessere un passo in più.

Pysisi Natura: totalità delle cose che esistono, nascono, vicono e muoiono

a qesto si affianca ad un altro concetto: manipolazione della tecnica, della destrezza umana. l’uomo

cerca di additare la natura, ma i suoi prodotti sono sempre inferiori a quwelli naturali originali.

Technel Ars: destrezza, arte, perizia tecnica.

→ contrapposizione tra natura (completamente esterna a noi) e tecnica (prodotto dell’uomo che

aspira alla perfezione naturale che non riesce a raggiungere).

Infine, per quanto riguarda le caratteristiche filosofia presocratica: cercano di introdurre elementi,

spiegazioni razionali alla natura, ma non avendo nemmeno gli strumenti per arrivare ad una loro

analisi, cadono in una antropoformizzazione.

l’origine delle cose è la conseguenza dell’amore e dell’odio si generano le cose naturali, tra il loro

scontro si formano le cose (Empedocle). Spiegazione razionale, ma mancando gli strumenti

concettuali e strumenti scientifici si va avanti per analogie dominate da idee antropomorfe. Rinuncia

ad una spiegazione Metafisica.

Chi spiega tutto e chi avrà un’influenza duratura: Aristotele

Aristotele e i 4 elementi di cui sono composti tutti gli enti naturali. Filosofo e naturalista insieme

che esercita influenza ininterrotta per quasi due millenni.

Il suo merito è: aver capito di offrire una spiegazione naturale dei fenomeni naturali. La metafisica è

una cosa ma l’indagine naturale è DIVERSA, terreno in cui la metafisica non gioca un ruolo

preponderante. Riconoscimento,qst, che Aristotele riconoscere ai presocratici. Aristotele capisce

però che la natura è molto più complessa rispetto alle teorie presocratiche impossibile ricondurli ad

un unica causa. Aristotele, tuttavia, come i presocratici vuole offrire una descrizione generale sì,

dotata di una specificità terminologica più sofisticata ma qualitativa, conforme a ciò che

percepiamo. X lui la spiegazione che diamo dei fenomeni deve essere in perfetta sintonia, armonia

che noi percepiamo,della nostra percezione. (Il sole sorge: espressione aristotelica. Poiché il sole

non è vero che sorge, ma è la nostra percezione). Per aristotele la scienza deve essere in sintonia con

ciò che noi percepiamo. Per quanto riguarda gli elementi, sì ci sono ma vengono ridimensionati.

Combibnazione di elementi, che porta aristotele a studiare i corpi misti, fa sì che lui elabori una


ACQUISTATO

4 volte

PAGINE

2

PESO

24.77 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in filosofia
SSD:
Università: Bologna - Unibo
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher caterinarossi3 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia della scienza e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bologna - Unibo o del prof Beretta Marco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia della scienza

Storia della scienza - Marco Beretta
Appunto
Riassunto discorso sul metodo
Appunto
Riassunto esame di Filosofia della Scienza, prof. Lupacchini
Appunto
Introduzione alla filosofia della scienza - Riassunto esame, prof. Galavotti
Appunto