Che materia stai cercando?

Apparato urinario Appunti scolastici Premium

Cosa viene spiegato nella seguente lezione:
- Introduzione all'apparato urinario con le sue relative funzioni
- Reni: struttura interna e le loro funzioni
- Vascolarizzazione dei reni: Microcircolo renale
Nella seguente lezione viene spiegato parola per parola tutto ciò che bisogna sapere per il superamento dell'esame.

Esame di Anatomia umana docente Prof. F. Di Meglio

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

chiamano arterie interlobari, perché decorrono a delimitare il lobo (quindi al centro delle

colonne renali). Giunte a livello della base della piramide renale, ciascuna arteria interlobare si

divide sempre ad angolo retto in due arterie: arterie arcuate o arciformi. Queste contornano la

base della piramide renale. Dalle arterie arcuate dalla concavità, ossia dalla parte che guarda

verso la midollare, partono dei vasi che vanno a vascolarizzare la midollare. Dalla convessità, cioè

dalla parte che guarda verso la capsula, originano le arterie interlobulari, che vanno a

vascolarizzare delle piccole aree di parenchima che sono i lobuli renali. Il lobulo renale non può

essere descritto bene come il lobo renale, è quell’insieme di raggio midollare che il labirinto della

corticale lo circonda che è vascolarizzato dall’arteria interlobulare. L’importanza delle arterie

interlobulari sta nel fatto che dà origine alle arteriole afferenti. Le arteriole afferenti entrano nella

costituzione dell’unità istofunzionale del rene, che è il nefrone. L’arteriola afferente entra nel

nefrone in particolare nel corpuscolo, dà origine a una serie di capillari glomerulari a livello dei

quali avviene la filtrazione del sangue, dal groviglio di capillari fuoriesce un’ arteriola efferente. Ci

si trova di fronte a una rete mirabile arteriosa o sistema portale arterioso. Dalle arteriole

efferenti avranno origine i capillari peritubulari che circondano il tubulo (=è un’altra parte del

nefrone) oppure per la midollare i vasi retti che sono per i nefroni che si trovano più in profondità.

Ricominciano le vene che hanno esattamente gli stessi nomi delle arterie e hanno lo stesso

decorso delle arterie e viaggiano insieme ma in direzione opposta perché il sangue esce dal rene.

Questo costituisce il microcircolo renale. Il rene è un organo pieno costituito da una capsula,

parenchima, stroma e da un ilo. Il parenchima contiene le unità istofunzionali dell’organo, cioè i

nefroni, e i dotti escretori, cioè i dotti che portano verso la pelvi renale l’urina che poi passerà

negli ureteri. Lo stroma è fatto di tessuto connettivo che contiene i vasi sanguigni e linfatici e le

terminazioni nervose.

Il nefrone è costituito da due porzioni: il corpuscolo e il sistema di tubuli. In genere i nefroni si

trovano prevalentemente nella corticale e solo una piccola parte del tubulo, che è l’ansa, arriva

nella midollare. Questo tipo di nefrone costituisce la maggior parte dei nefroni che troviamo nel

rene, però ce ne sono altri che si chiamano nefroni iuxtamidollari, questo termine in latino vuol

dire che sono più in basso e più prossimi alla midollare e gran parte del tubulo lo si trova a livello

della midollare. Dall’esterno verso l’interno c’è la capsula, la corticale, la midollare, l’apice della

piramide della midollare guarda verso i calici maggiori minori, poi c’è la pelvi renale, a livello del

seno renale c’è l’ilo e gli ureteri in cui confluisce l’urina. La parte del corpuscolo la si trova nella

corticale, nella midollare c’è il tessuto connettivo in cui sono immersi i diversi tratti del tubulo

renale. Nella corticale si trova il “labirinto corticale” in cui si trovano la porzione più vicina alla

capsula (la quale è fatta di tessuto connettivo molto spesso) che si chiama cortex corticis e i

raggi midollari. Poi ci sono le colonne renali tra una piramide e l’altra. Nella midollare si trovano

le piramidi con i tubuli che si spingono in essa. I tubuli sono formati da vari tratti. C’è un’ area

cribrata ossia ci sono dei forellini perché a questo livello arriva l’urina che passa nella pelvi renale

e che poi confluirà nell’uretere. L’epitelio di transizione o urotelio tappezza tutte le vie urinarie;

l’epitelio deve avere la distensibilità perché alcuni strati scivolano gli uni sugli altri quando passa

l’urina, deve essere soprattutto impermeabile in quanto l’urina contiene molte sostanze tossiche e

quindi non deve assolutamente passare negli strati sottostanti. Già a livello della pelvi renale dove

sbocca l’urina si ha l’urotelio. La papilla renale è la punta o apice della piramide renale e qui

cominciano le vie urinarie e quindi abbiamo l’urotelio. Un nefrone è formato da un corpuscolo e un

sistema di tubuli. A sua volta il corpuscolo è formato da una capsula che viene detta capsula di

Bowman che accoglie il glomerulo. Il tubulo a sua volta è costituito da diversi tratti. L’epitelio nei

diversi tratti del tubulo cambia perché i meccanismi di riassorbimento e secrezione che si trovano

lungo il tubulo cambiano.

I. Tubulo contorto prossimale: E’ costituito da un epitelio cilindrico anche se può essere

definito come cubico che è ricco di microvilli e mitocondri. I mitocondri si dispongono

per lo più alla base e danno l’aspetto tipico a questo epitelio. Qui avviene la maggior

parte del riassorbimento. Circa l’85% di acqua e sodio vengono riassorbiti a livello del

tubulo contorto prossimale.

II. Ansa di Henle: E’ molto sottile è costituito da un epitelio quasi pavimentoso. Nell’ansa

avvengono meccanismi estremamente complessi di riassorbimento dell’acqua che

vengono definiti “controcorrente”.

III. Tubulo contorto distale che si continua con il dotto collettore: A livello del tubulo

distale l’epitelio diventa nuovamente alto tra il cubico e il cilindrico un po’ più basso

rispetto a quello del tubulo prossimale. Ci sono sempre microvilli però più bassi e ci

sono i mitocondri. A livello del tubulo contorto distale vanno ad agire tutti gli ormoni che

hanno come bersaglio il rene e le modificazione dell’ultrafiltrato. Tutti quegli ormoni che

servono a far riassorbire più acqua e a espellere più acqua vanno ad agire a livello del

tubulo distale, in cui c’è il riassorbimento facoltativo ossia quello soggetto ad azione

ormonale.

La funzione del corpuscolo è quella di filtrare il sangue. L’ultrafiltrato che passa e che arriva nel

tubulo si chiama anche pre urina, perché ha una composizione diversa da quella dell’urina

definitiva perché sarà modificato nel passaggio attraverso il tubulo. Ciascun rene contiene oltre 1

milione di nefroni. Messi insieme i due reni contengono più di 2 milioni e mezzo di nefroni. Sono

piccolissime unità filtranti che purificano il sangue, che poi modificano l’ultrafiltrato in maniera da

raggiungere la funzione di purificare il sangue ma anche di mantenere costante l’equilibrio

idrosalino. La capsula è formata da due foglietti: un foglietto esterno detto parietale, che poi si

continua con il tubulo prossimale, e un foglietto interno detto viscerale che è in contatto con i

capillari glomerulari. Tra i due foglietti c’è uno spazio capsulare o glomerulare in cui si raccoglie

tutto l’ultrafiltrato che poi andrà a livello del polo urinario nel tubulo prossimale. Il corpuscolo è

costituito dal polo vascolare in cui entra l’arteriola afferente che poi dà i capillari ed esce l’arteriola

efferente. Il polo vascolare è il punto in cui entra l’arteriola afferente ed esce quella efferente, ma è

anche il punto in cui il foglietto parietale della capsula si continua con quello viscerale. A livello del

polo urinario o urinifero il foglietto parietale si continua con il tubulo prossimale. L’arteriola

afferente si riconosce perché ha un calibro maggiore rispetto a quella efferente. L’arteriola

afferente dà origine ai capillari, dai capillari originano le arteriole efferenti che hanno un calibro

inferiore. Il foglietto parietale della capsula è formato da un epitelio pavimentoso semplice che

poi a livello del polo urinario, si continua con un epitelio molto più alto che è un epitelio cubico

cilindrico del tubulo prossimale. Il foglietto viscerale è formato dai podociti, sono cellule che si

abbarbicano ai capillari, avvolgendoli completamente. Il podocita è costituito da estroflessioni

della membrana che si interdigitano intorno al capillare, lo rivestono lasciando solo delle piccole

fessure di filtrazione che permettono la filtrazione delle sostanze. I capillari renali sono fenestrati,

hanno un endotelio con fenestrature e membrana basale continua. Come se fosse un guanto, il

tubulo primitivo si invagina e raccoglie il glomerulo renale. Durante lo sviluppo c’è il tubulo che si

invagina e raccoglie e circonda i capillari ed è così che si viene a formare il corpuscolo.

Le estroflessioni del podocita o pedicelli abbracciano il capillare e individuano delle fessure di

filtrazione, cioè delle piccole fessure attraverso le quali solo determinate molecole possono

passare. Ci sono anche dei diaframmi che chiudono queste fessure di filtrazione. Nel caso delle

estroflessioni si hanno processi primari, secondari e terziari. Il podocita è una cellula epiteliale e

specializzata che entra in contatto con il capillare e regola la filtrazione. Un altro caso in cui c’è una


PAGINE

6

PESO

27.92 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in farmacia
SSD:
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher CioloneCiolona di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Anatomia umana e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Napoli Federico II - Unina o del prof Di Meglio Franca.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Anatomia umana

Apparato respiratorio
Appunto
Anatomia 1
Appunto
Apparato digerente completo
Appunto
Sistema linfatico
Appunto