Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

via endovenosa), materiale di sutura o altre fibre. Il granuloma si sviluppa

quando il materiale non stimola una risposta infiammatoria o una

reazione immunitaria tale da impedire la fagocitosi ad opera di un singolo

macrofago. Le cellule epitelioidi e le cellule giganti circondano il corpo

estraneo aderendo alla sua superficie. Normalmente è possibile

localizzare il materiale soprattutto se l’osservazione viene eseguita con il

microscopio a luce polarizzata alla quale il corpo estraneo appare

rifrangente.

I Granulomi di tipo Immunologico sono causati da particelle insolubili che

sono in grado di stimolare una risposta immunitaria cellulo-mediata.

Questo tipo di risposta immunitaria non produce necessariamente

granulomi, che si formano in presenza di agenti scarsamente solubili o in

forma corpus colata. In questi casi i macrofagi inglobano il materiale

estraneo, lo processano e presentano parte di esso ai linfociti T

determinandone l’attivazione. I linfociti T producono citochine, come IL-2,

che attiva altri linfociti T, amplificando la risposta, e IFN-gamma, che è

importante per la trasformazione dei macrofagi in cellule epitelioidi e

cellule giganti polinucleate. Il granuloma non è statico, le citochine infatti

sembrano coinvolte non solo nella formazione del granuloma ma anche

nel suo mantenimento.

Il prototipo di una reazione granulomatosa di tipo immunologico è il

granuloma causato dal bacillo tubercolare. Nella TUBERCOLOSI, il

GRANULOMA prende il nome di tubercolo ed è caratterizzato tipicamente

dalla presenza di necrosi caseosa centrale. La necrosi caseosa è rara in

altre malattie granulomatose. I quadri morfologici delle varie malattie

granulomatose sono abbastanza differenti tra loro, tuttavia le

presentazioni atipiche sono numerose ed è necessario identificare

l’agente eziologico attraverso colorazioni specifiche per i microrganismi

oppure mediante metodi di coltura o prove sierologiche.

L’infiammazione granulomatosa è un tipo particolare di reazione

infiammatoria cronica caratterizzata dall’accumulo di macrofagi


PAGINE

3

PESO

178.04 KB

AUTORE

kalamaj

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (a ciclo unico - 6 anni)
SSD:
Università: Foggia - Unifg
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher kalamaj di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Anatomia patologica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Foggia - Unifg o del prof Bufo Pantaleo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Anatomia patologica

Anatomia patologica - la cirrosi
Appunto
Anatomia patologica - il mieloma multiplo
Appunto
Anatomia patologica - la malattia di Crohn
Appunto
Anatomia patologica - la cancerogenesi
Appunto