Che materia stai cercando?

Appunti di Anatomia e Fisiologia dell'apparato urinario

Appunti dettagliati di anatomia e fisiologia dell'uomo sull'anatomia macroscopica e microscopica del sistema urinario. Formazione del sistema urinario e funzione. Analisi delle sezioni del rene a livello macroscopico: nefrone, tubuli ecc. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Anatomia dell'uomo docente Prof. D. Tafuri

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

della cavità addominale, quindi sono organi retroperitoneali. I reni ricevono l’apporto ematico

necessario dalle arterie renali, che sono diramazioni dell’aorta ed entrano in ciascun rene in

corrispondenza di una regione definita ilo renale.

I reni ricevono circa il 20% della gittata cardiaca in condizioni di riposo. Ciò è necessario per la

funzione renale, perché non solo fornisce ai reni l’apporto necessario di ossigeno e nutrienti, ma

anche un apporto consistente ematico che permetterà ai reni di rimuovere velocemente i soluti e

l’acqua non necessari, eliminandoli sotto forma di urina. Dopo essere stato ripulito, il sangue torna

alla circolazione sistemica attraverso le vie renali.

ANATOMIA MACROSCOPICA DEL RENE

La sezione frontale di un rene mostra la presenza di

due regioni: una corticale (esterna) ed una midollare

(interna).

La midollare è suddivisa in regioni coniche chiamate

piramidi renali: ogni piramide presenta una serie di

tubuli, chiamati dotti collettori che riversano il loro

contenuto all’interno dei calici minori. I calici minori convergono in due o tre dotti più larghi

chiamati calici maggiori che a loro volta si fondono a formare un singolo passaggio a forma di imbuto

chiamato pelvi renale, che costituisce il tratto iniziale dell’uretere.

L’unità funzionale del rene è il nefrone, il cui compito è quello di filtrare il sangue e formare l’urina.

Il nefrone è un lungo tubulo contorto (midollare e corticale), chiamato tubulo renale, che forma

un’ansa a forma di U circa a metà della sua lunghezza. Quando si forma l’urina, il liquido scorre

attraverso i tubuli renali, nel frattempo la sua composizione viene modificata mediante scambi con

il liquido interstiziale. Dai singoli tubuli, il liquido poi fluisce nei dotti collettori, dove la sua

composizione verrà ulteriormente modificata e quando uscirà dai dotti collettori verrà definita

urina.

Un singolo nefrone è composto da un corpuscolo renale, che filtra il sangue, e un tubulo renale

attraverso il quale scorre il filtrato subendo le modificazioni fino alla formazione dell’urina.

Il corpuscolo renale è formato da due parti: la capsula di Bowman (bouman) e il glomerulo (una

rete di capillari avvolti su se stessi). Il corpuscolo renale è la sede in cui viene filtrato il sangue e dove

si forma il liquido filtrato. Quindi il sangue filtrato entra nei capillari glomerulari attraverso

un’arterìola afferente, e man mano che procede lungo i capillari glomerulari, una certa quantità di

plasma filtra all’interno della capsula di Bowman attraverso il processo di filtrazione glomerulare.

Quindi subito dopo che il filtrato

glomerulare si è formato nel corpuscolo

renale passa dalla capsula di Bowman alla

porzione iniziale del tubulo renale, chiamata

tubulo contorto prossimale (in quanto si

trova vicino alla capsula), e continua nel

tubulo retto prossimale. I due tubuli

costituiscono il tubulo prossimale.

Il tubulo prossimale riversa il suo contenuto all’interno dell’ansa di Henle, che è suddivisa in tre

zone: tratto discendente, tratto ascendente sottile e tratto ascendente spesso.

Dal tratto ascendente dell’ansa di Henle il liquido fluisce nel tubulo contorto distale, poi nel dotto

collettore (tutto quello che arriva qui verrà eliminato) e infine alla vescica e poi all’ambiente esterno.

I nefroni possono essere suddivisi in due classi: nefroni corticali e nefroni juxtamidollari. La

maggioranza dei nefroni è costituita da nefroni corticali, solo la parte terminale dell’ansa di Henle

raggiunge la midollare del rene. Sia i nefroni corticali che quelli juxtamidollari partecipano alla

formazione dell’urina, ma i nefroni juxtamidollari servono anche a mantenere un gradiente

osmotico all’interno della midollare renale, fonadamentale per la capacità del rene di produrre urina

altamente concentrata e di conseguenza di ridurre l’escrezione di acqua.

Nel punto in cui la porzione iniziale del tubulo distale giunge in contatto con un nefrone e le arteriole

afferenti ed efferenti, si forma una struttura chiamata apparato juxtaglomerulare, formato da due

componenti: un raggruppamento di cellule epiteliali tubulari specializzate, ovvero la macula

densa; e cellule granulari specializzate, chiamate anche cellule juxtaglomerulari, situate nella parete

delle arteriole afferenti che racchiudono nel loro citoplasma numerosi granuli secretori contenenti


PAGINE

5

PESO

515.37 KB

AUTORE

filo4

PUBBLICATO

7 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze motorie
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher filo4 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Anatomia dell'uomo e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Parthenope - Uniparthenope o del prof Tafuri Domenico.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Anatomia dell'uomo

Appunti di Anatomia e Fisiologia dell'apparato respiratorio
Appunto
Anatomia Umana - 1° Anno Scienze Motorie
Appunto
Fisiologia Umana - 2° Scienze Motorie
Appunto
Fisiologia umana - Appunti
Appunto