Che materia stai cercando?

Ambivalenza dell'uso di temi popolari, Storia della musica dell'Ottocento

Appunti di Storia della musica dell'Ottocento per l'esame del professor Marino. Gli argomenti trattati sono i seguenti: ambivalenza dell uso di temi popolari, situazione alla fine del 1800, Situazione agli inizi del 1900, Spagna, Paesi scandinavi, Moravia, etc...

Esame di Storia della musica dell'Ottocento docente Prof. M. Marino

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

-c'è l'idea che la storia della musica sia la storia delle composizioni ma essa riguarda

anche le istituzioni musicali, la didattica, lo studio teorico ecc.

A tal proposito un esempio significativo ci viene dato dall'Inghilterra dove, ad

eccezione di Stranford che si rifà alle sue origini irlandesi, non ci sono compositori

innovativi ma prolificano istituzioni musicali, corali, c'è un gruppo di studiosi che da

alle stampe la I enciclopedia della musica, si dedica molta attenzione al teatro leggero

(con Sullivan- Gilbert) e favorisce la nascita della moderna didattica pianistica

( grazie all'italiano M.Clementi).

Spagna.

Nel periodo in questione la Spagna era nota al pubblico internazionale perchè molti

musicisti tedeschi e russi avevano scritto capricci e danze in stile spagnolo

(citazioni).

Quando gli spagnoli Albeniz, De Falla, Granados danno vita alle loro opere

vivacemente spagnoleggianti esse non furono intese come novità.

Non si cita mai il loro predecessore Pedrell che studiò la polifonia del '500 e le radici

della musica spagnola.

Paesi scandinavi.

Sentirono molto l'influenza tedesca.

In Danimarca troviamo Gade, amico di R. Schumann che gli dedicò alcune

composizioni, e Nielse anticipatore dlla dodecafonia.

In Norvegia Grieg , di formazione tedesca ( sentiamo l'influenza di Liszt nel suo

Concerto per pianoforte e orchestra) si avvicinò alla musica popolare norvegese dopo

l'incontro con Ibsen per il quale musicò il Peer Gynt.

Compose molta musica strumentale, tra le sue anticipazioni novecentesche ci fu l'uso

della bitonalità.

In Finlandia Sibelius trasse ispirazione dalle Saghe finlandesi ma scrisse anche il

poema sinfonico "Finlandia", concerti per violino e sette sinfonie.

Anche egli si avvicinò alla musica del '900 con ardite armonie.

I Paesi dell'est.

In questi paesi è ancora più evidente il nazionalismo inteso come affermazione di

un'identità patriotica e riscatto alla sottomissione di potenze straniere.

La forma preferita fu il teatro dell'opera nel quale si potevano utilizzare soggetti e

lingue nazionali, idiomi e strumenti tipici.

La musica strumentale è considerata meno importante.

In Polonia "Halka" di Moniuszko è considerata opera nazionale.

In Boemia Smetana compone "La sposa venduta" ma scrive anche brani sinfonici

coem "La mia patria" e "La Moldava",

Smetana opera uno studio approfondito e scientifico sulla musica popolare.

Dvorak fu più eclettico e cosmopolita perchè considera la musica nazionale

un'esigenza romantica e non patriotica.

Si dedicò pochissimo all'opera e moltissimo alla musica strumentale facendo

emergere tratti tipicamente cechi, slavi, ucraini, moravi con influenze americane

(musica nera) essendo stato anche direttore del Conservatorio di New York.

La Moravia.

Janacek utilizza la musica etnica per rivitalizzare il linguaggio colto entrando così a

pieno nella musica del '900.

Nell'opera"Jenufa" aderisce alla corrente realista eliminando la partecipazione

emotiva dell'autore e descrivendo lo svolgersi naturale del dramma.

La Russia

In Russia non si deve affermare l'identità nazionale per motivi patriottici ma per

contrastare il dominio dell'opera italiana e francese introdotta nel '7oo da Caterina II e

alimentata nell' 800 dallo zar Nicola I che aveva predisposto delle sovvenzioni

apposite destinate all'opera italiana.

Nei primi anni dell'800 però all'interno dell'operà comique vengono introdotti

soggetti e melodie popolari russe. Prime opere russe furono scritte dall'italiano Cavos

e contengo elementi fiabeschi e storici tanto amati dai russi.

Il primo russo che compose un'opera russa fu però Glinka: "Una vita per lo zar" ha

soggetti, lingua e strumenti russi (balalaika) e l'orchestrazione molto raffinata anticipa

le atmosfere di Debussy. Egli inserisce nella sua opera canti religiosi e musica rurale.

In Russia vigeva il dilettantismo musicale che non significa imperizia compositiva

ma libero pensiero perchè i compositori svolgevano per lo più un lavoro di impiegati

statali spesso in zone periferiche della nazione o all'estero e avevano l'opportunità di

venire in contatto con realtà musicali diverse e potevano esprimersi senza costrizioni

accademiche.

Glinka compose anche altre opere ispirate alla "bylina", canzone popolare russa, che

avevano arditezze ritmico-armoniche precoci per i suoi tempi. Dopo un viaggio in

Spagna compose Ouvertures spagnoleggianti.

Dopo il 1850 sotto lo zar Alessandro II si accentuò il divario tra occidentalisti e non,

tra i primi troviamo la "Società musicale russa" con a capo A.Rubistein di formazione

tedesca, tra i secondi la "Libera scuola di musica" con rappresentante Balakirev.

A questa ultima scuola si aggregano altri 4 compositori che foremranno con

Balakirew il "Gruppo dei 5"( Balakirew, Cui, Korsakov, Mussorgski, Borodin).

Essi vogliono mettere in rilievo ciò che è nazionale accettando dall'estero solo ciò che

è originale e il loro modello è Glinka.

Ognuno di questi musicisti si mosse in modo autonomo dal punto di vista

compositivo.

Borodin fu il più fedele all'idea del dilettantismo ma scrisse meno di tutti (ricordiamo

"Nelle steppe dell'Asia centrale").

Korsakov è l'unico che si è dedicato all'insegnamento formando generazioni di

musicisti (la famosa Scuola russa), si dedicò alla musica a programma

("Sheherazade").

E' il compositore "di mezzo" tra Glinka e Stravinski perchè eclettico. In Sheherazade

unisce i 2 elementi più rappresentativi della tradizione russa:


PAGINE

6

PESO

74.17 KB

AUTORE

fermo

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in dams (discipline delle arti, della musica e dello spettacolo)
SSD:
Università: Bologna - Unibo
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher fermo di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia della musica dell'Ottocento e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bologna - Unibo o del prof Marino Massimo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia della musica dell'ottocento

Riassunto esame Storia della musica dell'Ottocento, prof. Cuomo, libro consigliato Storia della Musica Occidentale di Carrozzo, Cimagalli
Appunto
Sunti di Storia della musica dell'800, Docente Bianconi/Cuomo, Libro consigliato Storia della musica occidentale + Dispensa del corso
Appunto
Riassunto esame Storia della Musica dell'Ottocento, prof. La Face, libro consigliato Storia della Musica Occidentale, Carrozzo, Cimagalli
Appunto
Riassunti esame Storia della Musica III 800 Prof Cuomo, Prof. Scalfaro, libro consigliato Manuale di Storia della Musica, Surian Vol III e Vol IV
Appunto