Risultati test di medicina 2020, cosa fare se hai meno di 20 punti (non idoneo)

Andrea Carlino
Di Andrea Carlino
numero aperto mediazione linguistica

Sono usciti i risultati del test Medicina 2020. Per verificare il proprio punteggio maturato durante la prova occorre andare sul sito dedicato, Universitaly, e cercare il proprio codice etichetta. Infatti, per ragioni di privacy, i risultati sono anonimi e catalogati secondo il codice alfanumerico. Per la pubblicazione della graduatoria definitiva nominativa, invece, bisognerà aspettare il 29 settembre.
Poi cominceranno le iscrizioni e ci saranno i primi scorrimenti.


Risultati test di medicina 2020, punteggio minimo del 2020

Chi ha ottenuto 39 punti è teoricamente dentro e potrà iscriversi alla facoltà, ma sono ipotesi: bisognerà, infatti, attendere l'uscita della graduatoria nominativa nazionale, che verrà pubblicata solo il 29 settembre. Gli idonei, cioè coloro che hanno preso più di 20 punti (punteggio minimo) sono quasi 40 mila, ma tra di loro soltanto 13 mila circa avranno il posto. Dopo la pubblicazione delle graduatorie anonime sarà importante ricordare il 25 settembre, giorno in cui verranno rese accessibili le schede del test di ogni studente, sempre tramite l’area riservata sul sito di Universitaly, e il 29 settembre, il giorno della prima pubblicazione della graduatoria nazionale dei test di medicina 2020.


Risultati test di medicina 2020, cosa fare se hai meno di 20 punti (non idoneo)

Se hai ottenuto meno di 20 punti vieni automaticamente escluso, non puoi far parte della graduatoria e non puoi sperare negli scorrimenti. Dunque occorre valutare un'alternativa, una sorta di piano B per non perdere un anno e magari riprovarci l'anno accademico successivo. Potrebbe essere importante iscriversi a un altro corso di laurea in ambito scientifico per studiare materie più vicine possibili a quelle di medicina, superare il test il prossimo anno e richiedere la convalida di alcuni esami. C'è ad esempio la facoltà di Farmacia o di Biotecnologia. C'è quella di Scienze Biologiche o di Chimica e Tecnologie Farmaceutiche. Infine una buona alternativa può essere pure la facoltà di Scienze Motorie. Iscrivendosi ad una facoltà affine a Medicina successivamente ci si può appellare all’articolo 6 del R.D. 1269/38. Quest’ultimo sancisce che "gli studenti , in aggiunta agli insegnamenti previsti per il proprio corso di laurea, possono iscriversi, per ciascun anno accademico, al massimo a due insegnamenti di altri Corsi di studio di pari livello e di medesimo ordinamento" (verificare, però, se ogni ateneo applica la regola in modo diverso). L’iscrizione ai corsi singoli, soluzione presente in alcuni atenei, non è molto consigliata perché limita lo studente a sostenere solo alcuni esami di medicina.
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di conoscere il prossimo ospite? Continua a seguirci e lo scoprirai!

29 ottobre 2020 ore 16:15

Segui la diretta