B-Arrow di B-Arrow
Ominide 130 punti

L'omosessualità: il matrimonio e l'adozione


Cos'hanno in comune Socrate, Alessandro Magno, Giulio Cesare, Leonardo da Vinci, Oscar Wilde e Freddy Mercury? Sicuramente la genialità, quel talento che caratterizza persone fuori dal comune, dotate di qualità che hanno loro permesso di entrare a far parte della Storia, distinguendosi nella filosofia, nella politica o nell'arte, in periodi così distanti tra loro. Ma sapere che questi straordinari personaggi erano omosessuali toglie forse qualcosa alla loro grandezza?
Certamente fa rabbia sapere che c'è chi, ancora oggi, sostiene che l'omosessualità sia uno stato di minorità, addirittura una malattia da curare.
Il credo cristiano afferma che l'unione sessuale deve obbligatoriamente essere finalizzata alla procreazione di una nuova vita. Al tempo stesso continua a sostenere che gay e lesbiche non devono essere discriminati, riservando loro parole di accoglienza cristiana. A questo punto sorge spontaneo tra i fedeli il dubbio se quest’unione sia possibile, anche considerando la numerosa presenza all’interno del clero di omosessuali e pedofili.
Ad ogni modo l'omosessualità non va pregiudizievolmente discriminata: è semplicemente la condizione privata di chi prova piacere nell'amare una persona dello stesso sesso. Essa non è altro che uno dei tanti modi di amare presenti sulla Terra.

Sarebbe bello vivere in una società civile e moderna in cui ognuno può esprimere, anche sessualmente, le proprie inclinazioni, ovviamente senza mai perdere di vista la considerazione di una sessualità intesa come fatto privato e non da pubblicizzare. Gay e lesbiche nella realtà occidentale degli ultimi anni hanno fatto enormi passi in avanti, affermando con dignità ed orgoglio la propria normalità. Uscendo a testa alta da forme di pregiudizio nei loro confronti addirittura persecutorie, hanno raggiunto una così matura coscienza del proprio essere da vivere normalmente la propria condizione di non diversità.
La strada da percorrere, soprattutto in alcuni Paesi asiatici, ma anche in Italia, resta ancora tanta, ad esempio riguardo alla depenalizzazione del reato di omosessualità o al riconoscimento sociale ufficiale delle unioni di fatto, già possibili in alcuni Stati. Ma accadrà mai che anche nel Bel Paese, patria di Cesare, di Leonardo e di Michelangelo, ma anche sede del Vaticano, sia un giorno legalmente riconosciuta come giusta e normale l'unione tra un uomo ed un uomo, tra una donna ed una donna? Fino a quando anche l’Italia non accetterà il principio laico per cui un omosessuale è una persona uguale alle altre, con gli stessi diritti delle altre, continuerà a risultare retrograda, pur pensando di essere civile, aperta e moderna.

Questo è quanto riguarda il matrimonio, un altro quesito è “I bambini allevati da due individui dello stesso sesso hanno le stesse opportunità dei bambini allevati in famiglie con un padre e una madre?”. Fino a poco tempo fa la risposta a questa domanda era "no".

Tuttavia politici, sociologi, media e anche associazioni mediche oggi asseriscono che è giunto il momento di abolire il divieto per le coppie omosessuali di adottare bambini. Si sono, quindi, svolte accurate ricerche su questo tema.
Alcuni studi sostengono che vivere con due genitori dello stesso sesso non porrebbe alcun problema allo sviluppo dei bambini.
Altri dichiarano che i figli cresciuti da coppie omogenitoriali hanno più probabilità di manifestare problemi comportamentali, di avere livelli maggiori di depressione e una maggiore instabilità affettiva, oltre che una maggiore propensione verso relazioni di tipo omosessuale, o, addirittura un vero e proprio un rifiuto verso una qualsiasi relazione affettiva.
Forse è semplicemente la società che non è ancora pronta a convivere con una realtà del genere, in quanto tantissimi non condividono l’unione tra due persone dello stesso sesso. Ma quando lo sarà? È da ormai troppo tempo che gli omosessuali sono costretti a vivere nell’ombra, è ora di cambiare pagina e di guardare con occhi nuovi il futuro.

Hai bisogno di aiuto in Temi di Italiano Svolti?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email