Ominide 6621 punti

Il regno di Filippo II

Dopo l'abdicazione dell'imperatore Carlo V nel 1556, il Regno di Spagna passò a suo figlio Filippo II (1556-1598). L'immenso impero degli Asburgo era stato diviso, ma Filippo II si trovò comunque a regnare su un territorio vastissimo e disomogeneo: la Spagna, i Paesi Bassi, i possedimenti italiani, la Franca Contea, le colonie americane e, dal 1580, il Portogallo.
Nonostante la vastità dei suoi domini, Filippo II si sentì sempre un sovrano spagnolo. A differenza del padre che viaggiò in continuazione, visse sempre in Spagna e si spostò pochissimo dalla Castiglia. Trasferì la capitale da Valladolid a Madrid, al centro della Spagna, dove venne costruita la sua reggia, l'Escorial, un edificio cupo e severo, che era al contempo convento, mausoleo della famiglia e residenza reale. Filippo II è stato paragonato a un ragno che se ne sta al centro della sua ragnatela proprio perché scelse di governare il suo impero senza spostarsi dalla sua reggia. L'attenzione e la cautela con cui durante i primi anni del regno gestì la politica gli valsero l'appellativo di "el Rey prudente". Rigoroso e intransigente, probabilmente poco incline ai rapporti con gli altri, si occupava personalmente di ogni questione, senza affidarsi al alcun collaboratore.

"Questa volontà di centralizzazione - scrive lo storico Geoffrey Parker - finì per creare problemi nella gestione del governo. Le distanze enormi che separavano Madrid dai suoi domini facevano sì che spesso una decisione risultasse superata dagli eventi prima di poter essere messa in atto. Ci volevano almeno due settimane perché una lettera da Madrid raggiungesse Buxlees o Milano e ci volevano due mesi perché arrivasse in Messico".

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove