Ominide 6604 punti

Prima Età moderna - Nuova storiografia

Nel corso del Medioevo la storia veniva vista come espressione di un ordine trascendente e come frutto di un disegno provvidenziale di Dio. Nel Cinquecento, invece, maturò la convinzione che le vicende storiche fossero il risultato delle azioni degli uomini.
Fare storia, perciò, significava ripercorrere le azioni umane ricercando le spiegazioni, le cause e il senso degli eventi. La conoscenza del passato doveva offrire un insegnamento da seguire nel presente.
Il più grande storico del Rinascimento fu il fiorentino Francesco Guicciardini (1483-1540). Nella sua Storia d'Italia, scritta fra il 1537 e il 1540, Guicciardini affrontò il periodo compreso fra il 1492 (anno della morte di Lorenzo il Magnifico) e il 1534 (anno della morte di papa Clemente VII).
In quegli anni si erano verificati alcuni fatti estremamente gravi per l'Italia, quali al discesa di Carlo VIII in Italia e il sacco di Roma. Si trattava di eventi di cui lo stesso Guicciardini era stato testimone. Questo rispecchia una tendenza generale nella storiografia cinquecentesca: spesso infatti coloro che si dedicarono a scrivere opere storiche furono uomini politici, ambasciatori, governatori di città, che narravano vicende a cui avevano preso parte.

Nella sua opera, Guicciardini mise in luce il nesso tra le vicende italiane e il quadro politico internazione, un contesto che conosceva bene in quanto era stato ambasciatore della Repubblica Fiorentina. Ciò che gli interessava, comunque, non era il semplice racconto dei atti, ma individuare le cause delle vicende storiche, senza far ricorso a schemi precostituiti. Questo perché la realtà umana, secondo Guicciardini, è in perenne mutamento e spesso nella storia operano fenomeni incontrollabili e imprevedibili. Lo storico e il politico possono solo esaminare le vicende caso per caso, rinunciando alla pretesa di individuare regole generali. Il comportamento degli uomini, poi, è spesso dominato da motivazioni non razionali, frequentemente illogiche: di qui l'interesse di Guicciardini per l'analisi psicologia dei personaggi.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email