Periodo elisabettiano

Maria Tudor, figlia di Caterina d’Aragona: era Cattolica. Soprannominata
Maria la sanguinaria, riportò il cattolicesimo in Inghilterra e sposò Filippo II. Era percepita come contraria agli interessi del paese. Infatti i rapporti con il paese si Ruperto definitivamente quando decise di correre a repressioni anticattoliche infatti vennero messi al rogo 280 protestanti.
Alla morte di Maria Tudor ci fu una lotta di dinastia:
• Elisabetta Tudor +Enrico VIII= Anna Bolena (matrimonio considerato illegittimo)
• matia Stuart era Cattolica fu regina di Scozia e moglie di Francesco II.
Il parlamento appoggia Elisabetta e nel 1558 viene eletta regina di Inghilterra. Il suo regno fu uni dei più prosperi in quanto:
-stabilità religiosa: protestantesimo
-sviluppo degli ideali rinascimentali:teatro, Shakespeare

-sviluppo economico
Questione scozzese:dopo la morte di Francesco II Maria Stuart tornò in Scozia dove provò a ristabilire il cattolicesimo ma non riesce e infatti è costretta a scappare in Inghilterra. Elisabetta la fa imprigionare anche se Maria trama continuamente complotti verso la cugina. Nel 1587 fu giustizia.
Questione spagnola: nel 1588 battaglia tra Invincibile Armata e Inghilterra. Viene sconfitta.
Guerra tra due mondi opposti:
Inghilterra: protestante: società dinastica moderna
Spagna:Cattolica: statica e arretrata
Nel 1603 Elisabetta muore e non ha eredi

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email