La crisi francese

L’eredità di re Sole

Dopo la morte di Luigi 14esimo il trono passò a Luigi 15esimo la sua politica dovette affrontare due problemi: la prima riguardava il rapporto tra monarchia e paese infatti la politica assolutistica di luigi 14esimo aveva allontanato la nobiltà dal paese così come per il parlamento, l’altro grande problema era di natura finanziaria.

Filippo d’Orléans

Filippo d’Orléans tentò di domare questi 2 problemi con una serie di concessioni al parlamento e ai nobili.
Dopo alcuni anni ripristinò il regime assolutistico del re sole.

Il sistema Law

Filippo si affidò a John Law per eliminare il debito pubblico. Egli voleva promuovere la crescita dell’economia mediante la creazione di banconote, creò una banca specializzata nella emissione di banconote.
Inoltre creò una nuova compagnia chiamata “compagnia delle indie”.

La crisi economica

La nuova banca creò una grande quantità di banconote che all’inizio sembravano rispondere alla grande richiesta del mercato.
Contemporaneamente il valore in borsa della compagnia delle indie salì in modo esponenziale, molto al di sopra del suo vero valore.
Quando i mercanti si accorsero che i guadagni non erano quelli ipotizzati si verificò la vendita di massa delle azioni provocando una grave crisi di stato.
La monarchia fu costretta a ritirare tutte le banconote dalla circolazione e la Francia cadde così in banca rotta.

Il regno di Luigi XV

Alla morte di Filippo d’Orléans salì al trono Luigi 15esimo il re decise di avvalersi dell’aiuto del cardinale Fleury che divenne il primo ministro.
Il regno visse un periodo di relativa stabilità e il ministro seppe anche raddrizzare le finanze e la Franca conobbe alla fine una fase espansiva.
Morto Fleury luigi si trovò a scontrarsi con problemi di natura religiosa e decise di colpire duramente le minoranze ugonotte e gianseniste con delle campagne di persecuzione.

Il regno di Luigi XVI

Dopo Luigi 15esimo salì al trono luigi16esimo il quale nominò controllore delle finanze Turgot. Questo si ispirò al programma fisiocratico ristabilì la libertà di commercio dei grandi sciolse le corporazioni di mestiere e sostituì alle corvee una tassa in moneta i cui ricavati veniva utilizzati per la costruzione e manutenzione delle strade. I propositi di riforma furono ostacolati dai ceti privilegiati.
La crisi monarchica francese era ormai irreversibile.
Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email