Ominide 2537 punti

L'impero carolingio

Nel 771 Carlo Magno, figlio di Pipino il Breve, diventa re dei Franchi. Egli attua una serie di riforme religiose e culturali attraverso la Schola palatina. In questo periodo si assiste alla nascita di una nuova scrittura e rafforzamento dell’insegnamento religioso. Si verificano diverse crisi degli ordinamenti ecclesiastici dovuti alla crisi dell’impero. Il sistema politico era basato sul vassallaggio ( derivato dal celtico gwas che vuol dire ragazzo, diventato poi vasso e vassallo, indica la condizione di subalternità e fedeltà di un individuo rispetto ad un signore o ad un cavaliere) e sull’ereditarietà paritaria del regno e poi dell’impero. Si attua una Riforma sull’indivisibilità dell’impero ed assegnazione dell’impero al primogenito. Rifiuto dell’ordinamento sull’indivisibilità dell’impero, lotta fra i successori e spartizione dell’impero. Si Tende al rafforzamento dei grandi vassalli. L’impero formato dalle conquiste di Carlo magno viene diviso in tre parti dai suoi nipoti. La Infine si assiste alla frammentazione dell’ex-impero in piccoli principati e alla proliferazione di castelli e fortezze a causa delle invasioni e delle continue guerre.Con l'affermarsi dell'impero carolingio e la sua successiva disgregazione, si assiste al cambiamento dei connotati politici e culturali dell'Europa.

Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email