Erectus 2101 punti

Con il coinvolgimento della Chiesa nella politica si affermò la corruzione del clero che metteva in discussione il suo ruolo spirituale. Come conseguenza alla corruzione del clero, e come ribellione ad una società governata dalla borghesia , si sviluppano movimenti eretici che si oppongono ai dogmi della chiesa cattolica e ai suoi principi,attaccando la corruzione clericale e sperando in un mondo dove non sia la ricchezza a prevalere. Molti eretici negarono che la chiesa, quindi di conseguenza anche i sacerdoti e i vescovi fossero necessari per assicurarsi la salvezza. I Valdesi rivendicarono il diritto di predicare, i catari attaccarono il cattolicesimo, proponendo una dottrina alternativa. Essi inoltre sostengono che il mondo sia governato da due forze: male e bene. La chiesa ovviamente si oppose agli eretici in due modi: per primo il papa Innocenzo III avviò una crociata di repressione contro gli albigesi e con le stragi del 1208, successivamente venne creato nel 1233 il “tribunale della santa inquisizione” che scopriva, condannava , torturava e mandava al rogo tutti gli eretici. Inoltre in questa prospettiva ci fu un rinnovamento dell’ordine dei francescani e dei domenicani. Nel basso medioevo gli occidentali si trovano a fronteggiare i musulmani che dal 7° secolo avevano iniziato a occupare i territori del Medio oriente e del mediterraneo. Per riprendersi i luoghi dove Cristo era nato la chiesa organizzò le sette crociate, dal 1096 al 1270, che non furono però mai portate a compimento. La lotta contro i musulmani si svolse anche per mare contro i pirati saraceni e tra il 12° e 15° secolo i cristiani della Spagna,a poco a poco riconquistarono la penisola iberica.

Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità