lasorky di lasorky
Ominide 245 punti

La Guerra Fredda


Dopo la Seconda Guerra Mondiale, che portò circa 55 milioni di vittime, si cercò di ricostruire l’ordine
mondiale.
Ci fu il crollo della produzione industriale e una forte crescita dell’inflazione, legata all’aumento delle banconote messe in circolazione per far fronte alle spese militari.

A differenza degli altri paesi, gli Usa furono l’unico paese a uscire dal conflitto con un’economia più forte.

Il presidente Truman, successore di Roosevelt, mise in atto diversi progetti per ricostruire l’economia
mondiale:
Nel 1944 con la conferenza di Bretton Woods il dollaro venne riconosciuto come mezzo di pagamento internazionale.
Nacquero nuove istituzioni economiche come il Fondo monetario internazionale (Fmi) e la Banca Mondiale per controllare meglio la politica economica internazionale.
Promosse il piano Marshall, chiamato cosi perché ideato dal segretario di stato americano Marshall, che consisteva nel mandare aiuti economici all’Europa occidentale per rafforzare la stabilità dei governi democratici ed evitare presa di potere comunista. Tredici miliardi furono mandati, nel giro di quattro anni, a fornire crediti e merci ai paesi europei per ricostruire le infrastrutture, favorire l’importazione di materie prime, ecc...
Età del benessere: 30 anni di crescita economica che portò a consumi e redditi elevati.
1945: viene istituito l’Onu (Organizzazione delle Nazioni Unite) nella quale aderirono 50 stati e affermava la pari dignità delle nazioni e il principio di autodeterminazione dei popoli.
L’accordo di Yalta tra i vincitori della 2 guerra mondiale (Usa, Urss, Gran Bretagna) si basava sulla spartizione del mondo in due aree d’influenza.
L’Europa era quindi divisa dalla “cortina di ferro” (linea di confine immaginaria) che separava l’Occidente democratico, sotto il controllo egli Stati Uniti, dall’Oriente comunista , sotto quello sovietico. Si forma così un sistema bipolare fondato sulle due superpotenze che presentano modelli politici ed economici contrapposti.
1947: con la conferenza di Mosca si spezzò la collaborazione tra le due superpotenze, che quindi entrarono in competizione per guadagnarsi l’egemonia mondiale.
1947: l presidente americano enunciò la Dottrina Truman, che prevedeva il contenimento (containment) su scala mondiale del comunismo per impedire che si diffondesse in Occidente, mentre l’Urss provvedeva alla “sovietizzazione” forzata dell’Europa dell’Est.
Nasce così la Guerra Fredda, chiamata così perché non ci fu mai uno scontro militare diretto, ma si trattò di combattere con le armi della politica, dell’economia e della propaganda. Questo perché le armi atomiche avrebbero previsto la distruzione di entrambe le superpotenze. Gli USA nel 1953 avevano infatti sperimentato la prima bomba a idrogeno (Bomba H), mille volte più potente di quella che aveva colpito Hiroshima.
Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email