sc1512 di sc1512
Ominide 5764 punti

-La Seconda Rivoluzione Industriale-

La popolazione in netta crescita, sia in Europa che in America, si era spostata prevalentemente dalle zone di campagna verso i centri urbani, così facendo trova più spesso impiego nel settore industriale, piuttosto che in quello agricolo.
Questo causò un’impressionante sequenza di Innovazioni produttive, che migliorano le produzioni industriali; lo sviluppo economico che ne consegue fa aumentare la domanda di manodopera e quindi sempre più gente dalle campagne verso le aree urbane industrializzate.

La nuova ondata di innovazioni, dopo quelle avvenute in suolo Inglese, fanno definire il periodo tra metà Ottocento e inizio Novecento come il periodo della ‘Seconda Rivoluzione Industriale’.
A differenza della Prima Rivoluzione,:
• Le invenzioni non provengono da inventori dilettanti, ma da inventori o scienziati di professione e dopo studi preparatori;

• Queste invenzioni non provengono da un solo luogo, ma soprattutto da imprenditori Tedeschi, Francesi, Svedesi, Italiani e Statunitensi;
• Tutte le innovazioni riguardano nuovi settori produttivi, come la produzione di acciaio, di materie chimiche o di energia elettrica;
• Le industrie della ‘nuova’ rivoluzione richiedevano, a differenza di quella passata, impianti e macchinari grandi e molto costosi, cosa che impose grandi cambiamenti nelle modalità di finanziamento, di gestione e di organizzazione delle linee produttive.

Tra le invenzioni troviamo:
• l’Acciaio e i Forni ad alta temperatura usati per la sua realizzazione;
• Nuovi composti chimici (coloranti artificiali, catrame, vernici, fibre artificiali, farmaci, fertilizzanti artificiali);
• La Gomma e il Pneumatico (di John Dunlop);
• I primi motori a scoppio su auto a tre ruote (Karl Benz) e la Benzina, distillata dal petrolio, ma anche motori alimentati a nafta, inventati da Rudolf Diesel;
• L’Energia Elettrica, ottenuta dal vapore o dal movimento dell’acqua, e la nascita delle prime Centrali Elettriche, Termoelettriche o Idroelettriche;
• La Lampadina e il Grammofono di Thomas Edison;
• Il Telefono di Antonio Meucci;
• La Ferrovia Elettrica usata per i trasporti urbani;
• La produzione di Armi;
• La Bicicletta, molto diffusa rispetto all’automobile per il suo costo;
• Le Macchine per Cucire e per Scrivere.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità