Ominide 1172 punti

La Rivoluzione Cinese


Ricomincia, appena finita, una guerra civile tra Chang Kai-shek, nazionalista e filo-occidentale, e Mao, leader del partito comunista cinese inserito nel Comintern, che dura dal 1945 al 1949. Questo confronto è una sanguinosissima guerra che devasta tutta la Cina e vede, in realtà, lo scontro tra Stati Uniti e Unione Sovietica, che sono alle spalle dei due schieramenti.
La guerra si conclude con la vittoria di Mao, in quanto Chang rappresenta una Cina antica poco apprezzata dalle popolazioni più povere. La formula comunista della ribellione delle classi più oppresse e l'instaurazione di una dittatura del proletariato portano Mao alla vittoria propagandistica e militare. Chang, alla fine della guerra, si rifugia a Taiwan, sotto la protezione aeronavale degli Stati Uniti, conosciuta ancora oggi come Repubblica della Cina. Nascono due Cine, la Repubblica di Cina e la Repubblica popolare cinese, spaccatura tipica provocata dalla Guerra Fredda (Germania, Corea, Vietnam). La Cina comunista diventa uno strumento nelle mani di Stalin. Nel 1950 Stalin e Mao giungono ad un'alleanza che vede Mao in una condizione di inferiorità politica e personale rispetto a Stalin, che lo disprezza. La vicenda cinese introduce la prima guerra della Guerra Fredda, quella di Corea. Nel 1945, con la caduta della comunità imperiale giapponese, si ha una doppia invasione della Corea, sottoposta al controllo giapponese dal 1910. Viene occupata nel nord dall'Unione Sovietica, in cui si forma un governo comunista di Kim Il Sung, che fa parte della costellazione di partiti stalinisti del Comintern, e nel sud dagli Stati Uniti, dove si forma un governo nazionalista-conservatore di Syngman Rhee, con spiccate tendenze autoritarie, filo-occidentale ed energico nella repressione anticomunista. Truman invia una serie di unità navali nel confine del 38° parallelo, supportando il nuovo governo di Rhee. La firma del Patto Atlantico è la causa scatenante, in quanto Stalin, arrabbiato, vuole mostrare che anche l'Unione Sovietica ha la sua bomba atomica. Rhee a sud introduce sempre più elementi dittatoriali, ma agli USA serve per impedire le operazioni sovietiche di occupazione di tutta la Cina. A nord Sung introduce autoritarismo totale, quasi assolutismo.
Il segretario di stato di Truman, Dean Acheson, fa una dichiarazione pubblica affermando che la Corea non è particolarmente interessante per gli USA, ed è il pretesto per Sung per attaccare la Corea del Sud. Parla di liberazione del sud, strappando i fratelli dalla morsa imperialista statunitense. La Corea del Sud viene invasa e occupata, per i 4/5, compresa Seoul. L'esercito sudcoreano è ancora in via di formazione, mentre Sung in pochi anni, con l'aiuto prima di Stalin e poi di Mao, sfonda le linee sudiste e ricaccia l'esercito in mare.
Nell'agosto del 1950 intervengono le Nazioni Unite, con il Consiglio di Sicurezza che vota a favore dell'intervento di un corpo di spedizione europea a guida americana per ripristinare la sovranità di un paese aderente alle Nazioni Unite (come successe durante la guerra italiana in Etiopia con la Società Delle Nazioni). Stalin, per protestare contro il non riconoscimento della Cina comunista come membro permanente del Consiglio di Sicurezza, fa ritirare il rappresentate dell'Unione Sovietica dal Consiglio di Sicurezza, che non partecipa alle votazioni: poiché il Consiglio non approva le decisioni con anche un solo voto a sfavore, i quattro membri rimasti votano a favore della spedizione, senza che l'ambasciatore sovietico possa opporsi e, così, bloccarla. L'operazione di Sung, intanto, non piace a Stalin, che quindi si tira indietro e lascia solo Mao a sostenerlo. Il generale Mac Arthur viene messo a capo della spedizione dell'ONU e risale fino al 38° e oltre, liberando Seoul e parziali territori conquistati dalla Corea del Nord. Nell'ottobre del 1950 Mao occupa la Corea del Nord per aiutarla e contrattacca, avanzando nuovamente verso sud. Mac Arthur, in contrasto con Truman, chiede al presidente di usare la bomba atomica e per questo viene rimosso dal suo incarico. La guerra è durissima, sanguinosissima e combattuta, in molti casi, con criteri precedenti alla Seconda Guerra Mondiale. Infine l'ONU riesce a riconquistare tutti i territori sotto il 38° e si giunge, nel luglio del 1953, ad un armistizio che è ancora in corso.
A ridosso del conflitto gli americani sono ormai conflitti dell'aggressività cinosovietica nell'area del Pacifico e capiscono che è necessario un sistema di alleanze che incapsuli tutta la regione e che possa diventare l'elemento di equilibrio per un qualsiasi problema come quello in Corea. I sistemi di alleanze occidentali che nascono in questo periodo sono l'A.NZ.US (USA, Australia, Nuova Zelanda) e la S.E.A.T.O. (equivalenza della Nato nel sudest asiatico con Filippine, Australia, Nuova Zelanda, Pakistan, Tailandia, USA, Gran Bretagna e Francia). Questo doppio sistema di alleanze viene perfezionato con un rafforzamento dell'economia, anche militare, del Giappone. Si crea un'alleanza che possa controllare ogni possibile variazione di equilibri in quest'area, un incapsulamento militare che blocchi l'alleanza sovietico-cinese, legata alla teoria del contenimento; viene dato, allo stesso tempo, un aiuto al Giappone che attraverso notevoli investimenti americani svilupperà nuove tecnologie e comincerà a rafforzare un sistema difensivo per future possibili iniziative.
Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email