Ominide 41 punti

L’Italia è uno dei Paesi che usufruisce maggiormente dell’idroelettricità. La prima centrale idroelettrica fu costruita nei pressi di Milano nel 1883. Ma lo sviluppo più importante si ebbe tra gli anni 20 e 60 del 900 con la nascita delle prime società private, come ad esempio la Edison. Queste società, muovevano capitali per la costruzione di dighe soprattutto al nord Italia, mentre nel mezzogiorno, vi è stato un forte sviluppo delle centrali idroelettriche soprattutto intorno agli anni 60. Nella prima metà del ventesimo secolo, l’energia idroelettrica si era talmente sviluppata che comprendeva il 100% della produzione totale di energia nel nostro paese. Intorno agli anni 60, poi, c’è stata una brusca frenata di questo tipo di energia, anche a causa del opinione mediatica generata in seguito al disastro del Vajont. La sera del 9 ottobre del 1963, 260 milioni di m3 di roccia (monte toc) scivolarono all’interno del bacino della diga del Vajont, che conteneva 115 milioni di m3 di acqua. A causa di questo impatto, si generò un’onda alta circa 250 metri, che scavalcò la diga e distrusse paesi limitrofi quali Longarone, Erto, Codissago e Castellavazzo, provocando circa 2mila morti. Le cause e i processi su questo disastro durarono anni. Si pensa infatti che tale disastro sarebbe potuto essere evitato in parte, con maggiori controlli effettuati nella centrale idroelettrica. Ma alla base c’è il fatto che comunque, la zona del Vajont, non era idonea alla costruzione di una diga di tale dimensioni (allora la più alta del mondo). Sono stati indicati come responsabili, dopo 7 anni di processo, due esponenti della SADE.

Oggi in Italia vi sono 921 centrali idroelettriche e questo tipo di energia nel nostro paese continua a rappresentare una buona fonte. La centrale idroelettrica più importante è quella di Presenzano, in provincia di Caserta, di proprietà dell’ENEL energia. Inaugurata da Cossiga, questa centrale è costituita da 2 bacini e crea un dislivello maggiore a 500m. Inoltre è a ciclo chiuso, con mille megawatt totali.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove