Democrazie e dittature

Fascismo, antifascismo e comunismo

Conseguenze della crisi del sistema economico occidentale:
- Crisi del capitalismo, conseguenze politiche e sociali, ripercussioni su idee correnti
- sul piano economico: riconsiderazione dei rapporti tra iniziativa privata r intervento pubblico
- più in generale sul ruolo dello stato nell'economia
- dall'andamento della vita economica, vita della generalità dei cittadini dal cui voto dipendeva nei paesi l'oberi la vita dei governi.
- errori nel comportamento degli imprenditori privati producevano danni: disoccupazione, dissesti di aziende (il cui prezzo pagato dall'antichità), inflazione
Si fece strada l'opinione che un maggior controllo pubblico non fosse solo lecito, ma doveroso.

Nuovi orientamenti economici:
Rivisto il principio secondo cui il dovere dei governi era quello di mantenere il bilancio pubblico in pareggio.

- ipotesi: maggiore spesa pubblica, oltre i limiti, maggior nuovi posti di lavoro
Immediato un deficit di bilancio, poi inflazione, ma in un arco di tempo più lungo.

John Maynard Keynes

Teoria che si fece strada a rilento per differenti pregiudizi, la sua opera solo nel 1936.
La gravità del problema esigeva risposte immediate, e porto gli uomini di governo e intellettuali a guardare quei regimi dove, a torto o a ragione,mai vedeva che le contraddizioni del capitalismo fossero state superate (Italia fascista, Russia sovietica)

Sfiducia nelle istituzioni liberal-democratiche:
1) le masse popolari, ormai padrone della scena politica troppo spesso in anguste economiche ed insicure del proprio lavoro davano poca importanza ad una libertà che non aveva dato risposta ai loro più elementari problemi.
2) ceti medi e ceti colti credevano che con la democrazia si affermasse una società politica nella quale la quantità soffocava la qualità.
Declino del l'occidente, decadenza, crisi della civiltà, bisognava reagire, risposta forse da regime fascista a quello sovietico.

Fascismo e comunismo

Suscitarono analoga suggestione
- interesse collettivo al di sopra dell'interesse individuale
- accettazione disciplinata di quanto decidessero i governi
- spesso riuniti sotto la definizione di "totalitarismo"
- comunismo sovietico discendeva dal principio di uguaglianza tra tutti uomini
- fascismo rivendicava come proprio principio la gerarchia
- differente anche territoriali:
Russia lontana, scarse notizie sulla realtà
- fascismo nel cuore dell'Europa

Fino al 1933 ritenuta peculiarità dell'Italia
Dopo il 1933 con il nazismo in Germania, non poi ma una realtà
Sul terreno della tradizione politica europea erano emersi i regimi che rifiutavano liberalismo e democrazia d rivendicavano il principio di autorità e l'uso della violenza.

Le denunce dei fuoriusciti italiani

Costretti ad abbandonare la patria per salvarsi in paesi democratici
Sturzo, Salvemini, Carlo Rosselli

Emigrazione politica della Germania
In buona parte ebrei, come Thomas Mann 1929 premio Nobel per la letteratura
Si formò così nell'Europa democratica un movimento d opinione all'insegna antifascismo.

L'opposizione comunista, nemico numero 1:
- fascismo, Gramsci 1937 dopo anni di detenzione
- e nazismo, primi campi di concentramento per loro.
Chi voleva impegnarsi contro il fascismo, verso il comunismo
Questa conversione frenata dall'atteggiamento settario dell'internazionale comunista che definiva fascisti, anche se vittime del fascismo, tutti coloro che non erano comunisti ma appartenenti ai ceti borghesi.

Il comintern dopo il 1933 rivede proprio giudizio

1935 il VII Congresso del Comintern e la politica dei fronti popolari:
Riconobbe quanto avesse giocato a Hitler la divisione in Germania tra comunisti e socialisti e corse ai ripari invitando tutte le forze antifasciste special,ente socialisti s convergere in coalizioni: fronte popolare, i partiti comunisti riuscirono ad attrarre buona parte di coloro contro il fascismo.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email