Ominide 2630 punti

Caratteri del Neoclassicismo

L’arte e la letteratura della seconda metà del Settecento e inizio Ottocento sono state influenzate da numerose idea di rinnovamento, in particolare quella che riportava in vita i caratteri classici: il Neoclassicismo è la principale conseguenza sulle arti del pensiero illuminista. Ebbe come sede Roma fonte inesauribile di ispirazione classica.
Biblioteca di Charles Townley: padrone di casa con alcuni amici che discutono in una stanza disseminata di sculture classiche.
Il tedesco Winckelmann pubblicò nel 1755 un opera che riassumeva tutti i temi del pensiero neoclassico. Egli inoltre citò più volte come opere che dovevano essere prese come esempio, l’Antinoo del Belvere, l’Apollo del Belvedere e il gruppo del Laocoonte.
Secondo lui una scultura neoclassica non dovrà mai mostrare le passioni e i sentimenti che si susseguono durante un azione, ma sempre quelle che precedono o seguono la suddetta.

Architetture Neoclassiche

Come si vede in forma piuttosto embrionale in Bullee e Piranesi, nella seconda metà del 1700 era sorto un vero e proprio rifiuto nei confronti dell’ornamentazione barocca e si iniziò a pensare che l’architettura doveva essere un’espressione della sua funzione, infatti molti teorici pensavano che in architettura tutto ciò che veniva progettato doveva assolvere a una precisa funzione.
Robert Adam visitò e studiò a Roma e in Campania, secondo lui doveva esserci uno stretto legame tra architettura, decorazione e arredo. Egli realizzò la parte centrale del fronte sud di Kedleston Hall che ripropone lo schema dell’arco trionfale romano. La Great Hall è una architettura romana circondata da 16 colonne e 4 semicolonne corinzie nella quale vi sono pannelli recanti scene tratte dai poemi omerici. La cupola è ispirata al Pantheon. Altra importante realizzazione di Adam fu la Biblioteca di Osterley Park, nella quale l’arredo è studiato in modo da sposarsi perfettamente con le decorazioni delle pareti.
Leon Von KlenzeE costruì il Walhalla dei Tedeschi presso Ratisbona, sorge isolato sulle sponde del Danubio e si trova sopra una muraglia a scale. Il walhalla era il luogo dove le mitiche valchirie accoglievano gli eroi morti in battaglia. Come il Partenone il WdT è un tempio octastilo, periptero di ordine dorico che ha 8 colonne sul fronte e 17 ai lati. I due frontoni propongono altorilievi: in uno la sconfitta di Napoleone a Lipsia e l’altro la vittoria delle tribù germaniche su Roma nel 9 dC.
Giuseppe Piermarini è probabilmente il maggior architetto neoclassico italiano. Egli realizzò il Teatro della Scala a Milano, la facciata è composta da 3 corpi aggettanti sulla strada, un avancorpo centrale costituito da un portico sovrastato da una terrazza. La parte retrostante è scandita da 3 fasce orizzontali interrotte da colonne binate.

Giacomo Quarenghi lavorò soprattutto in Russia sotto Caterina II. Studiò le architettura rinascimentali e romane, ricopiando dal vero o da stampe ad esempio le rovine del tempio di Nerva e l’interno della basilica di San Pietro. Progettò a San Pietroburgo l’Accademia delle scienze costituita da un sobrio e ornamentale porticato. La facciata riproduce il fronte di un tempio octastilo di ordine ionico. Risente degli schemi compositivi e della regolarità delle forme di Palladio.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email