Questo appunto contiene un allegato
Pittura, scultura e architettura neoclassica scaricato 3 volte

Il Neoclassicismo

Contesto storico- 700-800- Parigi e Roma sono il centro della cultura europea.

Winckelmann- Pensieri sull’imitazione delle opere greche nella pittura e nella scultura
Afferma che solo in Grecia aveva preso forma la vera bellezza ideale, considera l’arte greca perfetta poiché caratterizzata da armonia, semplicità e purezza (si avvicina alle idee, es la statua di un uomo era più di un uomo, quasi l’idea di un uomo). Perciò vuole che questo prototipo sia imitato, non nel senso che va riprodotto in modo identico, ma vuole che si ritorni all’antico attraverso un analisi filologica ispirandosi all’antico.
La differenza sta nei soggetti raffigurati (es. Napoleone al posto di Zeus)
Winckelmann propone un’ arte che non è solo estetica ma anche etica: sia capace di educare l’uomo al culto della verità attraverso degli esempi.

Secondo Winckelmann i soggetti andavano raffigurati senza eccesso (espressione misurata delle emozioni)

Jacques-Louis David (1748-1825)

-fa da ponte tra la pittura accademica del 700 e quella romantica che si svilupperà dopo l’età nepoleonica
-1774- vince il Prix de Rome, premio che consiste in un viaggio di istruzione in Italia per gli artisti e lì incontra sia i modelli antichi (Ercolano e Pompei) sia i modelli seicenteschi (in particolare si ispira a Raffaello)

Giuramento degli Orazi (1784)

-Ritenuto l’emblema della pittura neoclassica
-Orazi= 3 fratelli della tragedia Horace: guerra dei romani vs sanniti, non si arriva a un punto di svolta allora bisogna scegliere tre persone di ogni tribù (i 3 orazi da parte dei romani) e i romani vincono la guerra.
-Rappresentato il momento del giuramento di fedeltà alla patria, l’affidamento delle armi- scena centrale. Infatti il punto focale di tutta l’opera sono le spade, infatti sono illuminate dalla luce e sono anche il centro narrativo. Poi lo sguardo si sposta sulle due donne a destra che sono addolorate ma in modo composto
-La stanza è completamente disadorna, architettura classica

Assassinio di Marat (1793)

-Rende onore a Marat, uno dei capi della rivoluzione francese ucciso da Charlotte Corday
-La luce illumina il corpo di Marat- volto sereno mostra la sua dignità (ha dato la vita per il paese, martire laico). Si trova nella vasca da bagno e tiene in una mano la lettera dell’assassina e nell’altra la penna.
-Posizione che ricorda quella di un cristo deposto dalla croce (analogia- martire della vecchia religione e martire della nuova religione rivoluzionaria)

-A destra c’è uno scrittoio (con l’epigrafe di David) e per terra il pugnale abbandonato- scena composta e molto semplice
-A differenza dei quadri di Goya\Fussli che fanno trasparire l’inquietudine umana e la crudeltà della morte, questa opera di David è rappresentata un po’ dopo l’assassinio invece che nel momento effettivo in modo che l’accento sia sul lato positivo, sui motivi per cui è morto. Quindi questa opera ha anche uno scopo educativo agli ideali della patria attraverso l’esempio di un martire.
Napoleone al Passo del San Bernardo (1800- commissionato dal re di Spagna)
-Napoleone che attraversa l’Italia (Campagna d’Italia)- idealizzazione di questa impresa
-Vestito da guerra e in modo cerimonioso allo stesso tempo- immagine idealizzata di Napoleone- scopo celebrativo e educativo, mostra l’idea di Napoleone come condottiero
-Grande natura intorno- pietre con incisi i nomi Bonaparte, Annibale e Carlo Magno, i più grandi condottieri (quello di Napo è più grande in segno della sua ambizione a superarli)
-Napoleone sta guardando noi e con il dito indica la via- segno di sicurezza


Antonio Canova (1757-1822)

-uno dei piu grandi scultori neoclassici
-va a Roma per ispirarsi ai modelli classici
Napoleone come Marte pacificatore (1802, conservata a Londra, copia di bronzo a Brera)
-nudo eroico, corpo a forma di x (ripresa del classico) ritraente Napoleone nel ruolo del dio romano Marte, con in mano una Vittoria Alata e un'asta nella mano sinistra, posizione atletica
-Profilo alla greca- considerato canone di bellezza
-marmo

Paolina Borghese come Venere vincitrice (1805-1808, marmo bianco)

-commissionata da Camillo Borghese, marito di Paolina, sorella di Napoleone

-Paolina con le sembianze di Venere, ritratto all’antica
-Adagiata sul divano appoggiata con un fianco alla spalliera- coperta solo con un panno nella parte inferiore del corpo
-Pelle liscissima, levigata, sembra morbidissima- profilo greco perfetto, acconciatura elaborata
-Studio delle pieghe e drappeggi, fanno risultare i materiali differenti e quasi veri

Amore e Psiche (Marmo di Carrara)

-Psiche giace sopra una roccia e Amore (alato) scende su di lei fino quasi a toccare le sue labbra.
-Divinità greche: secondo il mito Amore era innamorato di Psiche, ma non poteva essere guardato in viso
-Le loro braccia creano una cornice per i loro visi

Appiani

Ritratto di MadamePetiet con i figli
-Pose artificiose
-Scopo: celebrarne l’eleganza
-Figura di spicco

Napoleone alla battaglia di Lodi

-Momento prima della guerra→non lascia trasparire gli orrori della guerra (vs Goya)
-Personaggi posizionati in modo ordinato e composto
-Scopo: celebrare Napoleone, non denunciare la guerra


Architettura neoclassica- non copia spudorata modelli classici, ma vengono presi degli elementi e messi insieme creando una classicità che non è mai esistita. Righe ortogonali tra loro e non curve, ripresa di un modulo fisso.

Giuseppe Piermarini

-Teatro alla Scala- costruito sull’area dell’antica chiesa di Santa Maria alla Scala
-struttura compatta con membrature architettoniche poco rilevate
-primo piano impostato su un alto basamento a bugnato, corpo centrale avanzato coronato da un frontone classico
-Giardini di Porta Orientale
-ideale di spazio pubblico armonioso, pulito e razionale e nello stesso tempo solenne- la società vive meglio in un posto ordinato

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email