Ominide 2473 punti

Leonardo da Vinci è figlio illegittimo di un notaio e nasce a Vinci, fuori Firenze nel 1452. Si pensa che la madre sia Caterina, una semplice cittadina. Leonardo viene preso dalla famiglia del padre, allevato e gli fu data un’educazione. Egli, come lui stesso dice, non è un uomo di lettere: non conosceva il latino. Impara da autodidatta, con il nonno e lo zio che gli diedero lezioni. Lui è sempre stato allevato dalla famiglia illegittima del padre perché era l’unico figlio maschio. Era quello che noi definiremmo un dislessico. Scrive in maniera particolare: tendeva a scrivere al contrario e questo diventa una distinzione dei suoi scritti

L’Annunciazione

Una delle prime opere che Leonardo da Vinci fa da solo è l’annunciazione. Si vede una novità: le precedenti annunciazioni erano rappresentate all’interno di una struttura, mentre questa annunciazione è in esterno.
Leonardo da Vinci va alla corte di Ludovico il Moro per realizzare un ritratto della moglie. Esso ha lo sfondo totalmente nero. La luce viene tutta da un lato quindi il chiaroscuro è forte. Si vede lo sfumato: la parte in ombra del viso si confonde con lo sfondo.
La donna è rappresentata con un leggero sorriso, come se guardasse qualcosa, un sogno ad occhi aperti. Il leggero sorriso abbozzato avviene sempre perché usa lo sfumato.
Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email