Video appunto: Bernini, Gian Lorenzo - Il baldacchino di San Pietro (2)

Il baldacchino di San Pietro



Papa Urbano VIII Barberini, una volta eletto, affidò a Gian Lorenzo Bernini che aveva appena 26 anni, la realizzazione del Baldacchino di San Pietro. Il baldacchino avrebbe dovuto riprendere il ciborio delle antiche basiliche paleocristiane. Il ciborio era una sorta di tabernacolo sostenuto da quattro colonne, posto sopra l’altare maggiore, per attirare l’attenzione dei fedeli sul fatto che sotto era collocata la tomba del martire a cui era dedicata la chiesa.
Il compito era molto difficile per l’artista avrebbe dovuto raccordare il baldacchino con le proporzioni della cupola di Michelangelo sovrastante e, contemporaneamente, non rinunciare alla propria individualità; inoltre, si trattava di conciliare il concetto rinascimentale secondo cui tutto lo spazio avrebbe dovuto concentrarsi tutto in direzione della cupola con il concetto barocco secondo cui tutto il movimento avrebbe dovuto proiettarsi verso l’esterno. Per questo motivo, Bernini non costruì un ciborio, ma un’edicola poggiata su delle colonne. Infine, eresse un baldacchino, apparentemente mobile, inteso come addobbo festivo. Le quattro colonne di bronzo con riflesso dorato sono tortili e si avvitano verso l’alto.

Nelle nicchie intorno, Berini collocò quattro statue colossali, una delle quali fu scolpita da lui stesso; si tratta di San Longino, che, generalmente, viene identificato con il soldato che trafisse con la lancia il costato di Gesù e che, convertitosi al Cristianesimo, sarebbe poi stato martirizzato. Per questo, Bernini lo ha rappresentato con una lunga lancia. La statua è alta 4,40 m. Sulle logge che sovrastano le nicchie, Bernini collocò delle colonne tortili provenienti dalla vecchia basilica paleocristiana, più piccole di quelle del baldacchino, ma che costituiscono un punto in comune fra arte antica e moderna.
Le quattro colonne non sono collegate da un architrave, ma da pendoni, cioè da falde che imitano una ricca stoffa, disposti a festone, La parte superiore del baldacchino si conclude con quattro volute angolari che si assottigliano man mano che si avvicinano al punto di congiunzione, sotto il globo centrale, sormontato da una croce. Nell’insieme, il baldacchino ha delle proporzioni colossali che, però si alleggerisce grazie alle forme architettoniche e alle decorazioni: un esempio ci è fornito dall’effetto ottico, provato scientificamente, derivato dal bronzo cupo in cui sono inserite delle decorazioni auree. Lo stesso effetto non sarebbe stato raggiunto nel caso in cui le colonne tortili fossero stato di un colore chiaro con delle membrature scure.