J.lee di J.lee
Ominide 1094 punti
Questo appunto contiene un allegato
Bernini, Gian Lorenzo - Baldacchino scaricato 5 volte

Baldacchino - Bernini

Su quattro giganteschi basamenti rivestiti di marmi colorati si ergono altrettante colonne tortili in bronzo dorato, decorate con viticci, api e putti e coronate da imponenti capitelli compositi. Sui capitelli si impostano a loro volta quattro dadi che distanziano il capitello stesso dalla soprastante trabeazione, creando nel contempo un effetto ottico di maggior slanciatezza. Anche la trabeazione, concava verso l’interno, appare leggera e preziosa e, pur essendo anch’essa in fusione di bronzo dorato, imita le falde pendenti di un baldacchino in tessuto. Al posto di un tetto vengono impiegate quattro enormi volute foggiate a dorso di delfino. Esse si elevano dai quattro angoli opposti della struttura e convergono diagonalmente verso il centro, sorreggendo un elemento di raccordo sul quale poggia una grande sfera sormontata da una croce. Pur essendo elevatissimo ci appare esile e perfettamente proporzionato. Le colonne tortili danno alla struttura un grande slancio verticale, come di quattro enormi spirali che si avvitano verso l’alto. Il colore scuro del bronzo contro la chiara policromia dei marmi circostanti snellisce ancora di più la struttura. Leggerezza accentuata anche dalle trabeazioni concave e dalle duttili volute della copertura.

Autore: Gian Lorenzo Bernini.
Titolo: Baldacchino.
Data: 1624 - 1633.
Collocazione: Città del Vaticano, Basilica di San Pietro.
Tecnica e materiali: Opera architettonica.
Dimensioni
Committenza: Fu costruito per il volere di papa Urbano VIII, e doveva avere proporzioni tali da potersi inserire in modo armonico sopra l’altare maggiore, nell’immenso spazio vuoto sottostante alla cupola di Michelangelo.

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email