Ominide 1312 punti
Questo appunto contiene un allegato
Bernini, Gian Lorenzo (3) - Apollo e Dafne scaricato 3 volte

Apollo e Dafne

È rappresentato il mito greco raccontato da Ovidio che narra del bel dio che insegue la ninfa Dafne che si trasforma in alloro per sfuggire alle voglie di Apollo.
La scultura si trova nella Galleria Borghese di Roma e presenta le caratteristiche della nuova arte Barocca. La scena rappresenta il momento culminante della storia: il dio cerca di abbracciare Dafne e in quell'istante lei si trasforma in alloro , avendo chiesto aiuto al al padre Penéo, dio dei fium. Una gamba di Apollo è ancora sollevata nella corsa, una mano è già sul ventre di Dafne. Le braccia della ninfa, si trasformano in rami e le gambe in corteccia. Il volto di Dafne esprime una drammatica sorpresa.

La scultura si apre nello spazio (confronta con la pietà di Michelangelo). L'aria penetra tra le foglie, tra i capelli, i panneggi e le figure.
Prevalgono linee curve e dinamiche. Le luci sono intense poiché riflesse dal corpo morbido delle figure; poche ombre nei panneggi molto vibranti (sono ombre leggere). La superficie del marmo è levigatissima e crea effetti mimetici, cioè imita il materiale che rappresenta (pelle, foglie, corteccia, panneggi...).

Hai bisogno di aiuto in Dal Rinascimento al Romanticismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email