Ominide 1312 punti

Giotto

Allievo di Cimabue, ebbe un talento naturale e straordinario per il disegno. Giorgio Vasari scrisse nel 1500 “La vita dei più eccellenti attori, scultori e architetti” e racconta che Giotto mentre incideva su una roccia la figura di una pecora nei dintorni di Firenze fu visto da Cimabue. Il maestro stupito chiese al padre di poterlo portare a bottega. Ben presto Giotto superò per abilità il maestro e rivoluzionò la pittura superando la tradizione bizantina.
Giotto introdusse alcuni elementi innovativi nella pittura medievale:
Giotto sostituisce il fondo d'oro con uno sfondo naturalistico, e i santi sono posti in un contesto di paesaggio urbano o naturale, il cielo è azzurro, ci sono case, rocce, etc; introduce poi una prospettiva a spina di pesce (intuitiva) superando l'impostazione bidimensionale dell'arte bizantina. Gli edifici, gli oggetti presentano delle linee diagonali che convergono, inoltre introduce un forte plasticismo nelle figure utilizzando il chiaroscuro che fornisce volume alle figure;

Giotto in questo modo da una dimensione umana alle figure sacre, i santi agiscono nella città, si muovono tra la gente.

Hai bisogno di aiuto in Medioevo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità