Ominide 2165 punti

Il Tempio di Afaia a Egina


Il Tempio di Afaia a Egina, eretto fra il 510 e il 500 a.C., è caratterizzato dalla vivace policromia e dalla cura delle rifiniture, aveva una peristasi piuttosto ridotta intorno alla cella a tre navate, dotata di pronao e opistodomo. Il colonnato era luminoso e solenne, grazie alla notevole ampiezza degli intercolumni e all'uso di una colonna dorica più slanciata del consueto. I frontoni del tempio raffigurano le due guerre di Troia: la scelta di questi soggetti fu motivata dal fatto che entrambi i conflitti ebbero tra i protagonisti eroi legati a Egina, uno Talamone e l'altro il figlio Aiace. Con il Tempio di Afaia il frontone dorico raggiunse la maturità compositiva mediante la scelta di un soggetto unitario. L'unità dei due complessi decorativi si osserva anche nell'analogo ruolo dominante della figura centrale di Atena, circondata dai guerrieri. La dea non combatte direttamente e svolge nella scena quasi una funzione di arbitro. inoltre, per la prima volta, la composizione tiene conto della forma del timpano e distribuisce le figure in modo da occupare organicamente lo spazio. Il frontone occidentale è il più antico e raffigura la seconda guerra di Troia, narrata nell'Iliade di Omero. La dea Atena è al centro, immobile; intorno a essa si dispongono simmetricamente i guerrieri, che combattono duelli isolati; i gruppi di figure sono collocati in modo tale da guidare l'occhio dell'osservatore verso l'esterno, dove si allungano i guerrieri morenti e si conclude la scena. Il frontone orientale, più recente, raffigura la prima guerra di Troia. Atena è ancora al centro ma è più coinvolta nell'azione; la battaglia si sposta dai margini verso l'interno e la composizione collega più strettamente le figure, raccolti in gruppi di tre. Il maestro del frontone orientale costruisce dunque una scena unitaria e infonde nelle figure maggiore concentrazione e intensità espressiva.

Hai bisogno di aiuto in Epoca Classica e Pre-Classica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email