Ominide 154 punti

Arte Egizia - Sculture, pitture, architetture


Periodo che va dal 3000 a.C. al 525 a.C. circa, tra le varie civiltà antiche quella egizia è sicuramente la più importante.
Nel corso dei secoli ha saputo mantenere costante la sua cultura senza farsi influenzare dalle altre.
Assunse grande importanza l'architettura, in Egitto si è sempre mantenuto il legame tra religione e arte, perciò i templi sacri ma soprattutto le piramidi vennero considerate le più grandi costruzione egizie.
Inizialmente non erano vere e proprie piramidi infatti venivano chiamate matabe a forma tronco piramidale, erano attraversate da un pozzo centrale che conduceva alla stanza dove si trovava il sarcofago.
Inizialmente ci si seppellivano le famiglie nobili con i loro familiari, ma ben presto divennero tombe per funzionari dello Stato. Per il faraone invece si costruirono le piramidi a gradoni.
Avevano una base ampia dove si trovavano diversi strati di pietra, era alta 60 metri e il sarcofago era 30 metri sotto il suolo.
Intorno al 2500 a.c. vennero edificate le piramidi vere e proprie con parete liscia dove i gradoni non si vedono perché nascosti.
Qui troviamo le piramidi di Cheope, Chefren e Micerino a El-Giza.
I templi invece erano formati da due parti: la prima pubblica quindi accessibile a tutti i cittadini, formata da un ingresso detto pilone, un cortile e una sala trasversale detta ipostila (ambienti a copertura piana sorretti da colonne).
La seconda parte invece era formata da un santuario vero e proprio accessibile solo al faraone e ai sacerdoti.
Altra elemento importante dell'arte Egizia è la scultura. Gli scultori per lavorare bene dovevano attenersi a rigide regole che sono rimaste le stesse per molti secoli.
Venivano scolpiti Faraoni ma anche funzionari e personaggi minori. Il faraone veniva scolpito in due posizioni: la prima era in piedi con una postura rigida, braccia lungo i fianchi con pugni chiusi simbolo del potere regale, gamba sinistra in avanti in corrispondenza del cuore simbolo di vita.
Uno degli esempi da prendere in considerazione è la scultura del faraone Micerino con la moglie Khamerer-Nebti risalente al 2550 aC.
La seconda era invece rappresentata in posizione seduta con il busto eretto e mani appoggiate sulle gambe.
Per quanto riguarda la pittura invece venivano rappresentati uomini, donne, bambini mettendo in rilievo il loro aspetto fisico, mentre i faraoni e gli dèi venivano raffigurati mettendo in rilievo la loro importanza.
Hai bisogno di aiuto in Epoca Classica e Pre-Classica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email